Il CUS Unime cede in gara 3 alla Rainbow. Adesso è il momento del Napoli - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il CUS Unime cede in gara 3 alla Rainbow. Adesso è il momento del Napoli

Leonardo Berti

Il CUS Unime cede in gara 3 alla Rainbow. Adesso è il momento del Napoli

lunedì 10 Aprile 2017 - 11:27
Il CUS Unime cede in gara 3 alla Rainbow. Adesso è il momento del Napoli

Ancora una volta al PalaNebiolo passa la Rainbow Catania e per il CUS Unime il sogno di vincere il campionato di Serie B si infrange nella frazione conclusiva di gara 3 della finale playoff.

Il finale dell’incontro recita 57-56 in favore delle ospiti che per la terza volta in questa stagione espugnano il fortino delle universitarie e ne denunciano i limiti caratteriali: mentre in trasferta le ragazze allenate da Mara Buzzanca non hanno mai perso, davanti al proprio pubblico le cussine non si sono sempre espresse al meglio dimostrandosi, anzi, incapaci di esprimere a pieno il proprio enorme potenziale. Come in gara 1, tra l’altro, ancora una volta le universitarie si inceppano sul più bello, fallendo sul -1 due tiri liberi a due secondi dalla sirena finale. Certo l’infortunio della Kramer, condizionata da qualche settimana da un problema muscolare, e qualche decisione arbitrale dubbia che ha penalizzato oltremodo la Certomà non bastano a giustificare la sconfitta contro delle avversarie che, dal canto loro, si sono presentate all’incontro prive di alcuni elementi.
Nei primi due periodi di gioco la partita scorre in maniera equilibrata: le ospiti della Rainbow scappano via (+6 al 13’) ma le cussine riescono a ricucire lo strappo e, anzi, chiudono la seconda frazione in vantaggio (34-29). Il terzo quarto inizia anche nel migliore dei modi, con due triple che segnano il momentaneo 40-31 e potrebbero segnare la svolta dell’incontro. Invece le ospiti, grazie soprattutto alla sedicenne Spampinato (top scorer del match con 23 punti) nell’ultimo parziale annulla il vantaggio delle padrone di casa e ribalta il risultato (51-53 al 36’). A 70 secondi dalla conclusione dell’incontro una tripla di Borgia ristabilisce la parità, ma Ferlito riporta avanti le sue con un tiro libero che sancisce la vittoria delle etnee, dato che dalla lunetta la messinese Natale non riesce a strappare neanche il punto che varrebbe i supplementari.
Adesso il CUS Unime, in qualità di seconda forza del torneo siciliano, affronterà nei quarti di finale la prima del girone campano, il Don Bosco Napoli, che avrà dalla sua il vantaggio di giocare l’eventuale gara 3 in casa.

CUS Unime – Rainbow Catania 56-57 (15-18; 34-29; 49-42)
CUS Unime: Lombardo 9, Kramer 3, Natale 2, Borgia 9, Scardino 2, Certomà 13, Grillo 4, Licciardello 9, Ingrassia 3, Osso, Cascio 2. All. Buzzanca.
Rainbow Catania: Parrinello 1, Spina 2, Magrì 3, Ferlito 7, Caruso, Bruno, Parisi, Marmo, Chiarella 10, La Manna 9, Patanè 2, Spampinato 23. All. Bruni.
Arbitri: Paternicò e Tartamella.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007