Mense e bilanci, Accorinti investe Eller di un ruolo pubblico e “politico”. L’esperto: «Bisogna andare oltre i cavilli» - Tempo Stretto

Mense e bilanci, Accorinti investe Eller di un ruolo pubblico e “politico”. L’esperto: «Bisogna andare oltre i cavilli»

Danila La Torre

Mense e bilanci, Accorinti investe Eller di un ruolo pubblico e “politico”. L’esperto: «Bisogna andare oltre i cavilli»

giovedì 11 Febbraio 2016 - 15:42
Mense e bilanci, Accorinti investe Eller di un ruolo pubblico e “politico”. L’esperto: «Bisogna andare oltre i cavilli»

E sulla situazione finanziaria di Palazzo interviene Giambattista Coltraro, capogruppo all'Ars di Sicilia Democratica, pronto a chiedere all’ assessore regionale «l'attivazione delle procedure previste dalla legge per risolvere tale grave situazione e verificare se ci siano presupposti per un commissariamento del Comune di Messina, con ovvio scioglimento anticipato della Giunta Accorinti»

«Se un ospedale non avesse il bilancio, non curerebbe i malati?». La tesi dell’amministrazione Accorinti, secondo cui il Comune può prorogare il servizio mensa, non obbligatorio per legge ma comunque essenziale per le finalità sociali che persegue , trova nell’esperto del Centro Studi Enti Locali, Luca Ellen Vainicher, il principale fautore. C’era lui, infatti , accanto al sindaco Renato Accorinti e all’assessore Patrizia Panarello – nella conferenza stampa improvvisata nei corridoi di Palazzo Zanca all’ora di pranzo – a spiegare perché, anche in assenza del bilancio, il servizio di refezione scolastica può , anzi deve essere garantito. «Stiamo parando di un servizio che rientra nell’assistenza scolastica e come tale non può essere bloccato per mancanza del documento economico -finanziario». Da qui il suo paragone con i bilanci degli ospedali e l’assistenza ai malati.

In una veste più consona a quella di un assessore al bilancio che non a quella di un consulente, teoricamente arrivato in riva allo Stretto per formare il personale ed assistere i dirigenti comunali, Eller – autorizzato dal sindaco a fornire le spiegazioni tecniche ed investito di fatto di un ruolo pubblico e “politico”- è andato anche oltre l’aspetto delle mense, analizzando la fase di stallo che sta vivendo il Comune per non avere approvato il previsionale 2015 entro il 31 dicembre: «Il Comune non deve più pensare al 2015, siamo nel 2016 e deve amministrare pensando al nuovo esercizio. E’ ovvio che non si possono fare spese superflue, ma ci sono servizi che non devono essere sospesi».

Il super esperto toscano, già diventato persona di riferimento per la giunta Accorinti , ha inoltre sottolineato come il Comune di Messina non sia l’unico ente ad essere ancora sprovvisto del previsionale 2015: «l’armonizzazione dei bilanci ha reso più complicato il percorso e ci sono ritardi anche in altri comuni siciliani, ma non per questo l’attività degli enti si è paralizzata, bisogna andare oltre i cavilli». Anche rispetto ai limiti imposti dall’art.163 del Testo unico degli enti locali, in virtù del quale un ente in gestione provvisoria(qual è il Comune di Messina) può sostenere solo spese obbligatorie e quelle che se non effettuate potrebbero causare danno erariale, l’interpretazione di Eller è molto “free”: «bisogna andare oltre certi tecnicismi e guardare al risultato che si vuole raggiungere. Nessuno accuserebbe mai il Comune di non aver rispettato le regole aver dato un pasto caldo ai bambini».

«Dobbiamo pensare a risolvere i problemi seri, senza perdere in tempo in questioni che meritano maggior pragmatismo», il consiglio finale del super consulente, che in tal senso sta già “indottrinando” dipendenti e dirigenti comunali nelle ore di formazione previste dall’accorso con il Csel.

