Reggio Calabria, i risultati dei Carabinieri nel 2019 DETTAGLI e FOTO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria, i risultati dei Carabinieri nel 2019 DETTAGLI e FOTO

Simone Pizzi

Reggio Calabria, i risultati dei Carabinieri nel 2019 DETTAGLI e FOTO

martedì 07 Gennaio 2020 - 12:50
Reggio Calabria, i risultati dei Carabinieri nel 2019 DETTAGLI e FOTO

Reggio Calabria, numeri di rilievo per l'attività dei carabinieri provinciali nel 2019

Reggio Calabria, 7 gennaio – Come ogni anno, il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria ha il piacere di fare il bilancio dell’intenso lavoro con la “Stampa”, sempre presente a riportare 12 mesi di dinamiche reggine.

In questi ultimi dodici mesi di attività sono molte le difficoltà superate e i successi conseguiti, a dimostrazione della costante operosità dei Carabinieri di questa provincia. I numeri, nella loro asciutta sinteticità, manifestano la costanza dell’impegno della nostra istituzione non solo sul piano della repressione dei fenomeni criminali, ma anche sul fronte della prevenzione.
E’ doveroso sottolineare, in primis, sul versante del contrasto alla violenza di genere il Comando Provinciale di Reggio Calabria, ha attuato un protocollo operativo denominato “Rete supporto anti violenza”.

Questa rete di militari, per la quale sono state privilegiate militari di sesso femminile e/o comunque militari particolarmente sensibili al fenomeno della violenza di genere, ha approfondito e sviluppato la legge nr. 69 del 2019 cosiddetta “Codice Rosso”, attraverso la stesura di alcuni formulari e verbali al fine di essere tempestivi e completi in relazione al primo intervento e alla trattazione della comunicazione di notizia di reato da inviare all’autorità giudiziaria, nonché, ove si rendesse necessario, si interesseranno alla collocazione della vittima nel centro anti-violenza. Con l’istituzione di questa rete, ogni Stazione dell’Arma, può accogliere in maniera idonea chiunque abbia bisogno d’aiuto viste le apposite direttive per le quali, i Carabinieri attuano nell’approccio comunicativo e nel primo ascolto della vittima, soprattutto in relazione all’empatia emotiva necessaria per far esternare e precisare alla persona offesa di un grave delitto circostanze e dettagli sempre dolorosi da ricordare.

Nell’occasione, bisogna ricordare, come il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria, nel 2017, ha istituito con Soroptimist Italia, “UNA STANZA TUTTA PER SÉ”, all’interno del Comando Gruppo Carabinieri di Locri, proprio per incentivare le fasce deboli a denunciare, in un “luogo sicuro, protetto, dove le vittime di violenza possono parlare senza paura di ogni loro preoccupazione”.
La “criminalità diffusa” e la “criminalità predatoria” di questa provincia, seppur costituiscano apparentemente una minaccia di minore entità rispetto a quella organizzata, hanno in loro stesse la caratteristica dell’aggressività che le connota come le espressioni criminali più temute dalla collettività.

I risultati raggiunti sono incoraggianti e gratificano l’Istituzione per gli sforzi compiuti.
L’elevato numero dei servizi esterni, dei controlli su strada, degli arresti in flagranza, sono il segno di un’opera che si sostanzia in fatti concreti ad esclusivo vantaggio della tranquillità delle popolazioni che sono state a noi affidate. Un’abnegazione al passo coi tempi, frutto della capacità di migliorare noi stessi nonché indice dell’azione costante sul territorio di un’Istituzione affidabile, efficace ed efficiente.

L’Arma garantisce un servizio di “pronto intervento”, in grado di gestire le migliaia di chiamate pervenute nel 2019 al numero di emergenza 112, alle quali sono conseguiti interventi realizzati attraverso tutte le componenti operative dell’Arma dislocate sul territorio: dalle pattuglie delle Stazioni, alle Sezioni Radiomobili nonché ai militari delle A.P.I. (Aliquote Primo Intervento). Queste componenti sono anche chiamate a svolgere un delicato compito di prevenzione, attraverso un costante controllo del territorio e della circolazione stradale (nel 2019 sono state controllate circa 261 mila persone e oltre 245 mila mezzi); per questo ultimo aspetto sono state intensificate, come l’anno scorso, le verifiche nei fine settimana ed in prossimità di locali notturni, al fine di ridurre gli incidenti e il numero delle vittime della strada (le cc.dd. “stragi del sabato sera”) a riprova di una vicinanza dell’Arma ai giovani e alla voglia di vivere che essi esprimono e che le Istituzioni devono proteggere.

