Prg, l'assessore Croce: "Messina deve rispettare le norme come tutti. Non è zona franca" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Prg, l’assessore Croce: “Messina deve rispettare le norme come tutti. Non è zona franca”

Rosaria Brancato

Prg, l’assessore Croce: “Messina deve rispettare le norme come tutti. Non è zona franca”

sabato 02 Luglio 2016 - 22:02
Prg, l’assessore Croce: “Messina deve rispettare le norme come tutti. Non è zona franca”

"La valutazione ambientale non è una questione di simpatia, ma è semplice applicazione della normativa. Anche se sono messinese non vuol dire che la città sia un punto franco". L'assessore regionale Croce replica alle polemiche sul Prg e sul progetto per Bisconte e non risparmia frecciate nè ad Elvira Amata nè a Palazzo Zanca

Il fatto che io sia un assessore regionale messinese non significa che Messina non debba rispettare le norme o sia un punto franco”. La prima frecciatina dell’assessore regionale al territorio e all’ambiente Maurizio Croce la riserva all’ex capogruppo Dr, attuale capogruppo di Fratelli d’Italia, Elvira Amata, poi replica punto per punto sul caso variante Prg e sul progetto Bisconte-Catarratti, sottolineando come la Regione abbia semplicemente applicato le regole. La “falla” non è attribuibile alla Regione ma al Comune di Messina.

Nei giorni scorsi l’assessore De Cola non aveva nascosto il suo malumore per la decisione della Regione di applicare l’assoggettabilità Vas (valutazione ambientale strategica) per la variante del Prg ed Elvira Amata aveva rincarato la dose “Messina viene trattata come l’ultima della classe”.

Puntuale quindi la replica dell’assessore Croce che vuole ristabilire la verità dei fatti, evidenziare come non ci sia alcuna Cenerentola nell’isola ed anche per Messina valgano le stesse norme che per le altre realtà.

VARIANTE AL PRG

“Non è che perché sono messinese ed assessore la città di Messina può considerarsi una zona franca o non debba rispettare le regole- spiega Croce- Sin dallo scorso anno ho detto all’assessore De Cola che doveva fare la Vas. Ricordo che anche la stessa Amata inviò una nota all’assessore proprio sottolineando la necessità dell’avvio delle di valutazione ambientale. Non si tratta di questioni di simpatia o antipatia, ma semplicemente lo prevede la normativa. Non si possono bypassare le leggi. A marzo, dopo la diatriba del Comune con il Genio civile, sono stati trasmessi tutti i pareri e solo da quel momento sono scattati i termini. Ci siamo espressi solo dopo aver avuto tutti i pareri richiesti, non potevamo farlo certo prima. Al massimo mi si può dire che siamo in ritardo di 30 giorni, non certo di un anno. In ogni caso adesso la palla passa al Comune di Messina, che dovrà avviare la procedura per la valutazione ambientale. Spetta all’amministrazione rispettare la tabella di marcia, non a noi.”

Oltre all’assessore Croce per la verità da quasi due anni anche l’ordine degli architetti ha sollecitato, per rispetto delle leggi, l’avvio della procedura per la Vas. L’iter infatti è abbastanza complesso e prevede che siano coinvolti gli ordini professionali, il consiglio comunale, i cittadini. Impensabile quindi che si possa completare questo passaggio in pochi mesi, come ha dichiarato l’assessore De Cola.

La valutazione ambientale strategica richiederà infatti la reale partecipazione di tutte le parti coinvolte nel processo.

“E’ l’amministrazione che adesso deve avviare l’iter. Da parte mia, come assessore, posso dire che quando l’amministrazione presenterà il rapporto ambientale il mio impegno sarà l’assoluto rispetto dei termini di 60 giorni così come ho fatto per il Prg del porto. Ma prima è il Comune che deve predisporre il rapporto ambientale. Le regole valgono per tutti ed erano ben note da tempo. Non si può accusare la Regione di ritardare o mettere i bastoni tra le ruote. Basti vedere quello che stiamo facendo per il Patto per la falce o per il Patto per la Sicilia”.

TORRENTE BISCONTE-CATARRATTI

Altra nota dolente, come emerso in sede di Commissione consiliare e dalle dichiarazioni dell’ingegnere Cardia e di Elvira Amata, è il progetto per il torrente Bisconte-Catarratti, che sarebbe stato messo in una “graduatoria di serie B” rispetto ad altri progetti siciliani, restando senza risorse.

