Arrivati 309 migranti, tante le famiglie di siriani in fuga dalla guerra. LE FOTO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Arrivati 309 migranti, tante le famiglie di siriani in fuga dalla guerra. LE FOTO

Veronica Crocitti

Arrivati 309 migranti, tante le famiglie di siriani in fuga dalla guerra. LE FOTO

venerdì 29 Agosto 2014 - 06:38
Arrivati 309 migranti, tante le famiglie di siriani in fuga dalla guerra. LE FOTO

A meno di 48 ore distanza, Messina accoglie altri 309 migranti. Sono giunti stamattina intorno alle 7.30 al Molo Colapesce, lo stesso che solo due giorni fa ha visto arrivare 262 tra uomini, donne e bambini, tutti provenienti dall'Africa Subsahariana e poi trasferiti tra la Caserma Gasparro dell’ex area militare di Bisconte e la struttura idonea di Fondachelli Fantina. GALLERY DI SERENA CAPPARELLI

La nave chemichiera Mild Natural aveva issata la bandiera delle Isole Cayman quando, questa mattina alle 7.30, ha fatto il suo ingresso nel Porto di Messina con a bordo intere famiglie di profughi, uomini, donne, tantissimi bambini. Erano 309 in tutto, 206 uomini, 60 donne, 43 bambini ed anche una donna al nono mese di gravidanza subito soccorsa e trasportata via in ambulanza.

Avevano ancora i borsoni in mano quando hanno messo piede sul Molo Colapesce, accolti dall’ormai tarata macchina organizzativa. Molti di loro erano affamati, i bambini chiedevano i biscotti. Perché questa volta, a sbarcare a Messina, sono stati soprattutto interi nuclei familiari, per la maggior parte di origine siriana, in fuga dalla guerra civile.

Avevano cominciato il loro “viaggio della speranza” giorni addietro per poi ritrovarsi, come sempre accade, in mare aperto, a più di 150 miglia dalle coste libiche. La nave Mid Nature li ha salvati lì, in acque internazionali, e poi in nottata li ha condotti fino alle rive dello Stretto. Ad attenderli su quello stesso Molo che solo due giorni fa aveva aperto le braccia ad altri 262 migranti, c’erano due pullman. Dopo le primissime visite mediche effettuate direttamente sulla Nave, tutti gli uomini, le donne ed i bambini sono stati trasportati nella tendopoli allestita al Palanebiolo dell’Annunziata. Per il momento rimarranno lì, fin quando non termineranno le operazioni di identificazione. Una sistemazione di certo temporanea, considerando che per molti di loro Messina sarà solo una tappa di passaggio. (Veronica Crocitti)

GALLERY DI SERENA CAPPARELLI

(Ultimo aggiornamento ore 12.45)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007