Per la Corte dei Conti il Comune è in una «condizione conclamata e persistente di gravissima crisi strutturale» - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Per la Corte dei Conti il Comune è in una «condizione conclamata e persistente di gravissima crisi strutturale»

Danila La Torre

Per la Corte dei Conti il Comune è in una «condizione conclamata e persistente di gravissima crisi strutturale»

mercoledì 25 Maggio 2016 - 18:34
Per la Corte dei Conti il Comune è in una «condizione conclamata e persistente di gravissima crisi strutturale»

Al di là dei rilievi e della criticità, c’è un passaggio nella deliberazione n.91 particolarmente interessante , che appare come la risposta dei magistrati contabili all’articolo del Manifesto firmato dall’ex assessore di palazzo Zanca Tonino Perna

La parola irreversibile non compare in nessuna delle 28 pagine della deliberazione esitata dalla Corte dei conti in seguito all’udienza del 13 aprile scorso, ma la crisi del Comune di Messina viene confermata in tutta la drammaticità.

«Pur dando atto degli sforzi profusi dall'ente e delle annunciate azioni di risanamento– si legge nella deliberazione – occorre rilevare come le tendenze esposte ed i risultati conseguiti nell'anno oggetto del presente controllo, indicative di una responsabile e maggiore consapevolezza da parte del Comune di Messina sulla necessità di una forte azione di risanamento, non possono che assumere un valore oggettivamente relativo a fronte della dimensione della crisi finanziaria e gestionale da fronteggiare ove si tenga conto, ad esempio, che la mole debitoria da ripianare resta immutata nell'esercizio considerato».

Con riferimento all'esercizio 2014, per la Sezione di controllo il Comune di Messina era e resta in una «condizione conclamata e persistente di gravissima crisi strutturale», vengono quindi confermate quasi integralmente le 14 criticità elencate nell’ordinanza che fissava l’adunanza del 13 aprile e si esprimeva in maniera molto netta sulla irreversibilità della crisi (vedi qui).

Con la deliberazione 91, il giudizio è meno netto, seppur vengono ribaditi i motivi di deferimento, legati soprattutto all’enorme mole di passività, al mancato allineamento contabile con le società partecipare, al mancato riconoscimento dei debiti fuori bilancio.

Innanzitutto, per i magistrati contabili «in presenza di una mole imponente di situazioni debitorie non contabilizzate, come quella emersa dalle ricognizioni propedeutiche al piano di riequilibrio, il risultato di amministrazione ed i dati economico-patrimoniali assumono scarsa rappresentatività del reale stato di salute finanziaria e di solidità patrimoniale dell'ente»

Rispetto ai parametri di deficitarietà, la Corte dei conti spiega che i risultati solo in taluni casi risultano migliorati rispetto al precedente esercizio, sottolineando tuttavia che restano pur sempre al di sopra della soglia di deficitarietà strutturale. C’è ,poi, il nodo del famigerato parametro 6 sulle spese del personale, su cui si registra la diversa interpretazione che ne danno amministrazione e revisori dei conti, con quest’ultimi che – a differenza dell’esecutivo – ritengono necessario conteggiare anche i costi dei lavoratori delle partecipate.

«Atteso che il relativo parametro assume rilevanza ai fini della condizione di deficitarietà strutturale dell'ente e, conseguentemente, dei presupposti per il suo accesso alla procedura di riequilibrio», la Corte dei conti ha deciso di sottoporre la questione direttamente alla Commissione per la stabilità e gli organici degli enti locali, inclusa tra i destinatari della deliberazione n.91.

A preoccupare la magistratura contabile è soprattutto la situazione debitoria di Palazzo Zanca, «che – si legge nella deliberazione – rappresenta uno degli aspetti più gravi della situazione di squilibrio e precarietà del bilancio del Comune». I debiti, peraltro, continuano a crescere come dimostra il caso di Messinambiente, dove è emerso un ulteriore debito di 6,8 milioni relativo a perdite della società, e rendono necessaria una nuova rimodulazione del piano di riequilibrio.

E sui debiti fuori bilancio ecco la reprimenda della Corte dei Conti: « L'ente deve evitare l'insorgenza dei debiti fuori bilancio e procedere tempestivamente al loro riconoscimento, individuando puntualmente i presupposti, l'entità, il limite, le eventuali responsabilità, e quindi procedere al progressivo smaltimento della massa debitoria attraverso le risorse reperite in bilancio».

Per la magistratura contabile «non sono tollerabili omissioni o ritardi nelle attività propedeutiche di ricognizione e riscontro delle situazioni debitorie, nonché nella tempestiva predisposizione degli atti necessari al relativo riconoscimento. A tal riguardo, costituisce grave irregolarità il mancato o non tempestivo adempimento alle suddette attività propedeutiche, tanto più in ragione del dimensionamento dei debiti dell'ente (migliaia di posizioni che meritano, ciascuna, i necessari approfondimenti), con conseguente responsabilità dei competenti organi (in primo luogo delle figure dirigenziali dell'ente cui compete, peraltro, ordinariamente la piena responsabilità e vigilanza sulla gestione amministrativa e finanziaria nel rispetto delle regole giuscontabili)». I magistrati contabili ritengono poi meritevole di «una specifica censura» il mancato riscontro da parte di ben dieci responsabili di servizio in ordine alla richiesta di attestazioni circa l'insorgenza di debiti dopo la chiusura dell'esercizio.

