Parcheggi d'interscambio, 4 affidati ad Atm e a pagamento dal 15 gennaio: ecco quali

Parcheggi d’interscambio, 4 affidati ad Atm e a pagamento dal 15 gennaio: ecco quali

Giuseppe Fontana

Parcheggi d’interscambio, 4 affidati ad Atm e a pagamento dal 15 gennaio: ecco quali

mercoledì 29 Novembre 2023 - 14:01

La giunta ha affidato la gestione all'azienda trasporti. Tra poco più di un mese si pagherà regolarmente per lasciare l'auto

MESSINA – I parcheggi Bordonaro, Europa est, Europa centro e San Cosimo, già dal prossimo primo dicembre, saranno affidati ad Atm spa, che ne curerà la gestione e li manterrà gratuiti fino al 15 gennaio 2024, per poi applicare le regolari tariffe utilizzate per i parcheggi di interscambio. Questo è quanto è stato stabilito dalla giunta comunale con delibera n. 576 del 24 novembre 2023, sulla proposta di deliberazione n.667 del 22 novembre, presentata dal vicesindaco Salvatore Mondello.

I quattro parcheggi, ormai completati, sono stati realizzati, si legge nel documento, nell’ambito del “Programma straordinario per la realizzazione di nuovi parcheggi di interscambio, finalizzata al miglioramento della funzionalità e della sostenibilità ambientale della mobilità urbana nel territorio del Comune di Messina”. All’interno della delibera l’Amministrazione mantiene anche la facoltà di “concludere anticipatamente il servizio di gestione dell’area di sosta di cui trattasi”. Bisognerà capire come reagirà la cittadinanza al pagamento dei parcheggi, soprattutto nei due più centrali.

6 commenti

  1. antonio d'angelo 29 Novembre 2023 17:43

    buonissima idea, era ora. adesso la palla passa agli utenti. parcheggiare “vicino” non è più possibile. è così in tutte le città di certe dimensioni.

    5
    5
  2. Devo pagare il parcheggio d’interscambio, devo pagare il tram o il bus che mi porta al centro, quanto mi costa scendere dalla periferia per andare in centro? dato che e’ diventato impossibile andarci con la propria auto per i lavori INTELLIGENTI che hanno fatto, A questo punto che siamo arrivati di non essere più padroni della propria auto, i mostri, chiedo scusa, volevo dire i nostri politici, perche’ non si rivolgono al prefetto e a sua volta a chi di competenza per farci ridurre del 50% l’assicurazione ed il bollo?

    10
    7
  3. Interscambio ?! 😂
    Cmq appena saranno a pagamento ne vedremo delle belle.
    E poi ‘sti parcheggi, oltre che a pagamento, sono meno di quelli di prima.
    Ah, ma qualcuno ha visto le vecchie strisce bianche nel centro città? Mi pare si “scuddaru”…

    8
    6
  4. …e già la normalità nel mondo a Messina rimane un quesito di facile risposta. Una buona parte della città è cadenzata sulla mentalità del…io non pago.Tari acqua etc etc …per poi lamentarsi se i servizi non funzionano … Io spero solo che i vigili escano dal letargo e sanzionino gli incivili

    4
    5
  5. antonio d'angelo 30 Novembre 2023 06:58

    Visti i comenti, mi sembra che ancora la gente non abbia capito come c si deve comportare. é finita con l’auto a portata di comodità, in tutte le città che si rispettano si paga il parking, quindi modernizzatevi non si vive più na putia. Messina è Bella, rispettatela e siate degni.
    mi manca da 47 anni.

    4
    5
  6. sindaco, assessore mondello e consiglieri tutte le strutture interscambio fatte fare da voi, senza nessun criterio perche’ non le facevate in prossoimita’ delle vostre abitazioni così vi rendavate conto delle difficolta’ che hanno i messinesi che abitano vicino a tali strutture per parcheggiare il proprio mezzo. Eliminate tutto quello che avete fatto per quanto riquarda i parcheggi a pagamento, lasciandoli liberi, questo è il volere dei messinesi.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007