“Il progetto per Bisconte sarà finanziato a settembre, non è stato affatto scartato o messo in secondo piano-sottolinea- Nel marzo 2015 Italia Sicura ha richiesto alle Regioni l’elenco dei progetti da finanziare nell’ambito degli interventi contro il dissesto idrogeologico. Abbiamo inserito anche Bisconte-Catarratti. C’è stato quindi un decreto del Presidente del Consiglio dei ministri che ha destinato le risorse per il piano stralcio per le Città Metropolitane. Inizialmente le somme destinate erano di 1 miliardo e 600 milioni, poi ne sono state stanziate, nel settembre 2015, poco più di 600 milioni per una prima parte. Adesso a settembre, con un’altra delibera, sarà trovata la copertura finanziaria per i progetti restanti, compreso quello di Bisconte. E’ stata quindi solo una questione di tempi, certo non si può pensare che venga disatteso un decreto del Presidente del Consiglio”.

ATTENZIONE VERSO MESSINA

A quanti sostengono che Messina sia sempre la Cenerentola l’assessore di area Sicilia Futura replica con le percentuali del Patto per la Sicilia.

“A proposito del progetto per Bisconte vorrei chiedere all’ingegnere Cardia che sostiene che abbiamo perso le risorse, per quale motivo, qualora fosse davvero così, non ha inserito il progetto nell’elenco di quelli da inserire nel Patto per Messina Città Metropolitana? Evidentemente sa che il progetto non è affatto stato escluso.

L’attenzione verso Messina non è mai venuta meno, basta andare a guardare nel Patto per la Sicilia quante risorse, tra gli oltre 650 milioni destinati agli interventi di tutela del territorio a rischio idrogeologico, sono destinate alla provincia di Messina. Stiamo parlando di circa 400 milioni….. “

Il Patto per la Sicilia dovrebbe essere firmato entro la fine di luglio e la prossima settimana si terrà l’ultima riunione a Palazzo Chigi.

L’ultima frecciata è sempre per l’ormai ex collega di partito Elvira Amata che è stata consulente per il suo assessorato per oltre un anno. “Non si è dimessa come dichiara. In realtà nell’ottobre dello scorso anno, quando il Crocetta ter è stato modificato con il rimpasto e noi assessori abbiamo rimesso le deleghe, sono automaticamente cessate le consulenze”. Dopo il rimpasto Croce è rimasto al suo posto e con la stessa delega ma non ha rinnovato il rapporto di collaborazione con la Amata che da più di 8 mesi non è quindi più consulente.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

20 commenti

  1. A parte il fatto che dare spazio alla Sig.Ra Elvira Amato non mi pare il massimo della competenza cmq…..I
    l nostro Di Cola da buon progettista di condomini a tre piani cosa ne può sapere di prg? Viene puntualmente….cassato. Dai di cola una riunione urgente……domani mattina, come per l’emergenza acqua (che c’è ancora…). (Pagella di cola: voto -2 (sempre di corsa….).

    0
    0
  2. A parte il fatto che dare spazio alla Sig.Ra Elvira Amato non mi pare il massimo della competenza cmq…..I
    l nostro Di Cola da buon progettista di condomini a tre piani cosa ne può sapere di prg? Viene puntualmente….cassato. Dai di cola una riunione urgente……domani mattina, come per l’emergenza acqua (che c’è ancora…). (Pagella di cola: voto -2 (sempre di corsa….).

    0
    0
  3. Cara ROSARIA è un esempio di come noi messinesi siamo impareggiabili nello sport del TUTTI CONTRO TUTTI o dell’INTERESSE DI PARTE RISPETTO A QUELLO GENERALE, non vogliamo saperne di essere una comunità. Da una parte DE COLA, supportato anche dalla giurisprudenza, che ritiene che non va sottoposto a VAS una variante le cui previsioni e i conseguenti effetti non si discostano in maniera sostanziale da quelle già fatte, anzi per DE COLA la variante è di salvaguardia per quel territorio devastato. Dalla parte opposta CROCE che non si fida di DE COLA e dei tecnici del Comune, pensa ad un impatto ambientale negativo della variante, che una riduzione dei volumi costruttivi danneggerebbe i pendii, abituati come sono a carichi statici abnormi.

    0
    0
  4. Cara ROSARIA è un esempio di come noi messinesi siamo impareggiabili nello sport del TUTTI CONTRO TUTTI o dell’INTERESSE DI PARTE RISPETTO A QUELLO GENERALE, non vogliamo saperne di essere una comunità. Da una parte DE COLA, supportato anche dalla giurisprudenza, che ritiene che non va sottoposto a VAS una variante le cui previsioni e i conseguenti effetti non si discostano in maniera sostanziale da quelle già fatte, anzi per DE COLA la variante è di salvaguardia per quel territorio devastato. Dalla parte opposta CROCE che non si fida di DE COLA e dei tecnici del Comune, pensa ad un impatto ambientale negativo della variante, che una riduzione dei volumi costruttivi danneggerebbe i pendii, abituati come sono a carichi statici abnormi.

