Omicidio di Spadafora. "Gabriele non accettava la nuova compagna del padre" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Omicidio di Spadafora. “Gabriele non accettava la nuova compagna del padre”

Redazione

Omicidio di Spadafora. “Gabriele non accettava la nuova compagna del padre”

sabato 29 Agosto 2020 - 17:08
Omicidio di Spadafora. “Gabriele non accettava la nuova compagna del padre”

Il racconto del cugino, che vive nella villetta accanto

“Mi sono svegliato di soprassalto, ho sentito gridare la compagna di mio zio e sono andato nella villetta accanto la nostra e l’ho visto in un lago di sangue». Così un nipote di Pierluigi Mollica, 59 anni, imprenditore operante nell’editoria e nel basket e socio fondatore del nostro giornale, ricostruisce la notte di tragedia a cui ha assistito a Spadafora, nel Messinese, dove suo cugino Gabriele, 20 anni ha assassinato il padre.

«Ho chiamato subito ambulanza e carabinieri – ricorda parlando con l’Ansa – ma non c’è stato alcunché da fare per mio zio. Per la nostra famiglia è una tragedia. Ho chiesto a mio cugino perché lo avesse fatto, ma era sotto shock e mi ha detto: “Cosa ha fatto lui non io”. Purtroppo – aggiunge – la verità è che non aveva mai accettato che mio zio si fosse separato dalla moglie e si fosse rifatto una vita. E non voleva che la nuova compagna stesse con loro in casa. Tanto è vero che non voleva mai mangiare a casa e veniva da noi e dagli altri parenti a pranzare e cenare».

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x