Il lago di Ganzirri… raddoppia. Ad ogni forte pioggia l’acqua ricopre anche la strada accanto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il lago di Ganzirri… raddoppia. Ad ogni forte pioggia l’acqua ricopre anche la strada accanto

Ma. Ip.

Il lago di Ganzirri… raddoppia. Ad ogni forte pioggia l’acqua ricopre anche la strada accanto

Ma. Ip. |
martedì 27 Agosto 2013 - 15:44
Il lago di Ganzirri… raddoppia. Ad ogni forte pioggia l’acqua ricopre anche la strada accanto

Il consigliere della VI circoscrizione, Antonio Lambraio, ha scritto al sindaco ed all’Amam, chiedendo di intervenire urgentemente per la pulizia della rete fognaria e della raccolta delle acque piovane. Preoccupazione in vista della stagione invernale

Il lago di Ganzirri è uno splendido spettacolo naturalistico. La strada adiacente non vuole essere da meno ed allora, in occasione di ogni forte pioggia, diventa un lago anch’essa.

A segnalarlo è il consigliere della VI circoscrizione, Antonio Lambraio, che ha scritto al sindaco ed all’Amam, chiedendo di intervenire urgentemente per la pulizia della rete fognaria e della raccolta delle acque piovane.

“La situazione – scrive Lambraio – è diventata insostenibile. La strada diventa un torrente, le botole vengono scoperchiate, la circolazione va in tilt e per i pedoni è impossibile camminare perché anche i marciapiedi vengono ricoperti dall’acqua che poi si riversa nel lago. La zona di maggiore disagio è proprio quella dove si trova la sede del VI quartiere. Ma vicino ci sono anche diversi negozi, abitazioni ed anche una comunità evangelica”.

Le preoccupazioni del consigliere riguardano la stagione invernale: “A breve le piogge aumenteranno – conclude Lambraio -. Invito il sindaco e l’Amam a provvedere al più presto per il bene e la sicurezza dei cittadini”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Sempre le stesse cose è 10anni che questa situazione degrado è alla conoscenza delle istituzioni ma mai nessun consigliere o do quartiere o comunale ne assessore sindaco ecc a mai risolro questa indecenza .

    0
    0
  2. riserva naturale e futuro patrimonio unesco, niente paura

    0
    0
  3. luigi bramieri 27 Agosto 2013 21:58

    Guarda caso ogni volta che piove la rete fognaria salta… forse forse la causa e’ negli allacci abusvi di tutti i pluviali che invece di essere convogliati nelle acque bianche sono allaciati nelle acque nere , o forse scopriamo che la rete delle acque bianche non esiste… o che gli oneri di urbanizzazione pagati dai costruttori servono per pagare gli stipendi di impegati comunali che si sacrificano per il bene della comunita’. Come ad esempio le due sedi del Quartiere a Ganzirri. Come si fatica in quegli uffici… sara’ probabilmente il sudore degli impiegati a generare l’acqua alta…
    Comumque la cosa piu’ bella e’ la pulizia intorno al lago con i topi e le canne che non si possono neanchen sfoltire. Che Dio ci salvi dagli ambientalisti messinesi (che ovviamente non sono veri ambientalisti ma XXXXXXXX e XXXXXXXXXX) che con le loro azioni miopi non permettono la civile fruizione di quella che dovrebbe esserenuna riserva non una palude.

    0
    0
  4. Lago???

    PANTANO !!!!!

    Ma si ora Accorinti lo farà tornare a splendere e si potrà fare anche un giro in barca ci saranno cigni e fauna di ogni specie e magari qualche delfino

    0
    0
  5. Magari con una ottima pulizia del canale di collegamento tra i due laghi e il mare, ripulendolo e dragandolo a dovere, forse si riesce ad eliminare il problema.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007