Stella e Rizzo: "Se muore il Sud, muore l'Italia intera" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Stella e Rizzo: “Se muore il Sud, muore l’Italia intera”

Rosaria Brancato

Stella e Rizzo: “Se muore il Sud, muore l’Italia intera”

lunedì 16 Dicembre 2013 - 09:15
Stella e Rizzo: “Se muore il Sud, muore l’Italia intera”

Se muore il Sud muore l'Italia intera. Ma se muore il Sud è anche e soprattutto colpa nostra. E' un pugno allo stomaco il nuovo libro di Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo presentato ieri al Royal, una carrellata di dati e di analisi lucide che raccontano una situazione disperata ma non definitiva. I due giornalisti invitano a dare spazio "al Sud che vola".

“La situazione è disperata, o c’è una svolta o non ne usciamo”. Perché, se muore il sud, e il sud sta morendo, è sotto gli occhi di tutti, allora muore l’Italia intera, quella costruita con il sangue di tutti, da nord a sud, negli anni della faticosa unità.

La situazione è disperata dicono Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo al Royal, in occasione della presentazione del loro ultimo libro “Se muore il Sud”, organizzata dal Rotary club Stretto di Messina, e lo spiegano con una carrellata di cifre che parte dal Risorgimento, dall’unità, fino al dopoguerra fino all’era di Grillo.

C’è un momento in cui, guardando sullo schermo i grafici, i numeri impietosi, la rabbia e l’indignazione ti fanno venir voglia di alzarti e lasciare la sala , ma l’analisi dei due giornalisti, come sempre, è lucidissima, a tratti spietata, ma reale e si conclude con una finestra, un invito a cambiare strada una volta per tutte.

“Dobbiamo saper interpretare la storia in modo corretto, senza eccessi né da una parte né dall’altra”, spiega Stella, invitando all’obiettività tra una posizione leghista ed una ultrameridionalista. E’ lì, in quella strada di mezzo, che c’è la verità, anche se fa male. Come diceva Einstein “E’ più facile disintegrare un atomo che distruggere un pregiudizio”.

Il Sud sta morendo, è un dato che emerge dalle classifiche delle regioni Europee: la Sicilia è ultima per infrastrutture e per competitività, siamo penultimi per occupazione femminile (appena il 34%) siamo terzultimi per occupazione (42,6%). E stiamo parlando di Europa. In Italia, la Sicilia è agli ultimi posti in tutte le classifiche, tranne in quella degli stipendi dei politici dell’Ars, e quanto alle città dell’isola, siamo sempre negli ultimi 10 posti delle classifiche per qualità della vita.

Per la prima volta dopo le epidemie come la spagnola (1918) il mezzogiorno ha più morti che nati e i laureati che abbandonano l’isola sono passati in 10 anni dal 10% al 25%, più del doppio.

Di grafico in grafico l’inchiesta di Stella e Rizzo affonda nella carne della verità, con gli investimenti esteri che vanno per il 94,6% al nord e solo il 5% al sud, ma del resto, sappiamo bene che quando arrivano i milioni dell’Unione Europea li facciamo saccheggiare quindi non chiediamoci perché nessuno investe qui.

Se l’Ue finanzia 15 milioni di euro al Ciapi (ma è solo una delle tante vergogne della formazione siciliana) per ottenere 18 apprendisti, e badate bene stiamo parlando di apprendisti non posti di lavoro, non chiediamoci perché stiamo morendo.

Dolce e Gabbana raccontano che non trovano sarte- dicono i due giornalisti- però poi scopriamo di milioni di euro spesi dall’Europa per corsi di formazione al sud per onicotecnico o per abbronzatura artificiale… In 10 anni la formazione è stata un buco nero di 4 miliardi di euro”.

Ma non c’è da stupirsi se scambiamo le casse dell’Unione europea per un bottino di guerra, dal momento che, ad esempio il segretario regionale dell’Ars prende il triplo di Obama, e i deputati siciliani sono i più pagati d’Italia.

