Reggio Calabria, confessa il proprietario della cascina, ad uccidere Antonio Candido e gli altri due vigili, una tentata frode - Tempo Stretto

Reggio Calabria, confessa il proprietario della cascina, ad uccidere Antonio Candido e gli altri due vigili, una tentata frode

Simone Pizzi

Reggio Calabria, confessa il proprietario della cascina, ad uccidere Antonio Candido e gli altri due vigili, una tentata frode

sabato 09 Novembre 2019 - 11:24
Reggio Calabria, confessa il proprietario della cascina, ad uccidere Antonio Candido e gli altri due vigili, una tentata frode

Reggio Calabria, ad uccidere i tre vigili fu una tentata frode all'assicurazione, il proprietario ha confessato

Reggio Calabria, 9 nov – Una tentata frode all’assicurazione. E’ per questo che sono morti Antonino, Marco e Matteo, i tre vigili del fuoco travolti dall’esplosione della cascina di Quargnento nella notte tra il 4 e il 5 novembre. Lo rende noto il procuratore di Alessandria Enrico Cieri, annunciando che il proprietario della cascina “Giovanni Vincenti ha confessato in maniera esaustiva e piena dando pieno riscontro agli elementi acquisiti durante la perquisizione”. L’uomo è stato fermato nella notte dai carabinieri di Alessandria. I reati contestati sono disastro doloso, omicidio e lesioni volontarie.

AdKronos

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007