Il Consiglio Comunale chiede di esprimere un parere, la proposta è di Pdl e Pd - Tempo Stretto

Il Consiglio Comunale chiede di esprimere un parere, la proposta è di Pdl e Pd

Francesca Stornante

Il Consiglio Comunale chiede di esprimere un parere, la proposta è di Pdl e Pd

martedì 06 Agosto 2013 - 14:31
Il Consiglio Comunale chiede di esprimere un parere, la proposta è di Pdl e Pd

Pdl e SiAmo Messina e il Pd chiedono al Sindaco di portare in aula una rosa di cinque nomi tra i 76 che hanno proposto la propria candidatura alla presidenza del Vittorio. Sarebbe un parere di gradimento, non vincolante, ma lo chiedono nell'ottica della partecipazione.

L’amministrazione Accorinti tra pochi giorni dovrà scegliere chi siederà sulla scottante poltrona della presidenza del Vittorio Emanuele. Il nome del nuovo Presidente è tra i 76 che hanno presentato la propria candidatura, al momento sono al vaglio curricula e competenze, a Palazzo Zanca gli occhi sono puntati su questa scelta che è uno dei primi banchi di prova per un Sindaco che vuole abbandonare le logiche del vecchio modo di fare politica e che ha una delle prime occasioni per dimostrarlo.

Così, seguendo il cavallo di battaglia della partecipazione e della condivisione dal basso, una proposta per il sindaco Accorinti è arrivata oggi dai consiglieri comunali di Pdl e Pd. Durante una conferenza stampa convocata nella stanza del gruppo Pdl, il capogruppo Pippo Trischitta, insieme ai colleghi Daniela Faranda, Nicola Crisafi e Giovanna Crifò, Piero Adamo e Pierluigi Parisi di SiAmo Messina, il capogruppo del Pd Paolo David, hanno spiegato la loro idea sulla nomina del presidente del Vittorio.

La richiesta che girano al Sindaco è precisa: piuttosto che scegliere nelle segrete stanze del palazzo, come sempre si è fatto, anche quando a Palazzo Zanca a decidere erano i loro partiti, creare un momento di confronto e coinvolgimento di tutto il Consiglio Comunale. “Chiediamo che il Sindaco porti in aula una rosa di cinque nomi scelti tra i 76, vorremmo conoscerli e ascoltare che idee hanno per il futuro del Teatro” ha spiegato il vicepresidente del Consiglio Crisafi. “Accorinti può dimostrare in questa occasione di essere diverso dai suoi predecessori, ci piacerebbe ascoltare in basi a quali caratteristiche sono state operate le scelte” ha proseguito Trischitta. Fermo restano che il parere del Consiglio non sarebbe vincolante perché alla fine la nomina tocca comunque al Sindaco. Lo ha puntualizzato Parisi, per il quale quello che potrebbero esprimere i 40 consiglieri sarebbe un parere di gradimento nei confronti di uno dei candidati. Piero Adamo ha voluto ricordare che non deve essere perso di vista il criterio politico che dovrà anche in questo caso stare alla base della decisione, ma tenendo in considerazione soprattutto le competenze. Guai però a fare di tutta l’erba un fascio. “Dobbiamo evitare che chi abbia avuto un qualche legame con la politica venga tagliato fuori a prescindere”. Proprio a proposito delle competenze ha detto la sua anche la consigliera Daniela Faranda che conosce molto bene i meccanismi del Vittorio, essendo stata Vicepresidente fino a pochi mesi fa. “Non bisogna dimenticare che il Presidente e i membri del Consiglio di Amministrazione non hanno competenza nella programmazione dell’attività culturale, per i cartelloni e le stagioni ci sono i direttori artistici. Serve un amministratore e per amministrare bene ci vuole buon senso e forza di volontà”.

Nessuna critica però verso chi ha gestito queste scelte nel passato. La proposta di oggi potrebbe anche “sconfessare” il modus operandi dei vecchi sindaci, Pdl e Pd però ci tengono a precisare che la richiesta di oggi vuole semplicemente ricalcare la strada che questa amministrazione ha deciso di seguire. Non vogliono contestare ma collaborare. Potrebbe essere un tentativo per mettere lo zampino in una nomina su cui si stanno concentrando grandi attese, potrebbe però anche essere semplicemente un modo per offrire quella collaborazione che il Sindaco Accorinti cerca dal primo giorno. A questo punto non resta che attendere se il primo cittadino accoglierà la proposta e porterà in aula la rosa dei cinque richiesta.

(Francesca Stornante)

Tag:

6 commenti

  1. MessineseAttento 6 Agosto 2013 14:40

    PD e PDL che fanno una proposta insieme?! Strano!!

    0
    0
  2. MessineseAttento 6 Agosto 2013 14:45

    A Trischitta vorrei chiedere come mai tutta questa sana voglia di trasparenza non sia venuta quando il SUO sindaco, non solo non rendeva partecipi della scelta del presidente dell’ente teatro, ma addirittura nascondeva ad arte le reali condizioni economiche del comune, con le conseguenze che oggi tutti conosciamo.
    Lei, solerte Trischitta, allora dove si trovava? Ci dica, ci dica!

    0
    0
  3. Infatti! Veramente curiosa tutta questa richiesta di trasparenza e democrazia dal basso nei confronti di un sindaco che, per la prima volta nella storia di questa città, non fa parte della solita cricca! Fossi in Renato Accorinti, certi individui che hanno spadroneggiato a Messina negli ultimi 20 anni neanche li prenderei in considerazione, vanno ripagati con la stessa loro moneta politica: sbugiardati, isolati, emarginati, rottamati una volta per tutte!

    0
    0
  4. MA quello che è bello è che comunque…stavolta, nella smania di fare la sua solita opposizione insensata, ha avuto una trovata d’impatto e giusta che mai si potrebbe dire venga partorita da quella mente…

    0
    0
  5. Nino Principato 7 Agosto 2013 06:33

    Le nomine vengono fatte solo ed esclusivamente per meriti e competenze sul settore teatrale, quindi valutando soltanto il curriculum e quindi in maniera obiettiva. Il manuale Cencelli è finito da un pezzo ed anche i trombati alle elezioni cui veniva assicurato, comunque, un incarico di sottogoverno com’è stato fino a ieri. La politica non deve ingerirsi e deve essere rigorosamente bandita da tali incarichi (e da qualunque altro): la proposta, quindi, di Trischitta e compagni, è soltanto risibile e non meritevole di alcuna considerazione

    0
    0
  6. Accorinto è peggio di tutti messi insieme
    Rivogliamo
    I vecchi ladri di un tempo

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007