La Bulgaria, con i soldi europei è passata in 10 anni (dal 2000) da un Pil del 35% al 75%, superando di ben 11 punti la Calabria. E stiamo parlando della Bulgaria,che noi consideriamo quasi terzo mondo…. Noi del sud usiamo i fondi europei per realizzare il “Giardino dei fiori” e il “Profumo di lavanda”.

Nel 2012 i turisti hanno speso in Italia 32 miliardi, ma in Sicilia ne sono stati spesi appena 4 miliardi. Del resto i nostri siti museali non esistono in rete e, ad esempio, il sito ufficiale della Regione conosce solo due lingue, l’italiano e l’inglese.

Siamo un paradiso rispetto alle Baleari, eppure i voli charter per la Sicilia sono 17 contro i 223 delle Baleari. Nel 2012 hanno scelto la Sicilia 3 milioni e mezzo di turisti, mentre sono andati alle Baleari in 41 milioni. Con la differenza che noi abbiamo i templi di Agrigento, Noto, Taormina, la storia e la preistoria, cinque siti proclamati patrimonio dell’umanità dall’Unesco e loro hanno solo il mare, il sole, ed evidentemente un’altra testa.

Il Sud sta morendo e i veleni dell’Acne di Cengio sono stati spostati a Giuliano e nessuno ha mosso un dito. I veleni della Terra dei fuochi sono arrivati lì perché sono stati gli stessi politici ed amministratori a vendere la vita dei loro concittadini e oggi il sacerdote di Caivano dice messa con le foto dei bimbi morti al fianco dell’altare e le letterine “grazie Gesù per ogni giorno di vita in più che mi regali”.

Pochi chilometri più in là c’è la Reggia di Carditello, abbandonata e smantellata pezzo per pezzo dai casalesi che ci hanno arredato le ville e nessun imprenditore vuole investire perché per aprire un cantiere di restauro deve scendere a patti con loro.

Ma poi c’è quello che Stella e Rizzo chiamano “il sud che vola”, che è quello di Mimmo Costanzo che ha finito con un anno e mezzo di anticipo il tratto di autostrada Salerno-Reggio Calabria (senza cedere ai ricatti dei subappalti), ci sono i fratelli Finocchiaro di Harmont & Blain che hanno invaso il mondo di Polaretti e solo in Corea ne vendono 18 milioni. Ci sono i due trentenni pugliesi Petrovillo e Belviso che con i soldi di un progetto vinto alla Regione (senza raccomandazioni, 25 mila euro) e dopo le porte sbattute in faccia da 42 banche, hanno trovato chi ha finanziato il loro sogno dell’aereo ultraleggero, il primo al mondo. Ed è lì, in Puglia che si costruisce anche il nuovo Boeing 787.

Questo è il Sud che muore di Stella e Rizzo, una fotografia che però lascia intravedere non la speranza, ma la terra dove seminare.

Però poi c’è l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo che tuona “Ulisse è stato il primo il primo invasore” e non guarda sotto il suo naso, non vede che gli unici saccheggiatori della nostra terra siamo noi. Dovremmo imparare a guardare sotto il nostro naso e cacciare quegli invasori che hanno i nostri stessi cognomi e le nostre stesse radici.

Perché è vero che Se muore il sud muore l’Italia, ma se muore il sud è anche e soprattutto colpa nostra.

Rosaria Brancato

Tag:

