Reggio Calabria, studio sulle biomasse agro-forestali nella Facoltà di Agraria | FOTO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Reggio Calabria, studio sulle biomasse agro-forestali nella Facoltà di Agraria | FOTO

Simone Pizzi

Reggio Calabria, studio sulle biomasse agro-forestali nella Facoltà di Agraria | FOTO

mercoledì 12 Febbraio 2020 - 14:24
Reggio Calabria, studio sulle biomasse agro-forestali nella Facoltà di Agraria | FOTO

Reggio Calabria, Agraria, biomasse agro-forestali giornata studio conclusiva del progetto FAESI

Reggio Calabria, 12 febbraio – Presso l’Aula Seminari del Dipartimento di AGRARIA dell’Università degli Studi di Reggio Calabria si è svolta la giornata di studio sul tema delle
biomasse agro-forestali in Calabria. Nel corso dell’incontro sono stati presentati i risultati ottenuti da un importante progetto di ricerca
nazionale. Tale progetto, denominato “FAESI” – Filiere Agro-Energetiche nel Sud Italia -è finanziato dal MIPAAF (Ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali) con DM n. 4056-2008, è finalizzato a promuovere la realizzazione di filiere agro-energetiche nel Sud Italia ad opera di imprenditori agricoli, agro-industriali ed industriali in terreni marginali e non, comunque caratterizzati da condizioni pedo-climatiche più difficoltose rispetto alle realtà del Nord Italia dove si sono già affermate.

Il progetto ha previsto una ricerca mirata a risolvere le
principali problematiche specifiche per il Sud Italia per filiere agro-energetiche fornendo un valido supporto tecnico alle realtà locali. Si sono alternati diversi interventi tecnici che hanno illustrato i risultati ottenuti dai soggetti attuatori: CREA-IT (Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Economia Agraria), ARSAC (Azienda Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura Calabrese), Università degli Studi Mediterranea – Dipartimento di Agraria, Società Cooperativa AGROENERGIA Calabria. Alla presenza di una nutrita presenza di personale tecnico, di studenti e di vari
soggetti rappresentanti del mondo agricolo, ha moderato ed introdotto i lavori il Prof. Giuseppe ZIMBALATTI, Direttore del Dipartimento di Agraria. A tutti i partecipanti è stato distribuito il voumune appositamente
pubblicato che riassume i proncipali risultati ottenuti. In qualità di rappresentante del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali è intervenuto il Dott. Attilio TONOLO che ha delineato il ruolo e
l’importanza delle biomasse nella politica agricola nazionale. Con il suo intervento, il dott. Tonolo ha apprezzato i risultati ottenuti dai partner, validando il percorso scientifico e divulgativo del progetto ed ha sottolineato l’importanza di raccordare le esigenze del mondo imprenditoriale agroforestale con la ricerca universitaria per favorire future linee di intervento.

Per l’ARSAC è intervenuto il Dott. Antonio LEUZZI in qualità di Dirigente del Settore Sperimentazione e Ricerca Applicata, che dopo una breve presentazione del progetto ha sottolineato la necessità di proseguire su
questa linea per future collaborazioni con i partner coinvolti mentre il Dott. Roberto BONOFIGLIO, in qualità di coordinatore del progetto, ha ripercorso tutte le fasi di realizzazione del progetto con la sintesi dei
risultati ottenuti evidenziando le opportunità offerte dal progetto.

L’intervento del CREA-IT è stato curato dall’ing. Francesco GALLUCCI che ha
illustrato le problematiche legate alla emissione di gas prodotti al camino
derivati dalla combustione di biomasse residuali ottenute dal recupero di
potature. Invece, la Dott.ssa Souraya BENALIA, assegnista del Dipartimento
di Agraria, ha curato alcuni aspetti legati allo studio dei cantieri meccanizzati per la raccolta di biomasse lignocellulosiche mentre il Dott. Filippo PECORA, coordinatore di Agroenergia Calabria per il progetto FAESI,
ha illustrato il contributo apportato da parte dallo stesso partner interessato.

Sono seguiti gli interventi del Dott. Orlando CAMPOLO, entomologo del Dipartimento di Agraria, che ha illustrato le dinamiche entomologiche sui residui di potatura agro-forestale e del Dott. Salvatore PAPANDREA,
dottorando del medesimo Dipartimento, che ha illustrato i risultati ottenuti dai test condotti su diversi prodotti lignocellulosici destinati a scopi energetici.
L’ultimo intervento tecnico è stato tenuto dal Dott. Andrea R. PROTO, Docente del Dipartimento di Agraria e Responsabile scientifico del progetto, che ha tracciato le linee guida per una corretta valorizzazione energetica della biomassa agroforestale.

Dal dibattito è emersa la necessità di promuovere la nascita di micro-filiere locali per fornire risposte alla grave crisi che sta
attraversando il settore agricolo in termini di possibilità di integrazione di reddito, offerto dagli incentivi per gli impianti a biomassa, con conseguente vantaggio di usufruire del valore aggiunto e del regime di tassazione agevolato che la normativa di legge prevede (ruralità). Il progetto è stato finalizzato a fornire un maggiore supporto tecnico-scientifico al sistema agricolo regionale e nazionale in termini di competitività attraverso l’incremento del tasso di auto approvvigionamento rispetto alle fonti energetiche tradizionali (gas, combustibili fossili,ecc.). In tal senso si offre maggiore possibilità di utilizzo dell’energia secondaria, cogenerazione e trigenerazione e nel contempo si consente di incrementare il tasso di occupazione inteso come rapporto tra n. occupati/potenza installata. Si determina una diminuzione dei costi di
trasporto e di conseguenza si ha un minore impatto ambientale in termini di
emissioni gassose nocive. Le conclusioni della giornata sono state tratte dagli stessi Dott. Attilio TONOLO e dal Prof. Giuseppe ZIMBALATTI che hanno stimolato alcune riflessioni riguardo le opportunità offerte dall’utilizzo dei residui colturali derivati dalle potature agricole e dalle operazioni di
pulizia del bosco.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007