Omicidio di Spadafora. "Gabriele non accettava la nuova compagna del padre" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Omicidio di Spadafora. “Gabriele non accettava la nuova compagna del padre”

Redazione

Omicidio di Spadafora. “Gabriele non accettava la nuova compagna del padre”

sabato 29 Agosto 2020 - 17:08

Il racconto del cugino, che vive nella villetta accanto

“Mi sono svegliato di soprassalto, ho sentito gridare la compagna di mio zio e sono andato nella villetta accanto la nostra e l’ho visto in un lago di sangue». Così un nipote di Pierluigi Mollica, 59 anni, imprenditore operante nell’editoria e nel basket e socio fondatore del nostro giornale, ricostruisce la notte di tragedia a cui ha assistito a Spadafora, nel Messinese, dove suo cugino Gabriele, 20 anni ha assassinato il padre.

«Ho chiamato subito ambulanza e carabinieri – ricorda parlando con l’Ansa – ma non c’è stato alcunché da fare per mio zio. Per la nostra famiglia è una tragedia. Ho chiesto a mio cugino perché lo avesse fatto, ma era sotto shock e mi ha detto: “Cosa ha fatto lui non io”. Purtroppo – aggiunge – la verità è che non aveva mai accettato che mio zio si fosse separato dalla moglie e si fosse rifatto una vita. E non voleva che la nuova compagna stesse con loro in casa. Tanto è vero che non voleva mai mangiare a casa e veniva da noi e dagli altri parenti a pranzare e cenare».

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x