Pilone nel Masterplan, Ialacqua e Pino d'accordo a metà: "Scelta non condivisa in giunta" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Pilone nel Masterplan, Ialacqua e Pino d’accordo a metà: “Scelta non condivisa in giunta”

Francesca Stornante

Pilone nel Masterplan, Ialacqua e Pino d’accordo a metà: “Scelta non condivisa in giunta”

sabato 23 Gennaio 2016 - 23:03
Pilone nel Masterplan, Ialacqua e Pino d’accordo a metà: “Scelta non condivisa in giunta”

Dopo le tante polemiche sull'opportunità politica di inserire un progetto che porta il nome dell'assessore De Cola nella programmazione del Masterplan, abbiamo chiesto agli assessori Ialacqua e Pino, notoriamente più vicini all'originario spirito accorintiano, cosa ne pensassero di questa decisione della loro amministrazione.

Qualche volta il silenzio dice più di mille parole. Soprattutto quando restare in silenzio diventa una scelta precisa per evitare di dover dire proprio tutto ciò che si vorrebbe. Probabilmente è ciò che è capitato in queste settimane ad alcuni assessori della giunta di Palazzo Zanca, a quelli con l’animo ancora vicino alla vera essenza accorintiana, riguardo alle tante polemiche esplose intorno alla decisione dell’amministrazione Accorinti di inserire il progetto di riqualificazione del Pilone nel Masterplan. Una scelta molto contestata, soprattutto fuori dal Palazzo, dove in tanti si sono chiesti se fosse opportuno che proprio il progetto redatto dallo studio De Cola e associati finisse tra i 12 che otterranno un finanziamento sostanzioso dal governo. Tra tutti si è levata forte la voce di Antonio Mazzeo, giornalista e ed ex compagno dell’Accorinti dei 40 anni di lotte e battaglie, che ha sollevato il tema del “conflitto d’interessi” e comunque dell’opportunità che uno dei maggiori progettisti della storia urbanistica peloritana continui a fare da assessore all’urbanistica della stessa città diventa preponderante. «Non fosse altro -ha scritto Mazzeo- per la portata di alcuni progetti e di alcune opere progettate e realizzate, sicuramente assai discutibili dal punto di vista della compatibilità paesaggistica e ambientale (e per questo in passato osteggiate dagli ambientalisti e da gruppi politici e associazioni che hanno dato vita al progetto elettorale di Renato Sindaco)».

Così, provando a guardare dentro il Palazzo, il pensiero corre veloce agli assessori Daniele Ialacqua e Sebastiano Pino. Ancora oggi pronti a scendere in piazza per difendere le proprie idee, com’è accaduto la scorsa settimana con la manifestazione “Mare negato”, Ialacqua e Pino sono indiscutibilmente i più vicini a quegli ideali che avrebbero dovuto animare tutta l’azione politica e amministrativa dell’esperienza accorintiana. Di fronte al Masterplan però sono sembrati tutti d’accordo. Di fronte a quel progetto di riqualificazione del Pilone di Capo Peloro la linea dell’amministrazione Accorinti è sembrata unitaria. Così siamo andati a chiedere direttamente ai due assessori cosa ne pensassero di riqualificare il Pilone con un progetto che di fatto risale all’era Buzzanca, fortemente voluto dall’ex assessore Gianfranco Scoglio, ma che porta il nome, anzi il cognome, di un loro collega di giunta.

L’assessore Ialacqua mette l’accento soprattutto su un passaggio: “Fino ad ora non ho mai detto di essere favorevole, così come non ho espresso contrarietà a questa scelta. Vorrei però far notare che la decisione di quali progetti inserire nel Masterplan non è passata da nessun atto della giunta. Non ci sono stati una delibera o un atto di indirizzo che ci hanno consentito di mettere nero su bianco i nostri pareri, quindi il fatto che io non mi sia espresso non vuol dire necessariamente che io abbia cambiato idea sul Pilone e sul modello di riqualificazione che immagino per quell’area” ha spiegato l’assessore che qualche tempo fa decise di spegnere le luci del Pilone per non disturbare le rotte degli uccelli in transito sullo Stretto. Ialacqua aggiunge poi che comunque il progetto inserito nel Masterplan non è quello originario e che non dovrebbe dunque avere un impatto devastante sulla zona, ma limitarsi solo a interventi che daranno un nuovo volto al basamento dell’ex traliccio Enel. Spiegazione che suona però quasi come un tentativo di consolazione per chi per tutta la vita ha considerato il Pilone come un simbolo di lotta e di salvaguardia del territorio.