4 commenti

  1. Ho risposto all’invito e assistito alla presentazione. I due autori di Best seller, Stella & Rizzo, giornalisti del Corriere sono stati accolti con la proverbiale ospitalità messinese che a tratti però a mio giudizio, e’sfociata in una troppo passiva adesione acritica delle tesi espresse dai due autori; comprovando quel sottile complesso di inferiorità al quale non riusciamo a sottrarci nei confronti di chi viene dal Nord. Viaggiando e imbattendomi spesso in luoghi ed anime” nordiste” non ho difficoltà ad individuare assieme alle luci anche le ombre di una sottile ed inconscia diffidenza ” razzista” di cui sono spesso preda e vittime anche alcuni nostri bravi e valorosi “paesani” emigrati al Nord.. Viene il sospetto che i due, pur sbandierando correttamente (politically correct) la necessità di salvare il Sud , cavalchino l’attuale ondata mediatica di critiche e maldicenze sul “capo” delle classi dirigenti meridionali che pur ” storicamente” condivisibili, nella sostanza provocano una sorta di condanna di tipo social-antropologico, con inevitabili sfumature ” razziste” su buona parte della società meridionale .
    Risposta preoccupata a Pino Aprile ed a quei movimenti autonomisti che si stanno affacciando con più spregiudicatezza solleticando e puntando sull’orgoglio e la disperazione del popolo del sud ? La linea editoriale del Corriere della Sera e’ smaccatamente al servizio dei forti poteri economico finanziari Nordocentrici ( le banche e i gruppi industriali proprietari del giornale hanno interessi specifici da tutelare) Non è azzardato immaginare che le due star eseguano ordini di scuderia editoriale a vantaggio di un preciso disegno politico postleghista che ci vuole rassegnatamente sottomessi, spreconi e poco competitivi …insomma di …serie B. ” il Sud sembrava perduto” sostiene Stella. Si stanno preparando due campionati, di serie A e di serie B? Una prova? Da me stimolati a dare una opinione sulla scandalosa e ” paralizzante” mancanza di infrastrutture al Sud, in primis il ponte, Stella non ha saputo che farfugliare: che ponte si ponte no, “non entro nel merito” avete eletto Accorinti che comunque non lo vuole( il paradosso Messina) … Rizzo invece …se ne esce con la “sparata” che da noi il Ponte non si può fare..ho controbattuto ” i numerosi cantieri aperti al Nord , Expo Tav Mose Orte Mestre Bre Mi Be e ventilato il sospetto di razzismo..E’ intervenuto perentoriamente Lino Morgante affermando che il “Ponte non si fa perché non lo vuole la classe politica”. “Quod erat demonstrandum ” ( come volevasi dimostrare )

    0
    0
  2. Condivido in pieno. Il fatto che la “questione meridionale” sia esclusivamente dovuta all’incapacità (per evidente) dei nostri amministratori, è solo un alibi per consentire che al sud venga dato sempre meno. A tal proposito, Rizzo e Stella, nel “tirare la volata” al sistema economico nord-centrico, non citano il fatto che il maggior numero di progetti finanziati con i fondi “coesione” siano in lombardia; tantissimi progetti piccolissimi, con finanziamenti ridicoli e con finalità quantomeno discutibili… cosa che puntualmente si rimprovera al sud in cui, si dice, i fondi si perdono sempre in “mille rivoli”. E non citano neanche come sia stata fatta la distribuzione dei fondi per l’università, o la riforma dei costi standard per la sanità (che non ha niente a che vedere col garantire che ogni prestazione costi uguale in tutte le regioni, ma serve solo a ridurre i finanziamenti alle regioni più bisognose). Vi invito a leggere degli articoli di Marco Esposito, giornalista del Mattino, su tali argomenti… Per concludere, Rizzo e Stella non fanno mai cenno alle responsabilità dello Stato, parlano spesso senza cognizione di causa e si rifiutano di confutare le tesi di chi li avversa (Sul fatto che il regno delle sicilie fosse più ricco del nord, in termini di denaro contenuto nelle sue casse, dicono semplicemente: “non è vero, chissenefrega”);

    0
    0
  3. A afr morire Messina intanto non preoccupatevi. Ci pensa Accorinti

    0
    0
  4. Mi viene in mente una canzone meridionale: ” che ti lamenti ma che ti lamenti pigghia lu bastuni e tira fora li denti”. La dedico a chi ha l’orgoglio di volere cambiare.Sono stato sintetico e bravo Giuttari…poi a Morgante direi tante cose sulla sua testata ma non ho i soldi per pagare tutti gli avvocati che mi servirebbero …e lascio libera la fantasia dei lettori.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x