Un altro aspetto molto importante evidenziato dalla Sezione di controllo riguarda il fatto che il mancato riconoscimento, e conseguentemente il mancato pagamento dei debiti «può avere refluenza sul rispetto del Patto di stabilità per l'esercizio oggetto di controllo», ovvero per l’esercizio 2014

La Corte dei conti non manca inoltre di rimarcare le «gravi e numerose criticità relative alle partecipazioni societarie: dal mancato allineamento contabile al diffuso stato di precarietà delle gestioni esterne (scarsa redditività, indebitamento, crisi finanziarie, ecc.)».

«Deve ribadirsi – scrive – come sia essenziale, preliminarmente, pervenire a un quadro chiaro, certo e definitivo del riallineamento delle partite contabili tra Comune e partecipate: l'ente, invece, si scontra ancora con uno stato di opacità risalente e, per gli irrisolti problemi di incertezza o contestazione, rimette la soluzione ad atti transattivi ancora in itinere, subordinati al piano di riequilibrio e finanziati con lo stesso. Resta evidente che le aziende già fortemente compromesse riguardo ai fondamentali economico-patrimoniali e/o alla inadeguatezza dei modelli gestionali richiedono un impegno notevole per conseguire l'ipotizzata ristrutturazione e raggiungere risultati operativi apprezzabili, tanto più nell’'immanenza di una situazione di crisi strutturale dell'ente. Di contro, restano sempre irrisolte, a gravare sul bilancio dell'ente e sulle prospettive di risanamento contenute nel piano di riequilibrio pluriennale, le problematiche relative alle ricadute negative derivanti ora dai pregressi risultati gestionali negativi o dagli interventi di "soccorso finanziario", asseritamente necessari per garantire la continuità dei servizi o l'assolvimento di obbligazioni che l'ente deve accollarsi, ora dalla stessa esposizione debitoria del Comune nei confronti delle proprie partecipate, non ancora definita né allineata contabilmente».

Dopo essere entrata nel merito delle criticità con riferimento al rendiconto 2014, la Corte dei Conti si esprime con una pronuncia di accertamento ai sensi dell'art. 148 bis del TUEL. Questo significa che il Comune avrà 60 giorni di tempo per adottare i provvedimenti idonei a rimuovere le irregolarità ed a ripristinare gli equilibri di bilancio, da trasmettere alla Sezione per le verifiche di competenza. Per quanto attiene alle conseguenti misure correttive, la Corte dei Conti, dando atto che è (ancora) in itinere l'istruttoria sul piano di riequilibrio, impone all’ente di effettuare spese per servizi espressamente previsti per legge.

Al di là dei rilievi mossi e delle comunicazioni che la Corte dei conti dà al Comune di Messina, c’è un passaggio nella deliberazione n.91 particolarmente interessante, che appare come la risposta all’articolo del Manifesto firmato dall’ex assessore di palazzo Zanca Tonino Perna, secondo cui la magistratura contabile eserciterebbe un abuso di potere volto a limitare oltre ogni misura il campo di azione dell’ amministrazione Accorinti.

«Le funzioni di controllo– si legge testualmente – affidate in Costituzione alla Corte dei conti quale organo ausiliario, collocato in posizione di autonomia e indipendenza rispetto agli altri poteri dello Stato, sono volte a rappresentare agli organi elettivi, nell'interesse del singolo ente e della comunità nazionale, la reale situazione finanziaria affinché gli stessi possano attivare le misure correttive ritenute idonee».

Il messaggio è chiaro e altrettanto chiaro appare il destinatario, o i destinatari nel qual caso la tesi di Perna fosse condivisa anche dal sindaco Renato Accorinti e dagli ex colleghi di giunta di Perna.

Danila La Torre

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

10 commenti

  1. e pigniti chista!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  2. e pigniti chista!!!!!!!!!!!!!!!!!

    0
    0
  3. In un articolo coraggioso di DANILA del febbraio 2015,di cui fornisco il link,c’era l’elenco dei creditori. Coraggioso perché è più conveniente restare nell’ombra quando si vantano soldi dal Comune. In questo elenco ci sono i nomi di tre studi,a cui dobbiamo dei soldi a causa del LODO TORNO. Avv.Bonaventura Candido, da €379.102 ad €344.012; Avv.Tigano Aldo,da €249.163 a €531.627; Avv.Falzea Gregorio,da €645.301 a €651.209; gli importi sono modificati per giusta nota a firma del Dirigente Avvocatura per fattura arbitrato. A questi debiti non latenti si sommano i €7.056.123 latenti ma non troppo, visto l’inserimento nel piano. http://www.tempostretto.it/news/piano-riequilibrio-elenco-aggiornato-debiti-sono-maxi-creditori-comune-messina.html.