Anche per l’assessore Pino la nota positiva di questa scelta risiede nel fatto che si tratta di un progetto rivisitato: “In ogni caso la struttura necessita di interventi di manutenzione urgenti che avevamo quantificato in almeno 200 mila euro da spendere al più presto per evitare cedimenti o situazioni di pericolo viste le condizioni ormai vetuste del Pilone. Con questo progetto si potrà migliorare l’opera senza deturpare la zona” ha spiegato Pino.

Entrambi gli assessori però hanno tentennato alla domanda sull’opportunità politica di inserire in una programmazione così importante un progetto che rimanda ad un assessore della stessa giunta che ha deciso cosa doveva andare dentro e cosa lasciare fuori. Lo stesso Ialacqua non nega che se fosse stato un suo progetto ci avrebbe pensato su due volte prima di procedere in questa direzione. Ed è in casi come questo che il silenzio vale più di mille parole.

Francesca Stornante

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

10 commenti

  1. Se non posso riparare il tetto di casa è inutile pensare di abbellire il giardino. Questo è quello che si pensa di fare con il pilone a Torre Faro. Il comune non ha soldi per rifare strade e condotte idriche? Bene, il pilone è pericoloso se non manutenzionato periodicamente, allora si demolisce e con il ricavato delle tonnellate di acciaio recuperato si iniziano a riasfaltare le mulattiere, ciò, le strade della città. Logica razionale, non fantastica utopia.

    0
    0
  2. Se non posso riparare il tetto di casa è inutile pensare di abbellire il giardino. Questo è quello che si pensa di fare con il pilone a Torre Faro. Il comune non ha soldi per rifare strade e condotte idriche? Bene, il pilone è pericoloso se non manutenzionato periodicamente, allora si demolisce e con il ricavato delle tonnellate di acciaio recuperato si iniziano a riasfaltare le mulattiere, ciò, le strade della città. Logica razionale, non fantastica utopia.

    0
    0
  3. Ma finitela con questa commedia. Siete scarsi sia come amministratori che come attori. Siete per l’immobilismo più assoluto. Ma quale conflitto di interessi, voi volete che Messina muoia. Tanto Ialacqua fa il professore e Pino il comandante e lo stipendio è assicurato. Ma non pensate neanche per un secondo che si possa coniugare sviluppo e sostenibilità, smettetela di dire sempre e solo NO. E poi se non siete d’accordo non vi limitate a dire che le scelte non sono passate dalla Giunta. Dimettetevi, perché il sindaco la pensa diversamente. Non nascondetevi dietro a quel burocratese che, a parole, avete combattuto negli anni, e che ora vi affascina.VERGOGNATEVI, pensare ad una cosa e farne un’altra per opportunismo

    0
    0
  4. Ma finitela con questa commedia. Siete scarsi sia come amministratori che come attori. Siete per l’immobilismo più assoluto. Ma quale conflitto di interessi, voi volete che Messina muoia. Tanto Ialacqua fa il professore e Pino il comandante e lo stipendio è assicurato. Ma non pensate neanche per un secondo che si possa coniugare sviluppo e sostenibilità, smettetela di dire sempre e solo NO. E poi se non siete d’accordo non vi limitate a dire che le scelte non sono passate dalla Giunta. Dimettetevi, perché il sindaco la pensa diversamente. Non nascondetevi dietro a quel burocratese che, a parole, avete combattuto negli anni, e che ora vi affascina.VERGOGNATEVI, pensare ad una cosa e farne un’altra per opportunismo

    0
    0
  5. Antonio Mazzeo ,spiegaci le tue battaglie con Accorinti .
    Forse facevate le battaglie navali ?
    Sinceramente con Accorinti solo le battaglie navale si potrebbe fare ?
    Se ha piantato un alberello e l’ha lasciato morire.
    Ogni giorno quell’albero mi da pensieri di tristezza,avrei messo Accorinti senza acqua, come ha fatto a quel povero alberello.

