Reggio, esercenti in ginocchio e GreenPass: Ancora Italia "chiama" Confcommercio - Tempostretto

Reggio, esercenti in ginocchio e GreenPass: Ancora Italia “chiama” Confcommercio

Redazione

Reggio, esercenti in ginocchio e GreenPass: Ancora Italia “chiama” Confcommercio

mercoledì 02 Febbraio 2022 - 18:00

Evocate le Faq sul sito web del Governo: «I negozianti non "devono" ma "possono" controllare la tessera verde, controproducenti atteggiamenti 'da sceriffo'»

REGGIO CALABRIA – Ancora Italia scrive a Confcommercio: la situazione dei negozianti reggini è gravissima e adesso, rileva il soggetto politico, è in campo anche la richiesta «dell’ormai famosa ‘tessera verde’ anche per entrare nei negozi e negli uffici pubblici. Se da una parte imprenditori ed esercenti reggini devono farsi carico d’aumenti esponenziali del costo dell’energia elettrica, delle materie prime e dei tributi», a parte l’avvento di restrizioni sempre più ficcanti, dall’altra «si trovano clienti, avventori e consumatori che continuano a sentirsi vessati, inseguiti e privati del diritto d’entrare in piena libertà a spendere i propri soldi in negozi di abbigliamento, gioiellerie, negozi di mobili, ristoranti, ritenuti “non essenziali”».

Solo che , le faq (domande frequenti, ndr) che campeggiano sul sito web ufficiale del Governo centrale evidenziano che «i titolari degli esercizi commerciali non devono effettuare necessariamente i controlli sul possesso del green pass, ma possono svolgerli a campione successivamente all’ingresso della clientela nei locali». Questo passaggio fa auspicare la maggior tranquillità possibile da parte dei commercianti nei confronti della clientela, scrivono da Ancora Italia all’indirizzo di Confcommercio: «Atteggiamenti vessatori, persecutori o da sceriffo che deve trovare il criminale del momento, andrebbero soltanto ad aggravare la situazione, generando diffidenza e mortificazione e allontanerebbero ulteriormente potenziali clienti, che potrebbero vedersi costretti a spostare il proprio acquisto on-line».
Proprio l’ipotesi esecrata di recente dal presidente di Confcommercio Lorenzo Labate in un’intervista rilasciata a Tempostretto.

Ad avviso di Peppe Modafferi & c., la questione peraltro si complica perché non è pacifica la «legittimità della richiesta da parte di titolari o impiegati, perché chi richiede un “ green pass” di fatto accede a dati sensibili anche sanitari del cliente, senza fornire alcuna “liberatoria privacy” , che invece è richiesta (e la legge che la regola è tuttora in vigore) ogni qualvolta ci siano dati personali da fornire»

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007