Intanto , nonostante la teoria “elleriana” – secondo cui è possibile amministrare normalmente anche in assenza dello strumento finanziario più importante – c’è chi – dall’esterno – continua puntare il dito contro l’amministrazione Accorinti per le inadempienze sui bilanci. Giambattista Coltraro, capogruppo all'Ars di Sicilia Democratica giudica la mancata presentazione del bilancio di previsione 2015 un «fatto d'incredibile gravità che genera la paralisi dell'attività amministrativa. Siamo di fronte ad una carenza istituzionale che compromette la credibilità del piano di riequilibrio, che già appare pregiudicato dall'ennesima richiesta di revisione da parte del Ministero».

Coltraro fa sapere che chiederà «all'assessore regionale agli Enti Locali di verificare la situazione finanziaria del Comune di Messina e, in aggiunta, l'attivazione delle procedure previste dalla legge per risolvere tale grave situazione e verificare se ci siano presupposti per un commissariamento del Comune di Messina, con ovvio scioglimento anticipato della Giunta Accorinti».

Danila La Torre

Tag:

24 commenti

  1. non c’è bisogno del bilancio? e questo sarebbe uno scienziato assunto dal Tibet? siamo persi.Io credo che anche nella più sperduta valle del tibet un pezzo di carta straccia l’approvano,a meno che non pensano che la carta serve solo per andare al “cesso”.Sciogliete questo specie di comune.

    0
    0
  2. non c’è bisogno del bilancio? e questo sarebbe uno scienziato assunto dal Tibet? siamo persi.Io credo che anche nella più sperduta valle del tibet un pezzo di carta straccia l’approvano,a meno che non pensano che la carta serve solo per andare al “cesso”.Sciogliete questo specie di comune.

    0
    0
  3. Corte dei Conti-Sez.Reg.Per la Campania.
    Parere n.7/2010 del 25.02.2010.
    Tra l’altro:
    Ai sensi e per gli effetti dell’art. 6 del decreto-legge 28 febbraio 1983, n. 55, convertito, con modificazioni, nella legge 26 aprile 1983, n. 131, le categorie dei servizi pubblici a domanda individuale sono le seguenti: omissis i punti da 1) a 9) .Al punto 10) mense, comprese quelle ad uso scolastico.
    Esperto si legga questo autorevole parere e non spari a vanvera.

    0
    0
  4. Corte dei Conti-Sez.Reg.Per la Campania.
    Parere n.7/2010 del 25.02.2010.
    Tra l’altro:
    Ai sensi e per gli effetti dell’art. 6 del decreto-legge 28 febbraio 1983, n. 55, convertito, con modificazioni, nella legge 26 aprile 1983, n. 131, le categorie dei servizi pubblici a domanda individuale sono le seguenti: omissis i punti da 1) a 9) .Al punto 10) mense, comprese quelle ad uso scolastico.
    Esperto si legga questo autorevole parere e non spari a vanvera.

    0
    0
  5. tanto..cheglienefotte ..mica li firma lui gli impegni di spesa!

    0
    0
  6. tanto..cheglienefotte ..mica li firma lui gli impegni di spesa!

    0
    0
  7. Paghiamo questo esperto per dare pareri che non hanno nessun riscontro sul piano amministrativo-contabile. Accorinti vattene a casa.

    0
    0
  8. Paghiamo questo esperto per dare pareri che non hanno nessun riscontro sul piano amministrativo-contabile. Accorinti vattene a casa.

    0
    0
  9. Cara Danila te lo spieghi perché MARIEDIT in questo frangente non interviene a favore della PIUCHETEORIA ELLERIANA? Che non abbia ragione COLTRARO e quindi MARIEDIT rimane zitto!!!!!

    0
    0
  10. Cara Danila te lo spieghi perché MARIEDIT in questo frangente non interviene a favore della PIUCHETEORIA ELLERIANA? Che non abbia ragione COLTRARO e quindi MARIEDIT rimane zitto!!!!!

