Gli studenti si autogestiscono, sognando la loro scuola ideale - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Gli studenti si autogestiscono, sognando la loro scuola ideale

Gli studenti si autogestiscono, sognando la loro scuola ideale

martedì 27 Novembre 2012 - 15:56
Gli studenti si autogestiscono, sognando la loro scuola ideale

Alunni in protesta contro la proposta di riforma dell'istruzione del Governo. Parlano di autogestione e non di occupazione, organizzano dibattiti, sottolineando che non è per saltare le lezioni. Ma è solo il primo degli istituti scolastici cittadini a rivoltarsi

L'entrata del liceo classico Maurolico è chiusa, sbarrata da una grossa catena che impedisce l'apertura del cancello dello storico istituto messinese. Si entra solo dall'ingresso della scuola media Mazzini, presentando un documento d'identità e firmando un registro sotto gli occhi attenti dei ragazzi. «In questo modo controlliamo che non ci siano intrusi – spiega Marco Milone, uno degli studenti – Non perché non vogliamo che il nostro liceo si apra alla città, ma solo per una questione di ordine». La scuola che vorrebbero, al contrario, è molto più aperta alla società di quanto non lo sia adesso. Ma invece di urlarlo a squarciagola in un corteo – l'ennesimo nella protesta contro le varie riforme dell'istruzione pubblica portate avanti dai vari governi – i giovani del Maurolico hanno deciso di testare su strada la formazione che sognano. Ma ha ancora senso occupare una scuola, oppure è diventata solo una tradizione che si perpetra di anno in anno? «Secondo me è ancora un buon metodo per far sentire la nostra voce – dice Brunella – anche se una manifestazione con il corteo ha più risonanza sui media». Il dibattito, però, è aperto anche fra gli studenti: «Io sono più favorevole a una forma di autogestione, piuttosto che all'occupazione – dice Marco – e questa del Maurolico, infatti, è un'autogestione». La differenza non è da poco, secondo i ragazzi: «L'autogestione ci permette di realizzare la nostra scuola ideale. In questi giorni, ad esempio, abbiamo organizzato un programma con corsi e dibattiti», dice Luigi Genovese mostrando un foglio appeso al muro. Per la giornata di oggi sono previsti: un corso sulla democrazia tenuto dagli studenti di Scienze politiche dell'Ateneo messinese, uno di educazione sessuale («è fatto un po' per ridere, da studenti a studenti – dice Marco – però parliamo anche di sesso sicuro, quindi è educativo»), poi un dibattito sul conflitto israelo-palestinese e nel pomeriggio uno sulle droghe con esperti esterni alla scuola. Su Facebook tengono un “Diario dell'occupazione” perché sono convinti che informare la cittadinanza di quello che fanno sia un modo per ottenere un maggiore consenso: «Internet e i nuovi mass media ci permettono di rendere diversa questa occupazione rispetto a quelle degli anni passati – spiega Marco – Non abbiamo voluto chiudere la scuola al resto del mondo, come si faceva prima. Non abbiamo impedito ai docenti e al personale della segreteria di entrare a scuola. Per questo, per come stiamo gestendo la situazione, ci lodano. Certo, non ci dicono che facciamo bene a occupare, però ci appoggiano e a volte partecipano anche ai nostri dibattiti». Nessuna classe, nemmeno dell'ultimo anno, ha scelto di continuare a fare lezione. L'opposizione alla riforma del governo Monti è compatta: «Tutti gli ultimi interventi sulla scuola sono andati verso una tendenziale privatizzazione. Noi non siamo d'accordo: la scuola è pubblica e lo deve rimanere» dice Brunella. La loro riforma ideale, invece, andrebbe in senso diverso. Per Marco «non basta la lezione frontale sulla letteratura o sulla storia. Vorremmo più temi di attualità discussi in classe, incontri. Oggi tutto questo è lasciato alla sensibilità dei docenti, e noi siamo fortunati ad avere insegnanti ancora motivati, nonostante tutto». (Ilaria Raffaele)

Tag:

3 commenti

  1. Dal modo con cui verrà gestita l’OKKUPAZIONE, si vedrà il grado di maturità di questi mauroliciani d’oggi….

    0
    0
  2. ART.21 COSTITUZIONE. Gli studenti del Maurolico fanno bene a protestare,lo dovrebbero fare anche gli universitari,viste le riforme nell’interesse esclusivo dei PROFESSORI,quella universitaria è uno scandalo mondiale. Ditemi una nazione, dove la libera professione dei docenti è così tutelata a discapito della DIDATTICA, parola del greco antico, è la PRATICA dell’insegnare,comunicando e relazionando con gli studenti, VI RISULTA nella stragrande maggioranza dei docenti? Non avviene nemmeno in sede di esame. Voglio testimoniare la delusione di uno studente della nostra Università,pensava di confrontare la sua eccezionale competenza informatica,con un’esperto,come deve essere un prof universitario di una disciplina fondamentale,per la formazione in quel campo specifico.Convinto,che le prime lezioni fossero a carattere storico, dell’evoluzione dei linguaggi di programmazione, si materializza subito la forte delusione,quello che fa parte della storia dell’informatica, sarà il linguaggio INUTILE, che approfondirà per tre anni. Ha deciso, lui che programma nell’ultima versione di JAVA, a chiudersi in silenzio, non farà capire a nessuno delle sue conoscenze, che pensava di arricchire e di mettere al servizio della città, attraverso la sua Università. Si prenderà, forse, il suo 30 e lode, chissà se il prof si accorgerà di avere di fronte uno studente molto più bravo di lui. Quando il prof è bravo l’allievo supera il maestro,in questo caso l’allievo è già più bravo del maestro.

    0
    0
  3. Bravi i ragazzi di Messina…alla faccia dei cattivi esempi dati loro….la nostra vecchiaia è nelle Vostre mani….siate forti….IN BOCCA AL LUPO!!!!!!!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x