Stabilizzazione dei precari. Catalfamo: "Ok a variazione, ma si faccia di più" - Tempostretto

Stabilizzazione dei precari. Catalfamo: “Ok a variazione, ma si faccia di più”

Sa.ditra

Stabilizzazione dei precari. Catalfamo: “Ok a variazione, ma si faccia di più”

giovedì 06 Dicembre 2018 - 15:55
Stabilizzazione dei precari. Catalfamo: “Ok a variazione, ma si faccia di più”

Assegnati 3 milioni in variazione di bilancio, alla regione, per la stabilizzazione dei precari nella pubblica amministrazione. Catalfamo: “Importante passo in avanti, ma vogliamo di più”.

Riflettori puntati, ancora una volta, sulla questione della stabilizzazione dei precari nella pubblica amministrazione. Dopo la variazione di bilancio approvata alla regione, che prevede l’assegnazione di 3 milioni ai comuni per far fronte alle spese necessarie alle procedure di stabilizzazione, si accende il dibattito (Clicca qui per il precedente articolo).

“Cogliamo con favore la trasversalità con cui si sta procedendo per assicurare ai dipendenti precari della pubblica amministrazione siciliana un natale sereno –ha dichiarato Antonio Catalfamo, capogruppo all’Ars per Fratelli d’Italia- tuttavia questa è l’ennesima proroga, l’ennesimo cerotto sulla ferita che pone un argine tempestivo al problema della scadenza dei contratti ma che non risolve la situazione”.

Il deputato di FdI chiede un deciso passo in avanti, che possa indirizzare il problema lungo una via risolutiva più a lungo termine.

“Stiamo lavorando ad un testo legislativo che grazie all’ausilio di tecnici e sindacati, con i quali ci siamo interfacciati in queste settimane, porrà definitivamente una soluzione al problema dei contratti a termine nella pubblica amministrazione come al comune di Milazzo –ha aggiunto Catalfamo- Inoltre oggi arriva un’altra buona notizia. La cassazione ha aperto una finestra sulla possibilità di convertire i contratti a termine nella pubblica amministrazione. Per la prima volta la Suprema Corte -prosegue- a seguito dell'espletamento di una procedura selettiva per il reclutamento di personale a tempo determinato, apre ad una possibile conversione giudiziale del contratto. Un passo avanti enorme della Cassazione, in attesa della Corte costituzionale che si esprimerà sulla medesima materia a breve”.

Piccoli passi avanti, dunque, ma necessari a spianare la strada a soluzioni concrete.

 

Tag:

COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007