Radersi i baffi e scendere all’inferno - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Radersi i baffi e scendere all’inferno

Pierluigi Siclari

Radersi i baffi e scendere all’inferno

domenica 24 Maggio 2020 - 08:28
Radersi i baffi e scendere all’inferno

Quando il protagonista del romanzo intitolato "I baffi", terza opera di Emanuel Carrère, decide di radersi, dà il via a una vera discesa all’inferno

Difficile considerare l’azione di tagliarsi i baffi come qualcosa di spericolato e trasgressivo, anche se questi accompagnano il proprio volto praticamente da sempre. Eppure, quando il protagonista del romanzo intitolato proprio I baffi, terza opera di Emanuel Carrère, prende questa decisione, dà il via a una vera e propria discesa all’inferno.

I baffi

L’uomo elimina i propri baffi in apertura del romanzo, per la curiosità di scoprire come sta senza, e per fare una sorpresa alla moglie Agnès che lo ha sempre visto baffuto. Da solo, attende le reazioni altrui – insieme ad Agnès stanno per andare a cena da una coppia di amici – con la stessa emozione di un bimbo che ha commesso una monelleria e sa che è solo questione di tempo prima di venire scoperto.

Domande su domande

Il protagonista non sta nella pelle; riceverà complimenti? Verrà preso in giro? Sarà sgridato dalla moglie? Semplicemente, non accade nulla, ed ecco che altre domande si alternano: davvero nessuno se ne è accorto? O gli stanno facendo a loro volta uno scherzo?

Né l’una né l’altra. Agnès si dichiara sicura del fatto che lui non abbia mai avuto i baffi. E questo è solo l’inizio, perché in un crescendo di tensione e disperazione la donna smonta altre certezze del protagonista.

Fuggire lontano

Che fare, adesso? Si potrebbe ricorrere alla psichiatria, l’ipotesi viene vagliata e quasi accettata, ma il protagonista sente di non essere pazzo, pur riconoscendo che qualcosa nel suo mondo si è spezzato. Rimane allora la fuga, ultima speranza per un’esistenza che sia, se non felice, almeno serena, anche se in fondo sia il protagonista, che i lettori seguendolo, immaginano che ormai la pace non sarà mai più possibile.

Viaggio all’inizio del percorso dell’autore

I baffi, come detto in apertura, è una delle prime pubblicazioni di Carrère, risalente al 1986. Facile però immaginare che la stragrande maggioranza dei lettori italiani vi arrivino – grazie alla pubblicazione di quest’anno curata da Adelphi – dopo i libri, cronologicamente successivi, che hanno reso lo scrittore francese celebre in tutto il mondo.

I baffi
Un’immagine dal film del 2005 tratto dal romanzo

Il tentativo di risolvere il dubbio su cosa stia accadendo tramite ipotesi surreali, e soprattutto il senso di disgregazione della realtà, per esempio, richiamano evidentemente Ubik di Philip K. Dick, di cui Carrère si è occupato con Io sono vivo e voi siete morti.

Anche sui temi della psicoanalisi e del viaggio Carrère si è soffermato spesso (vedasi Vite che non sono la mia, Un romanzo russo, e, in un certo senso, anche L’avversario).

Ne I baffi non mancano momenti di azione – la fuga del protagonista, appunto, o i suoi precedenti movimenti per la città – e di confronto personale – di grandissimo impatto la descrizione del rapporto sessuale tra l’uomo e la moglie in un momento di crisi di entrambi –, ma a predominare sono le costruzioni mentali del protagonista. Costruzioni e distruzioni, in realtà, perché Carrère dimostra tutta la sua padronanza della scrittura elaborando teorie apparentemente inattaccabili, salvo poi farle distruggere lui stesso dalle successive, a loro volta destinate a uguale sorte, e questo moto oscillatorio si trasmette anche al lettore, che si troverà ora tenuto per mano, ora lasciato al proprio destino.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007