    0
    0
  5. Cara ROSARIA chi sta godendo di questo TUTTI de cola CONTRO TUTTI croce, certamente la rendita fondiaria che insieme a costruttori senza scrupoli vogliono completare l’opera di devastazione delle nostre colline, i Giuda che si vendono per trenta denari, Gesù è il martoriato territorio messinese. Cari Maurizio CROCE e Sergio DE COLA avete ottenuto un bel risultato, COMPLIMENTI. Caro MAURIZIO leggiti in particolare una sentenza del TAR Sicilia, la 2392 del 2 ottobre 2013, dove spiega a te laureato in chimica che solo il maggior impatto in materia di futuro sfruttamento edilizio del territorio può giustificare il ricorso alla procedura di valutazione ambientale strategica. Non ti sei fidato del lavoro dell’architetto Vincenzo SCHIERA, peccato.

    0
    0
  6. Cara ROSARIA chi sta godendo di questo TUTTI de cola CONTRO TUTTI croce, certamente la rendita fondiaria che insieme a costruttori senza scrupoli vogliono completare l’opera di devastazione delle nostre colline, i Giuda che si vendono per trenta denari, Gesù è il martoriato territorio messinese. Cari Maurizio CROCE e Sergio DE COLA avete ottenuto un bel risultato, COMPLIMENTI. Caro MAURIZIO leggiti in particolare una sentenza del TAR Sicilia, la 2392 del 2 ottobre 2013, dove spiega a te laureato in chimica che solo il maggior impatto in materia di futuro sfruttamento edilizio del territorio può giustificare il ricorso alla procedura di valutazione ambientale strategica. Non ti sei fidato del lavoro dell’architetto Vincenzo SCHIERA, peccato.

    0
    0
  7. libero professionista 3 Luglio 2016 09:14

    1 – il problema non è il rispetto della legge, come afferma l’assessore Croce
    chi conosce la materia della VAS sa benissimo che si tratta di un iter articolato (non meno di 20 enti competenti che esprimono il proprio parere) lasciando quindi molta discrezionalità all’Autorità Competente (cioè l’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente) che emana il decreto
    ciò significa che sulla stessa proposta di pianificazione ci possono essere due risultati finali (cioè il decreto) del tutto opposti, entrambi legittimi e quindi conformi alle leggi, ovvero:
    – Si rilascia il parere di non assoggettabilità d VAS
    – Si rigetta il parere e si richiede il procedimento di VAS

    0
    0
  8. libero professionista 3 Luglio 2016 09:14

    1 – il problema non è il rispetto della legge, come afferma l’assessore Croce
    chi conosce la materia della VAS sa benissimo che si tratta di un iter articolato (non meno di 20 enti competenti che esprimono il proprio parere) lasciando quindi molta discrezionalità all’Autorità Competente (cioè l’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente) che emana il decreto
    ciò significa che sulla stessa proposta di pianificazione ci possono essere due risultati finali (cioè il decreto) del tutto opposti, entrambi legittimi e quindi conformi alle leggi, ovvero:
    – Si rilascia il parere di non assoggettabilità d VAS
    – Si rigetta il parere e si richiede il procedimento di VAS

    0
    0
  9. libero professionista 3 Luglio 2016 09:27

    2 – Ciò significa, che più in generale nella materia dell’ambiente sussiste una rilevante libertà di valutazione
    A tal punto il grave errore è politico e l’ha commesso l’assessore De Cola, considerato che, ancor prima dell’incarico che ricopre, è un ingegnere, cioè un addetto ai lavori, contitolare di uno studio di terza generazione (se non erro, anche il nonno era ingegnere) che ha progettato per decenni opere importanti non solo in Sicilia
    Due sono le possibilità:
    – si è convinto autonomamente di poter utilizzare la procedura semplificata
    – si è fidato dei dirigenti regionali che gli hanno assicurato il rilascio del parere di non assoggettabilità, e non avrebbe dovuto farlo visto l’ampia discrezionalità dell’Autorità Competente

    0
    0
  10. libero professionista 3 Luglio 2016 09:27

    2 – Ciò significa, che più in generale nella materia dell’ambiente sussiste una rilevante libertà di valutazione
    A tal punto il grave errore è politico e l’ha commesso l’assessore De Cola, considerato che, ancor prima dell’incarico che ricopre, è un ingegnere, cioè un addetto ai lavori, contitolare di uno studio di terza generazione (se non erro, anche il nonno era ingegnere) che ha progettato per decenni opere importanti non solo in Sicilia
    Due sono le possibilità:
    – si è convinto autonomamente di poter utilizzare la procedura semplificata
    – si è fidato dei dirigenti regionali che gli hanno assicurato il rilascio del parere di non assoggettabilità, e non avrebbe dovuto farlo visto l’ampia discrezionalità dell’Autorità Competente

