Servizi sociali: le denunce degli anziani, le anomalie, i costi, l'ispezione - Tempostretto

Servizi sociali: le denunce degli anziani, le anomalie, i costi, l’ispezione

Rosaria Brancato

Servizi sociali: le denunce degli anziani, le anomalie, i costi, l’ispezione

giovedì 18 Ottobre 2018 - 06:46
Servizi sociali: le denunce degli anziani, le anomalie, i costi, l’ispezione

Di seguito la relazione dei vigili urbani che hanno ascoltato 21 utenti del servizio di assistenza domiciliare ed hanno raffrontato i tabulati della coop con la documentazione del Dipartimento. Ed è emerso che......

L’ispezione della Polizia Municipale fa seguito alla nota del sindaco del 6 settembre, dopo una serie di segnalazioni e lamentele pervenute al Comune in merito ad anomalie nell’erogazione dei servizi da parte delle cooperative dei servizi sociali.

Gli ispettori hanno acquisito copia del "Bando di gara" e "Capitolato speciale d'oneri" dell'affidamento del servizio di assistenza domiciliare anziani unitamente agli elenchi dei fruitori del servizio relativi ai mesi di Giugno, Luglio e Agosto 2018, questi ultimi redatti dall'ATI Genesi/Cesim (aggiudicataria dell’appalto).

Sono stati effettuati, a campione, accertamenti presso 21 abitazioni degli utenti destinatari del Servizio Assistenza Domiciliare Anziani. Successivamente, i 27 e 28 settembre, è stata acquisita sia presso la sede sociale dell’ATI Genesi/ Cesim che presso il Dipartimento Politiche sociali, l’intera documentazione afferente gli utenti presso i quali sono stati fatti gli accertamenti, in modo da raffrontare i dati (quanto dichiarato al Dipartimento e quanto effettivamente erogato) e verificare le eventuali differenze.

DI SEGUITO L’ESITO DEI 21 CONTROLLI effettuati nell’ambito delle 6 circoscrizioni.

Il servizio dato in appalto prevede le seguenti prestazioni:

AD (Aiuto Domestico). DP (Disbrigo pratiche), IP (igiene personale), TR (Trasporti), AI Assistenza infermieristica AC (accompagnamento)

Nella relazione degli ispettori pertanto figurano sia le dichiarazioni rese dagli utenti che i tabulati della cooperativa che infine la documentazione del Dipartimento in base alla quale vengono erogate le somme alla cooperativa (ed è tra i tabulati e la documentazione che emergono le anomalie). A fine relazione i due ispettori elencano le anomalie e le differenze riscontrate.

LA RELAZIONE DEGLI ISPETTORI DELLA POLIZIA MUNICIPALE

1 ) I coniugi X ed Y : riferiscono di usufruire del servizio di pulizia della casa per 3 volte a settimana; trasporto in ospedale e per controlli su richiesta.

Documentazione Dipartimento: risulta che i predetti coniugi sono stati ammessi a fruire delle seguenti prestazioni: AD (frequenza 3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno)

2) Coniugi A ed B: riferiscono di usufruire del servizio di pulizia della casa, per 3 volte a settimana, e disbrigo pratiche. (NB. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per A anche se B risulta nell’elenco del Dipartimento)

Documentazione Dipartimento: sono stati ammessi a fruire delle seguenti prestazioni:

AD (frequenza 3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno)

3) Coniugi C e D: riferiscono di usufruire del servizio di pulizia della casa, per 3 volte a settimana, e igiene personale per 2 volte a settimana. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio di AD nel mese di Giugno, è erogato per C per 13 ore, mentre nel mese di Luglio il monte ore risulta suddiviso in 4 ore per C e 9 ore per D)

Documentazione Dipartimento: AD (frequenza 3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno) IP (2 volte la settimana per D)

4- I Coniugi E ed F: riferiscono di usufruire del servizio di pulizia della casa, per 3 volte a settimana, e disbrigo pratiche con accompagnamento in macchina. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per E anche se F risulta in elenco).

Documentazione Dipartimento: AD (frequenza 3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno) .

5- coniugi G ed H : riferiscono di usufruire del servizio di pulizia della casa, per 3 volte a settimana. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per G anche se H è in elenco).

Documentazione Dipartimento: AD (3 volte la settimana) DP (al bisogno) AC (al bisogno)

(N.B.: il signor X ha riferito di essere in perfetta forma fisica e di andare 3 volte a settimana in bici).

6) coniugi I ED L: servizio di pulizia della casa, per 3 volte a settimana. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio di assistenza domiciliare, nel mese di Giugno, è erogato per I per 11 ore mentre nel mese di Luglio risulta stranamente per l per 12 ore)

Documentazione Dipartimento: AD ( 3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno) Sostegno socio-relazionale (3 volte la settimana).