    0
    0
  4. In un articolo coraggioso di DANILA del febbraio 2015,di cui fornisco il link,c’era l’elenco dei creditori. Coraggioso perché è più conveniente restare nell’ombra quando si vantano soldi dal Comune. In questo elenco ci sono i nomi di tre studi,a cui dobbiamo dei soldi a causa del LODO TORNO. Avv.Bonaventura Candido, da €379.102 ad €344.012; Avv.Tigano Aldo,da €249.163 a €531.627; Avv.Falzea Gregorio,da €645.301 a €651.209; gli importi sono modificati per giusta nota a firma del Dirigente Avvocatura per fattura arbitrato. A questi debiti non latenti si sommano i €7.056.123 latenti ma non troppo, visto l’inserimento nel piano. http://www.tempostretto.it/news/piano-riequilibrio-elenco-aggiornato-debiti-sono-maxi-creditori-comune-messina.html.

    0
    0
  5. La Corte parla di DEBITI, sappiamo quali sono? I PIANI li hanno via via quantificati, prima il Consiglio di BUZZANCA-CROCE, in cui c’erano i pezzi da novanta di FORZA ITALIA UDC PARTITO DEMOCRATICO, poi quello di ACCORINTI, in cui c’è gente che non conta niente politicamente. Il calcio ci ha dato gioie e dolori, la F.C.PELORO ci costringe insieme al LODO TORNO e AIAS a un DEBITO LATENTE, cioè siamo ancora nella fase giudiziaria. Senza entrare nel merito, la PELORO pretende €140.000.000, l’Avvocatura lo valuta a bassa rischiosità, il 25%, quindi si accantonano €35.000.000. Il LODO TORNO ha un valore potenziale di €14.112.245, rischiosità 50%, accantonamento €7.056.123. AIAS vale €830.628, accantonati €498.631 pur vincendo in primo grado.

    0
    0
  6. La Corte parla di DEBITI, sappiamo quali sono? I PIANI li hanno via via quantificati, prima il Consiglio di BUZZANCA-CROCE, in cui c’erano i pezzi da novanta di FORZA ITALIA UDC PARTITO DEMOCRATICO, poi quello di ACCORINTI, in cui c’è gente che non conta niente politicamente. Il calcio ci ha dato gioie e dolori, la F.C.PELORO ci costringe insieme al LODO TORNO e AIAS a un DEBITO LATENTE, cioè siamo ancora nella fase giudiziaria. Senza entrare nel merito, la PELORO pretende €140.000.000, l’Avvocatura lo valuta a bassa rischiosità, il 25%, quindi si accantonano €35.000.000. Il LODO TORNO ha un valore potenziale di €14.112.245, rischiosità 50%, accantonamento €7.056.123. AIAS vale €830.628, accantonati €498.631 pur vincendo in primo grado.

    0
    0
  7. La nostra DANILA sarebbe una magnifica Consigliere Comunale della commissione bilancio,delle 28 pagine della deliberazione,che invito a pubblicare,ci propone le più significative. La Corte ci sgrida sull’arrivo di nuovi debito fuori bilancio, ammonendoci a riconoscerli rapidamente per poi avviare il progressivo smaltimento attraverso risorse reperite in bilancio (PAGATE I VOSTRI DEBITI, urlano i magistrati contabili). La Corte ci ammonisce per non aver individuato le eventuali colpe, in primo luogo dei DIRIGENTI, cui compete per legge la piena responsabilità e vigilanza sulla gestione amministrativa e finanziaria nel rispetto delle regole giuscontabili (NON VORREI ESSERE NEI PANNI dei dirigenti e di Antonino CAMA in particolare).

    0
    0
  8. La nostra DANILA sarebbe una magnifica Consigliere Comunale della commissione bilancio,delle 28 pagine della deliberazione,che invito a pubblicare,ci propone le più significative. La Corte ci sgrida sull’arrivo di nuovi debito fuori bilancio, ammonendoci a riconoscerli rapidamente per poi avviare il progressivo smaltimento attraverso risorse reperite in bilancio (PAGATE I VOSTRI DEBITI, urlano i magistrati contabili). La Corte ci ammonisce per non aver individuato le eventuali colpe, in primo luogo dei DIRIGENTI, cui compete per legge la piena responsabilità e vigilanza sulla gestione amministrativa e finanziaria nel rispetto delle regole giuscontabili (NON VORREI ESSERE NEI PANNI dei dirigenti e di Antonino CAMA in particolare).

    0
    0
  9. Il processo a Buzzanca è una farsa a carico dei cittadini. Il dissesto non c’era prima e lo dicono fatti oggi. Non capisco perché si perseguitano quelli di prima. Vergogna

    0
    0
  10. Il processo a Buzzanca è una farsa a carico dei cittadini. Il dissesto non c’era prima e lo dicono fatti oggi. Non capisco perché si perseguitano quelli di prima. Vergogna

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007