Operazione Nebrodi, interdittiva antimafia per il ristorante La Quercia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Nebrodi, interdittiva antimafia per il ristorante La Quercia

Alessandra Serio

Operazione Nebrodi, interdittiva antimafia per il ristorante La Quercia

giovedì 13 Febbraio 2020 - 10:22
Operazione Nebrodi, interdittiva antimafia per il ristorante La Quercia

Dagli anni '90 ai giorni nostri, il ristorante la Quercia di Brolo era la base operativa della mafia di Tortorici. Il Prefetto di Messina lo chiude

Lo storico locale all’uscita di Brolo dovrà chiudere i battenti. Dopo il coinvolgimento di Giuseppe Condipodero Marchetta nell’operazione Nebrodi, il prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi ha adottato un’interdittiva antimafia che di fatto sospende l’attività del ristorante.

Maria Carmela Librizzi
il Prefetto Maria Carmela Librizzi

Il provvedimento arriva dopo l‘operazione Nebrodi che ha portato in carcere gli esponenti dei clan di Tortorici, batanesi e tortoriciani.

Le indagini dei Carabinieri hanno infatti rivelato che nel locale gli elementi di spicco delle famiglie si riunivano spesso. Documentata in particolare una cena, nel luglio 2016, a base di ostriche e champagne, che però non era soltanto una festa.

Giuseppe Condipodero Marchetta
Giuseppe Condipodero Marchetta

Proprio durante una cena un guasto elettrico mette sul chi va là commensali e ristoratore, e all’interno del locale viene effettuata una bonifica ambientale che rivela la presenza delle cimici dei carabinieri. Bonifica che viene effettuata sotto l’occhio vigile degli investigatori, che avevano piazzato anche diverse telecamere all’esterno (nella foto d’apertura, Giuseppe Condipodero Marchetta indica al tecnico incaricato della bonifica qualcosa proprio nella direzione delle telecamere-spia).

Pur non riuscendo ad ascoltare il summit, i microfoni degli uomini del Ros hanno anche captato la preparazione dell’incontro, preparato con molta cautela, alla ricerca di riservatezza, tra Sebastiano Bontempo “Biondino” e il cognato Giovanni Pruiti.

La Quercia, per la mafia di tortorici, è la sala del consiglio di amministrazione della grande società imprenditoriale o di capitali, ma la comparativa modestia dei soggetti e del luogo non deve fuorviare, i profitti su cui gli indagati lavorano saranno degni di altra sede e grattacieli, perché si arriva ai milioni di euro, ai finanziamenti europei, in qualche modo a Bruxelles.”, scrive il giudice Salvatore Mastroeni nel provvedimento d’arresto del blitz Nebrodi.

Il giudice fa riferimento ai precedenti di Condipodero Marchetta, già condannato per il suo legame con i tortoriciani, e al fatto che già in passato, all’epoca della faida tra i clan tortoriciani, alla metà degli anni ’90, proprio alla Quercia si erano tenute tragiche riunioni tra capi.

“L’immobile era divenuto una base operativa e logistica per i tortoriciani, all’epoca facenti capo a BONTEMPO SCAVO Cesare. In quel posto si chiedeva clemenza e venivano emesse sentenze spietate di morte dai fratelli Bontempo Cesare e Vincenzo, come da sentenze in giudicato in atti”, scrive il giudice.

Proprio la continuità storica del locale come base operativa per il clan è la motivazione dell’interdittiva antimafia siglata dal rappresentante del Governo.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007