Questo accertamento fa seguito alla denuncia del signor X il 27 agosto 2018 ed indirizzata al dirigente del Dipartimento. Il signor X è stato sentito il 13 settembre (in merito alle discrepanze tra i servizi erogati e quelli risultanti nella documentazione del Dipartimento e non resi)

7) i coniugi M ED N : riferiscono di usufruire del servizio di disbrigo pratiche' in caso di mancanza di un proprio nipote, il personale provvede solo all'Igiene Personale. (N.B. dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per uno anche se l alltro risulta in elenco)

Documentazione Dipartimento: AD (2 volte la settimana) DP e AC (al bisogno).

8) coniugi O e P pulizia della casa 3 volte a settimana (NB.dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per X anche se Y risulta presente in elenco).

Documentazione Dipartimento: AD (3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno).

9) coniugi Q ed R: riferisce di aver presentato richiesta di attivazione del servizio circa 2 anni fa ma non gli è mai stato concesso a causa della presenza in casa della nuora ( NB.dai tabulati emerge però che la posizione della signora è stata chiusa il 24 luglio 2018)

Documentazione Dipartimento: DP e AC (al bisogno).

(ndr. alla signora non è mai stato attivato il servizio eppure risulta in elenco e per lei vengono erogate somme alla cooperativa….)

10- i coniugi S e T: pulizia della casa 3 volte a settimana, e disbrigo pratiche con accompagnamento in macchina. (N.B. Dai tabulati emerge che il monte ore è riportato in una posizione centrale tra le righe dei due utenti, circostanza che lascia presupporre che il servizio sia erogato ad entrambi).

Documentazione Dipartimento: AD (frequenza 3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno) INF.

11-I CONIUGI U e V: pulizia della casa, per 3 volte a settimana (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per uno anche se l altro risulta in elenco).

Documentazione Dipartimento: AD (3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno).

12) I CONIUGI 1 E 2 pulizia della casa, per 3 volte a settimana. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo pe 1 anche se 2 risulta in elenco).

Documentazione Dipartimento AD (3 volte la settimana) DP e AC (al bisogno).

13) I CONIUGI 3 E 4: pulizia della casa, per 4 volte a settimana. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per 3 anche se 4 è in elenco)

Documentazione Dipartimento : AD ( 4 volte la settimana) DP (al bisogno).

14 Coniugi: la figlia riferisce di aver attivato il servizio di assistenza domiciliare per la propria madre e di igiene personale per il padre. Dopo quindici giorni dall'attivazione del servizio per la propria madre, il servizio è stato interrotto (dai tabulati emerge che il servizio di assistenza domiciliare è erogato solo per X anche se Y risulta in elenco).

Documentazione Dipartimento: DP e AC (al bisogno) Al IP (frequenza 6 volte la settimana per X e 3 volte la settimana per Y). Dopo la denuncia della figlia è stata sentita a sommarie informazioni il 15 settembre. Dalla nota protocollare a firma dell’assistente sociale (datata 2016) risulta che la signora ha riferito di non avere più bisogno delle 3 ore a settimana di IP per la madre perché l’aiuta la badante)

15. X ED Y: servizio di trasporto (dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per X anche se Y è in elenco)

Documentazione Dipartimento: DP e AC (al bisogno) AI

16- la signora riferisce di usufruire del servizio di trasporto ma spesse volte le viene riferito che non c'è disponibilità di vetture.

Documentazione Dipartimento: DP (al bisogno) AC (al bisogno).

17 I CONIUGI: 5 E 6 servizio di pulizia della casa, per 3 volte a settimana. (N.B. Dai tabulati emerge che il servizio è erogato solo per 5 anche se 6 risulta in elenco)

Documentazione Dipartimento :AD (3 volte a settimana) DP al bisogno INF

18- I coniugi: essendo la signora in gravissime condizioni di salute, tali da non permetterle di riferire alcunchè i figli hanno riferito che la madre non ha mai usufruito di alcun servizio.

Documentazione Dipartimento risulta invece che è stata ammessa al DP (NB. Il servizio è stato attivato unitamente al coniuge morto il 30 novembre del 2016)

19: Z e V: servizio di pulizia della casa per 3 volte a settimana (dai tabulati emerge che è erogato solo per Z anche se V è presente in elenco)

Documentazione dipartimento: AD (3 volte) DP e AC (al bisogno)

20-I coniugi 7 E 8 servizio di disbrigo pratiche e trasporto (emerge che viene erogato solo per 7 anche se 8 è in elenco)

Documentazione dipartimento DP e AC (al bisogno)

Il signor X fornisce copia di due email indirizzate sia all’ex amministrazione che all’attuale lamentando criticità nello svolgimento di svariati servizi che eroga la cooperativa.

21- I coniugi. 9 E 10. pulizia della casa per 3 volte (dai tabulati emerge che viene erogato solo per 9 anche se 10 è in elenco).