    0
    0
  6. Antonio Mazzeo ,spiegaci le tue battaglie con Accorinti .
    Forse facevate le battaglie navali ?
    Sinceramente con Accorinti solo le battaglie navale si potrebbe fare ?
    Se ha piantato un alberello e l’ha lasciato morire.
    Ogni giorno quell’albero mi da pensieri di tristezza,avrei messo Accorinti senza acqua, come ha fatto a quel povero alberello.

    0
    0
  7. unmessinesequalunque 24 Gennaio 2016 19:34

    Per me quello che dice è semplicemente assurdo..A mio avviso il pilone deve essere inteso come un simbolo di Messina ed essere valorizzato di conseguenza.è un po come pensare di buttare giù la torre di Pisa o perché no gli scavi di Pompei(anche quelli non sono mantenuti bene). Lei non ha idea di quanto potrebbe rendere alla città, una torre panoramica come il pilone, con un paesaggio unico al mondo che non ha nulla da invidiare ad altri luoghi del mondo o alle più gettonate torri panoramiche nel mondo (a partire dalla mole antonelliana fino alla torre di Pisa o effel)questa è logica razionale e sviluppo non utopia. saluti

    0
    0
  8. unmessinesequalunque 24 Gennaio 2016 19:34

    Per me quello che dice è semplicemente assurdo..A mio avviso il pilone deve essere inteso come un simbolo di Messina ed essere valorizzato di conseguenza.è un po come pensare di buttare giù la torre di Pisa o perché no gli scavi di Pompei(anche quelli non sono mantenuti bene). Lei non ha idea di quanto potrebbe rendere alla città, una torre panoramica come il pilone, con un paesaggio unico al mondo che non ha nulla da invidiare ad altri luoghi del mondo o alle più gettonate torri panoramiche nel mondo (a partire dalla mole antonelliana fino alla torre di Pisa o effel)questa è logica razionale e sviluppo non utopia. saluti

    0
    0
  9. Premetto che sono d’accordo su molte cose con Accorinti.. ma assolutamente contrario a certe politiche assurde..vorrei lanciare una provocazione. Perchè non abbattiamo il Pilone? del resto è nella riserva di capo peloro e chissà quanti uccelli ci sbattono e muoiono………….. O NO?? Bisognerebbe valorizzare anche economicamente la riserva con pedalò per i turisti e aree di pesca attrezzate e pescaturismo sulla produzione delle vongole e dei mitili oltre che percorsi naturalistici in barca… ma qualsiasi cosa fai o inquini o disturbi gli uccelli o ammazzi i pesci.. peccato che il canale degli inglesi si chiude ogni anno dopo 2 giorni dall’apertura e se ne fregano tutti..eppure servirebbe per depurare le acque..

    0
    0
  10. Premetto che sono d’accordo su molte cose con Accorinti.. ma assolutamente contrario a certe politiche assurde..vorrei lanciare una provocazione. Perchè non abbattiamo il Pilone? del resto è nella riserva di capo peloro e chissà quanti uccelli ci sbattono e muoiono………….. O NO?? Bisognerebbe valorizzare anche economicamente la riserva con pedalò per i turisti e aree di pesca attrezzate e pescaturismo sulla produzione delle vongole e dei mitili oltre che percorsi naturalistici in barca… ma qualsiasi cosa fai o inquini o disturbi gli uccelli o ammazzi i pesci.. peccato che il canale degli inglesi si chiude ogni anno dopo 2 giorni dall’apertura e se ne fregano tutti..eppure servirebbe per depurare le acque..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007