Di Pietro non s'arrende: «L'Anas assorba per intero la Stretto di Messina» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Di Pietro non s’arrende: «L’Anas assorba per intero la Stretto di Messina»

Redazione

Di Pietro non s’arrende: «L’Anas assorba per intero la Stretto di Messina»

lunedì 22 Ottobre 2007 - 09:43

Non è proprio andato giù, al ministro delle Infrastrutture Antonio Di Pietro, l’emendamento alla Finanziaria che decreta lo scioglimento della società Stretto di Messina. «Lo Stato non è l’unico padrone – ha dichiarato l’ex magistrato – c’è l’arroganza di pensare che dopo di noi non verrà fatto nulla». Secondo Di Pietro sciogliere adesso la Stretto di Messina significherebbe precludere per sempre o comunque per moltissimo tempo la possibilità di realizzare il Ponte. «E’ una questione di etica politica – ha aggiunto – eliminare la società significa togliere il pilastro ad un progetto che forse in futuro si potrà fare».

Ecco, dunque, la proposta di Di Pietro per non disperdere le risorse della Stretto di Messina: «Un subemendamento che autorizzi e dia all’Anas le risorse per acquisire le quote sociali degli altri soci in modo da diventare azionista unico e quindi procedere alla fusione per incorporazione. In questo modo – ha proseguito – manterremo tutto il know how, la qualità della progettazione e le maestranze. Il contratto rimane infatti incardinato in capo all’Anas e non si pagano penali».

Sarebbe la classica chiusura del cerchio, considerando che Pietro Ciucci, attuale presidente dell’Anas, è allo stesso tempo amministratore delegato della Stretto di Messina. Non a caso Ciucci stesso ha fortemente criticato, nei giorni scorsi, l’emendamento di Natale Ripamonti (Verdi), e non ha perso tempo facendo due conti: «L’assorbimento di tutte le quote di Stretto di Messina ci costerebbe il valore delle quote sociali, circa 40 milioni di euro e la società ha un valore perché non viene sciolta. Attualmente l’Anas controlla l’82% del capitale, mentre il 13% è in capo a Rfi e il restante 5% è suddiviso tra Calabria e Sicilia».

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007