CONCLUSIONI DELLA RELAZIONE

Da un raffronto tra i dati riferiti dagli utenti e di quanto risulta dai tabulati dei servizi resi dalla ATI Genesi/Cesim, appare alquanto strana la circostanza che gli utenti, in molti casi riferiscono di usufruire di un numero ( e una tipologia) di prestazioni diverso rispetto a quello che il Dipartimento ha autorizzato (ndr e paga); in particolare, nella maggior parte dei casi esaminati, risulta evidente come gli utenti riferiscono di usufruire solo del servizio di AD sconoscendo di esse stati ammessi a fruire anche delle prestazioni di DP e AC (entrambi rese al bisogno).

A tale proposito, il sig X sentito in merito all'esposto indirizzato Dirigente del Dipartimento Politiche Sociali in data 27.08.2018, ha dichiarato: "Faccio presente che il servizio di aiuto domestico è stato richiesto soltanto per mia moglie e non anche per il sottoscritto, così come risulta dalla comunicazione del servizio datata 27.11.2017. A tal riguardo riferisco che in occasione della richiesta del servizio, la signora X della Cooperativa ha fatto firmare la domanda a mia moglie ed al sottoscritto”.

Si precisa che molti dei suddetti utenti riferiscono di essere venuti a conoscenza dì riduzione degli autisti, addetti al servizio di trasporto (TR), e lamentano una criticità del servizio medesimo, in quanto l'erogazione dello stesso sarebbe garantita solo a fronte di richiesta telefonica da effettuarsi parecchio tempo prima del giorno in cui viene erogato il servizio; diversamente, tale servizio non viene erogato creando gravi disagi soprattutto per quelli che versano in precarie condizioni di salute o con problemi di deambulazione.

SUI RACCONTI DEGLI ANZIANI LEGGI ARTICOLO IN HOME PAGE (LEGGI QUI)

Essendo il servizio di trasporto (TR) in parziale correlazione con i servizi di DP e AC, sono state riferite lamentele anche nell'erogazione di questi ultimi.

Per quanto riguarda il servizio di aiuto domiciliare (AD), è stato riferito che, durante il periodo estivo, tale servizio risultava discontinuo in quanto il personale in ferie non veniva integrato, creando notevoli disservizi per l'utenza. In alcuni casi è stato riferito che, a prescindere dal periodo feriale, a volte il servizio non veniva garantito con continuità, omettendo di darne comunicazione preventiva all'utente. Tale circostanza risulta

cristallizzata dal sig. Z nell'esposto inviato al Dirigente del Dipartimento Politiche Sociali come anche nel verbale di dichiarazioni rese ai sottoscritti verbalizzanti

Occorre precisare che il Dipartimento Politiche Sociali si è avvalso della facoltà (prevista dall'art, 3 del Capitolato Speciale d'Oneri dell'affidamento del servizio S.A.D.A.) di incaricare gli assistenti sociali dell'ATI Genesi/Cesim per la predisposizione del PAI e, a fronte di singola domanda di attivazione del servizio S.A.D.A. per ogni utente, rilascia unica comunicazione di avvio del servizio per i componenti il nucleo familiare, specificando le prestazioni autorizzate. Dalla visione dei tabulati e dagli accertamenti effettuati presso le suddette utenze, risulta che, pur essendo indicati i nomi di marito e moglie, solo uno dei due è l'effettivo fruitore del servizio di AD (aiuto domestico) mentre, per quanto riguarda i servizi di DP e AC (prestati al bisogno), gli stessi risultano autorizzati per entrambi i coniugi.

Infine, sono stati esaminati i tabulati delle prestazioni rese dall'ATI Genesi Cesim nei mesi di Giugno, Luglio e Agosto del corrente anno, evidenziando il numero complessivo degli utenti ed il numero degli utenti a cui non è stata erogata alcuna prestazione:

Utenti complessivi Utenti senza prestazione

GIUGNO 701 106

LUGLIO 717 105

AGOSTO 719 116

Complessivamente l’importo dei servizi affidati alle cooperative è di quasi 17 milioni l’anno per 1.489 utenti. A Milano gli utenti sono 5.500. La cifra media ad utente è di 2.700 euro per Milano contro i 13 mila per Messina (5 volte più alta).

Se ci limitiamo al SAD (servizio assistenza domiciliare) che nel calcolo è stato accorpato alle famiglie multiproblematiche, il costo (per 688 anziani e 55 famiglie) è di 5 milioni 354 mila l’anno con una media di 4.520 euro annui ad utente (gli impiegati utilizzati per il servizio sono 128). Questo è solo un esempio.

Rosaria Brancato

Tag:

2 commenti

  1. Spendiamo due parole anche sulla bassissima professionalità del personale preposto al servizio? A tutti i livelli. Tutti.

    0
    0
  2. Nino Principato 18 Ottobre 2018 08:30

    Sarebbe il caso che la Magistratura ci mettesse lo zampino

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007