Ponte sullo Stretto. Falcone: "Unica incompatibilità è tra il Governo Conte e il sud" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ponte sullo Stretto. Falcone: “Unica incompatibilità è tra il Governo Conte e il sud”

Redazione

Ponte sullo Stretto. Falcone: “Unica incompatibilità è tra il Governo Conte e il sud”

domenica 27 Settembre 2020 - 10:35
Ponte sullo Stretto. Falcone: “Unica incompatibilità è tra il Governo Conte e il sud”

L'assessore regionale siciliano alle infrastrutture e ai trasporti risponde alle dichiarazioni del ministro Provenzano

“Apprendiamo dell’ultimo diniego del Governo Conte, stavolta giunto per bocca del ministro Provenzano, al progetto del Ponte sullo Stretto e all’eventuale utilizzo del Recovery fund per realizzare l’opera. Con amarezza dobbiamo rispondere che, purtroppo, l’unica ‘incompatibilità’ che vediamo è quella fra la visione di Roma, sostenuta paradossalmente da ministri ed esponenti siciliani che ci governano, e l‘orizzonte, l’obiettivo, dello sviluppo della Sicilia e dell’intero Sud”.
Lo afferma l’assessore alle Infrastrutture della Regione Sicilia, Marco Falcone, replicando al ministro Giuseppe Provenzano secondo cui “i tempi del Ponte sono incompatibili con quelli del Recovery Fund”.

“Assistiamo da mesi a un balletto mediatico – prosegue l’esponente del Governo Musumeci – condito di retromarce, annunci roboanti e fantasie come il tunnel dello Stretto, quando invece la doverosa responsabilità di governo imporrebbe soltanto chiarezza nei confronti dei siciliani: il Governo Conte non vuole il Ponte, non vuole recepire le aspettative di crescita dell’intero Mezzogiorno. Basterebbe ammetterlo per chiudere questo teatrino e rinviare tutto al 2023. Quando, cioè, il centrodestra finalmente al governo del Paese potrà dedicarsi, senza il freno delle tare ideologiche, alla svolta epocale del Ponte”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. Ma cosa commenta questo poverino assessore da strapazzo; poverino, si è dimenticato quando hanno stravinto le elezioni alzando le bandierine 61- 0 hanno realizzato il ponte? La finisca di fare demagogia non può essere la sinistra a bloccare questa opera inutile adesso, se vuole bene del Sud e lo sviluppo del Sud inizi a lavorare per sistemare e ripristinare il vecchio esistente , miglioriamo con opere importanti la viabilità della Sicilia , poi pensi al Ponte caro assessore , lo faremo sicuramente Santo è tanto bravo a predicare fumo. A settembre dovevano come detto da lei sgomberare la frana di Letojanni , chiacchiere , comunque se è cosi bravo come dice lo facciamo migliorare la imandiamo n Liguria così si renderà conto cosa ha fatto il governo Nazionale con la Regione !!!!

    2
    0
    1. Per cortesia, non dire bugie. Il progetto era fatto, l’appalto anche. I lavori vennero inziati, a Cannitello. Ma Monti arrivato al governo, quando la Merkel volle che fosse levato Berlusconi dal governo, bloccò tutto.. Ah, lo avevi dimenticato, ma guarda! .

      0
      0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007