Ponte sullo Stretto, i Verdi si ribellano - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ponte sullo Stretto, i Verdi si ribellano

Redazione

Ponte sullo Stretto, i Verdi si ribellano

sabato 22 Maggio 2021 - 09:21

Il leader nazionale Bonelli: relazione priva del parere dei sette tecnici del Ministero dell’Ambiente, indicati a far parte del "tavolo" e poi mai chiamati

Il Ponte? “Chiedo al ministro delle infrastrutture di ritirare la relazione inviata al Parlamento perché non ha affrontato adeguatamente l’impatto ambientale avendo evitato di coinvolgere i tecnici del ministero dell’Ambiente e di conoscere le ragioni di questa grave esclusione”. Firmato, il leader dei Verdi a livello nazionale Angelo Bonelli.

Il nodo per gli ecologisti è proprio questo; quanto alla relazione, almeno. “Perché il Ministero delle infrastrutture ha escluso i tecnici del ministero dell’Ambiente nella stesura della relazione del gruppo di lavoro sul Ponte sullo Stretto di Messina?” è il quesito. E Bonelli aggiunge: “Nel novembre del 2020 , il Ministero delle Infrastrutture invia una nota all’allora Ministero dell’Ambiente, guidato da Sergio Costa, chiedendo dei tecnici ed esperti da integrare al gruppo di lavoro che avrebbe dovuto redigere la relazione sul Ponte sullo Stretto di Messina. Il Ministero – è la ricostruzione del dirigente dei Verdi – invia sette nomi di esperti al ministero delle infrastrutture che accettano l’incarico, ma gli esperti del Ministero dell’Ambiente non vengono più chiamati dal Ministero delle Infrastrutture a far parte del gruppo di lavoro sul ponte sullo stretto di Messina e la relazione del gruppo di lavoro viene inviata il 30 aprile dal ministero delle infrastrutture al Parlamento con un parere positivo al Ponte”.

Ed ecco che torna la domanda inevasa: “Perché si è impedito che il gruppo di lavoro fosse integrato con esperti del ministero dell’Ambiente in modo tale che un’opera ad alto impatto ambientale fosse valutata da chi conosce questi problemi, evitando così che la relazione del gruppo di lavoro potesse avere un esito diverso evidenziando conseguentemente le gravi problematicità ambientali?”

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. La cosa buffa e’ non domandarsi (da parte di sti “verdi”) quanto siano sostenibili i traghetti diesel inquinanti !

    2
    1
  2. I verdi si lamentano per il ponte sullo stretto di Messina? Buffa la cosa, altrove ci sono ponti e quant’altro che hanno un impatto ambientale devastante, ma non hanno detto niente. Mi viene da ridere che lo facciano proprio al sud, in Calabria e in Sicilia. Entrambe le due Regioni hanno un gran bisogno di avere innovazione in campo delle infrastrutture ferroviarie e autostradali. In Sicilia oltre il ponte, è logico che si debbano realizzare il raddoppio della rete ferroviaria dell’isola, non potrebbe avere senso il ponte se in concomitanza con il ponte, le ferrovie siciliane rimanessero per come sono attualmente.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007