Reggio. Sabato frittole, la tradizione che si rinnova per le feste patronali - Tempostretto

Reggio. Sabato frittole, la tradizione che si rinnova per le feste patronali

elisabetta marciano

Reggio. Sabato frittole, la tradizione che si rinnova per le feste patronali

sabato 11 Settembre 2021 - 15:53

La tradizione risale a circa mille anni fa e resiste fortissima nonostante le nuove generazioni e l'evoluzione del gusto.

Le feste patronali, un misto di eventi in si fondono fede e tradizione, culto e rituali popolari. Consumare le “frittole” (in dialetto frittuli) fa sicuramente parte dei riti popolari legati alla gastronomia. Inserite nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf) come prodotto tipico calabrese sono il piatto d’eccellenza legato a Festa Madonna. La pratica di bollire in un grande pentola di rame stagnato, chiamata “caddara” gli scarti della macellazione del maiale, risale a circa mille anni fa e resiste fortissima nonostante le nuove generazioni e l’evoluzione del gusto.

La preparazione

I macellai (“frittulari”) iniziano la preparazione raschiando e lavando le cotenne. Le stesse poi sono inserite nella “caddara” con la parte del grasso che aderisce alle pareti. In seguito, vengono aggiunti gli altri ingredienti che cuoceranno (per circa 8 ore) solo grazie al grasso, quindi senza l’apporto di acqua. Quando arriveranno a cottura si aggiunge il sale e poi il pepe prima di servirle con il pane caldo. I residui di carne rimasti sul fondo della pentola, chiamati “curcuci”, sono conservati con lo strutto ricavato e spesso si accompagnano a uova fritte.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007