Numeri eloquenti quelli dell’arma reggina: i carabinieri, unico presidio di polizia sul 90% del territorio della provincia, procedono per il 76 % dei reati commessi.
Nel settore del contrasto, altrettanto evidenti sono le percentuali dell’impegno sul territorio: quasi l’84% delle denunce a piede libero e oltre il 62 % degli arresti sono appannaggio dei Reparti dell’Arma.
In effetti, la capillarità e la prossimità costituiscono l’ “anima” dell’Arma, poiché garantiscono, al tempo stesso, sia una presenza effettiva, costante e percepibile al cittadino, con le sue 90 Stazioni Carabinieri distribuite in tutto il territorio della Provincia, sia strumento imprescindibile per il contrasto alla criminalità organizzata e alla ‘ndrangheta, infatti, con l’operazione “Isidoro” di qualche giorno fa, la stazione di San Luca ha denunciato ben 458 persone accusati di truffa aggravata in danno dell’INPS.

Nell’anno 2019, sono stati effettuati 308 arresti in flagranza di reato e 518 arresti su ordine dell’autorità giudiziaria nonché 4330 denunce a piede libero.
I capillari controlli dei militari dell’Arma hanno permesso di rinvenire 146 fucili, 73 pistole, 5 bombe, oltre 14 mila proiettili ed oltre 1 tonnellata di materiale esplodente.
In ambito patrimoniale, sono stati effettuati 25 sequestri per un complessivo di 300 milioni di euro e 8 confische per un totale di oltre 13,8 milioni di euro.
Riguardo il contrasto alla coltivazione illegale della “cannabis” le operazioni di servizio hanno permesso di rinvenire 53 piantagioni di quasi 40 mila piante di droga, arrestare 25 persone in flagranza di reato e segnalarne 6 a piede libero.

Grazie all’apporto dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, che lavora in stretta sinergia con l’Arma sul territorio reggino, sono stati rinvenuti 2 bunker in mirate operazioni di servizio nella provincia, che hanno portato all’arresto di 3 persone ed al deferimento in stato di libertà di 2 persone, nella la maggior parte dei casi appartenenti a cosche del posto.
Inoltre, sono stati scovati 12 latitanti, tra cui 2 inseriti nella lista dei “pericolosi” (Strangio Francesco e Grasso Rosario) e 10 inseriti nella lista dei “comuni” (Pop Arnol Vasile, Di Marte Giuseppe, Ielo Francesco, Stilo Rocco, Agostino Alessandro, Italiano Domenico, Giorgi Sebastiano, Pasmac Mariel, Anastasti Patrick Thierry e Trefiletti Francesco).
Nel contrasto alla criminalità organizzata significativi sono stati i risultati ottenuti con le indagini concluse: “DIANA”, “ICEBERG”, “DOMINUS”, “CAMALEONTE”, “A RUOTA LIBERA”, “SELFIE”, “EDERA”, “MADRE NATURA”, “PUPI WHITE CITY”, “NIKITA”, “ALTANUM”, “SEX HOME”, “SANTAVENERE”, “RISCATTO”, “RANDOM”, “FULLONES”, “CATTIVA STRADA”, “GREEN DAY”, “SEQUESTRO DROGA A GIOIA TAURO”, “VIII COMANDAMENTO”, “GATTOPARDO”, “ISIDORO” e “CENIDE”.

Qualsiasi sforzo organizzativo sarebbe tuttavia stato vano se non fosse stato valorizzato dal fattore umano, ovvero da tutti quegli operatori che – a vario titolo – sono poi chiamati a dare attuazione pratica alle direttive operative.
Sento la necessità di porgere il mio più profondo ringraziamento agli uomini ed alle donne dell’Arma dei Carabinieri di questa Provincia per il costante impegno che dimostrano quotidianamente nello svolgimento dell’attività istituzionale. Ed in particolare, per la presenza e la costante attenzione alle problematiche del territorio, ai Comandanti di Stazione che, essendo a più immediato contatto con le esigenze dei cittadini, garantiscono con i militari dipendenti da sempre la sicurezza delle comunità e l’insostituibile presenza dell’Arma sul territorio.

Ringraziamo le Autorità provinciali, il Sig. Prefetto per la costante e insostituibile opera di coordinamento nell’attività preventiva, la Magistratura inquirente, tra cui la Direzione Distrettuale Antimafia per le strategie di contrasto adottate, e giudicante e le Autorità amministrative territoriali. Allo stesso modo, va il nostro ringraziamento alle altre Forze di polizia per la sinergia degli sforzi prodotti e per il comune impegno nel contrasto alla criminalità, proprio nell’ottima della “Squadra Stato” che ha differenziato sempre la provincia reggina.
Infine, doveroso è il ringraziamento a voi giornalisti, indifferentemente se della carta stampata o della televisione definiti, da noi Carabinieri la “Stampa”, per l’attenzione dimostrata verso le nostre esigenze di comunicazione, nell’esercizio di una professione delicata ed impegnativa che, specie in questo territorio, riveste il ruolo fondamentale di stimolo alla crescita sociale e culturale della collettività nonché nel fornire un servizio di informazione utile per la collettività agevolando la prevenzione dei reati.


Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007