    0
    0
  11. libero professionista 3 Luglio 2016 09:38

    3 – La responsabilità l’assessore De Cola è peraltro accentuata dal fatto che, già nell’estate del 2014, tutti i soggetti facenti parte del comparto edilizio – e quindi Ordini, Confindustria e più in generale tutte le associazioni di categoria – hanno concordemente rappresentato la necessità di avviare il procedimento ordinario di VAS
    Soltanto nella primavera del 2015 il comune ha richiesto il parere di non assoggettabilità alla VAS
    Sono stati sprecati ben due anni
    In ultimo deve aggiungersi che anche l’Assessore Croce, visto che è competenza del suo Assessorato, avrebbe potuto capire quale era il possibile risultato, facendo risparmiare notevole tempo al comune

    0
    0
  12. libero professionista 3 Luglio 2016 09:38

    3 – La responsabilità l’assessore De Cola è peraltro accentuata dal fatto che, già nell’estate del 2014, tutti i soggetti facenti parte del comparto edilizio – e quindi Ordini, Confindustria e più in generale tutte le associazioni di categoria – hanno concordemente rappresentato la necessità di avviare il procedimento ordinario di VAS
    Soltanto nella primavera del 2015 il comune ha richiesto il parere di non assoggettabilità alla VAS
    Sono stati sprecati ben due anni
    In ultimo deve aggiungersi che anche l’Assessore Croce, visto che è competenza del suo Assessorato, avrebbe potuto capire quale era il possibile risultato, facendo risparmiare notevole tempo al comune

    0
    0
  13. E’ interessante ascoltare la voce dell’Ordine degli Ingegneri di Messina, di Santi TROVATO, che a gennaio 2016 auspica cautela, molto cautela, sulla variante di salvaguardia, parole premonitrici a quelle di Maurizio CROCE. http://www.ordingme.it/uploads/news/595_prggennaio_2016_file.pdf. Quella seguente è della Regione Siciliana in risposta a chiarimenti del Comune su varianti inerenti alcuni piani di lottizzazione, interessante tra le righe. http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregionaledelterritorioedellambiente/PIR_DipUrbanistica/PIR_UfficioRelazioneconilPubblico/PIR_Staff4/PIR_BancadatiStaff4/PIR_ProvvedimentiVAS/7555%2027.3.15.pdf.

    0
    0
  14. E’ interessante ascoltare la voce dell’Ordine degli Ingegneri di Messina, di Santi TROVATO, che a gennaio 2016 auspica cautela, molto cautela, sulla variante di salvaguardia, parole premonitrici a quelle di Maurizio CROCE. http://www.ordingme.it/uploads/news/595_prggennaio_2016_file.pdf. Quella seguente è della Regione Siciliana in risposta a chiarimenti del Comune su varianti inerenti alcuni piani di lottizzazione, interessante tra le righe. http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_Assessoratoregionaledelterritorioedellambiente/PIR_DipUrbanistica/PIR_UfficioRelazioneconilPubblico/PIR_Staff4/PIR_BancadatiStaff4/PIR_ProvvedimentiVAS/7555%2027.3.15.pdf.

    0
    0
  15. Qualcuno al Comune è convinto che le norme valgono solo per gli altri…!

    0
    0
  16. Qualcuno al Comune è convinto che le norme valgono solo per gli altri…!

    0
    0
  17. MessineseAttenta 3 Luglio 2016 15:08

    Quando c’è gente ignorante……………………

    0
    0
  18. MessineseAttenta 3 Luglio 2016 15:08

    Quando c’è gente ignorante……………………

    0
    0
  19. E’ evidente che fanno solo gli assessori e per cortesia lasciateli in pace: Dico siete sicuri che sono di Messina? sembra che i due non hanno fatto nemmeno il minimo per questa citta’ quindi non ci credo bo forse sono di Catania? o i politici piu’ inutili d’Italia li abbiamo a Messina che la cosa mi pare piu’ probabile?

    0
    0
  20. E’ evidente che fanno solo gli assessori e per cortesia lasciateli in pace: Dico siete sicuri che sono di Messina? sembra che i due non hanno fatto nemmeno il minimo per questa citta’ quindi non ci credo bo forse sono di Catania? o i politici piu’ inutili d’Italia li abbiamo a Messina che la cosa mi pare piu’ probabile?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007