    0
    0
  11. Pagano un super esperto incompetente in materia di finanza locale? Sono tutti matti da legare. La vergogna non conosce limiti

    0
    0
  12. Pagano un super esperto incompetente in materia di finanza locale? Sono tutti matti da legare. La vergogna non conosce limiti

    0
    0
  13. Non temere, sono sicuro che domattina dirà la sua. Durante l’orario di lavoro a palazzo Zanca troverà di certo un PC con connessione a internet a sua disposizione per fare i commentini.

    0
    0
  14. Non temere, sono sicuro che domattina dirà la sua. Durante l’orario di lavoro a palazzo Zanca troverà di certo un PC con connessione a internet a sua disposizione per fare i commentini.

    0
    0
  15. accidenti, non ci aveva pensato mai nessuno …. a che serve il bilancio ? si può fare a meno. l’importante è fornire i servizi senza badare troppo alle regole tecniche ….tanto le ditte che forniscono i pasti alle mense scolastiche mica si pagano con il bilancio comunale. si possono benissimo pagare con i soldi dei dirigenti e dei funzionari che hanno indetto la gara o autorizzato la spesa. Perchè l’unica soluzione è questa ….. io domani spedirò la copia di queste dichiarazioni a questo indirizzo : via Cordova, 76 Palermo alla cortese attenzione del dr. Giuseppe Aloisio…

    0
    0
  16. accidenti, non ci aveva pensato mai nessuno …. a che serve il bilancio ? si può fare a meno. l’importante è fornire i servizi senza badare troppo alle regole tecniche ….tanto le ditte che forniscono i pasti alle mense scolastiche mica si pagano con il bilancio comunale. si possono benissimo pagare con i soldi dei dirigenti e dei funzionari che hanno indetto la gara o autorizzato la spesa. Perchè l’unica soluzione è questa ….. io domani spedirò la copia di queste dichiarazioni a questo indirizzo : via Cordova, 76 Palermo alla cortese attenzione del dr. Giuseppe Aloisio…

    0
    0
  17. In questo momento mariedit sta soffrendo perché la nomina di questi superesperti dimostra che lo scalzo non si fida più degli storici lacchè e ne cerca altri

    0
    0
  18. In questo momento mariedit sta soffrendo perché la nomina di questi superesperti dimostra che lo scalzo non si fida più degli storici lacchè e ne cerca altri

    0
    0
  19. QUESTO xxxxxxxxxx e ride pure.Come dire : buddaci io mi beccu a munita e xxxxxxxxxxxxx come voglio,tanto sono un esperto.

    0
    0
  20. QUESTO xxxxxxxxxx e ride pure.Come dire : buddaci io mi beccu a munita e xxxxxxxxxxxxx come voglio,tanto sono un esperto.

    0
    0
  21. Scoop, scoop, scoop… mariedit non può scrivere perché sta lavorando(?) sul bilancio, vista la scadenza… Presto ci darà altri numeri (chi vuole, può giocarseli al lotto) e poi, quando il bilancio sarà ancora una volta bocciato, ci dirà che a Catania bla.. bla.. bla.. e a Palermo bla.. bla.. bla.. e poi che i revisori fanno ostruzionismo e, per finire, che non è colpa dello scalzo ma, ovviamente, di quellicheceranoprima.

    0
    0
  22. Scoop, scoop, scoop… mariedit non può scrivere perché sta lavorando(?) sul bilancio, vista la scadenza… Presto ci darà altri numeri (chi vuole, può giocarseli al lotto) e poi, quando il bilancio sarà ancora una volta bocciato, ci dirà che a Catania bla.. bla.. bla.. e a Palermo bla.. bla.. bla.. e poi che i revisori fanno ostruzionismo e, per finire, che non è colpa dello scalzo ma, ovviamente, di quellicheceranoprima.

    0
    0
  23. mi dispiace ma la devo smentire,il computer comunale ha preso: Cryptolocker

    0
    0
  24. mi dispiace ma la devo smentire,il computer comunale ha preso: Cryptolocker

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007