Operazione Matassa, l'ex consigliere Capurro in libertà - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Operazione Matassa, l’ex consigliere Capurro in libertà

Operazione Matassa, l’ex consigliere Capurro in libertà

martedì 31 Maggio 2016 - 10:11
Operazione Matassa, l’ex consigliere Capurro in libertà

Secondo Il tribunale del riesame l'esponente locale di centro destra non andava arrestato. Il Tribunale ha anche fatto cadere una delle accuse a Carmelo Ventura, che però resta in carcere

Torna in libertà l’ex consigliere comunale Giuseppe Capurro. Il Tribunale della libertà (presidente Genovese) ha annullato in toto il provvedimento cautelare disposto per lui lo scorso 12 maggio nel blitz Matassa e, dopo circa una ventina di giorni di domiciliari, da oggi Capurro è di nuovo libero.

Soddisfatti I difensori, gli avvocati Nino Cacia e Daniela Agnello: "La decisione adottata dal Tdl restituisce la serenità a Giuseppe Capurro. In attesa di leggere le motivazioni si può soltanto immaginare che il Tribunale abbia riconosciuto l'insussistenza della gravità indiziaria, così come documentato nella memoria difensiva da noi presentata. useppe Capurro è sempre stato un uomo impegnato in politica e nel sociale, a disposizione di tutti i cittadini, ma ha sempre lavorato con grande dignità e spirito di sacrificio nell’interesse delle fasce più deboli, nell’interesse del rinnovamento e del risanamento della città. Al tribunale è stata offerta – al pari di quanto fatto innanzi al gip durante l'interrogatorio di garanzia – la possibilità di fare chiarezza sulla vicenda politico giudiziaria che ha coinvolto il Capurro, per il quale rimane invariata la primitiva valutazione difensiva di assoluta irrilevanza penale delle condotte contestate nell'ordinanza custodiale."

Il Tribunale ha anche fatto cadere una delle accuse a Carmelo Ventura, che però resta in carcere. Dal passaggio al Riesame, quindi, l'indagine sui nuovi clan cittadini e i presunti referenti politici ne esce ridimensionata, ma soltanto sotto il profilo delle esigenze cautelari. L'inchiesta intanto va avanti e tra qualche giorno si torna al Tribunale della Libertà: la Procura insiste infatti nel chiedere gli arresti degli altri indagati, richiesta rigettata dal GIP Maria Teresa Arena, che ha dato il via libera all'arresto soltanto per 35 persone.

Alessandra Serio

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

12 commenti

  1. Canta napoli

    0
    0
  2. Canta napoli

    0
    0
  3. io conosco una bravissima persona che per un reato non commesso ancora e dentro e nemmeno gli hanno dato ancora una spiegazione la legge e questa se non sei x stai li dove sei un giorno arrivera’ il giorno fortunato che abusi di potere vergogna

    0
    0
  4. io conosco una bravissima persona che per un reato non commesso ancora e dentro e nemmeno gli hanno dato ancora una spiegazione la legge e questa se non sei x stai li dove sei un giorno arrivera’ il giorno fortunato che abusi di potere vergogna

    0
    0
  5. giustizia di m…a, ma come dopo tutte le intercettazioni e le indagini degli inquirenti…… due sono le cose…. o chi ha indagato non sa fare il proprio lavoro e non sa accoltare bene le intercettazioni oppure la giustizia fa ridere i polli….vergogna

    0
    0
  6. giustizia di m…a, ma come dopo tutte le intercettazioni e le indagini degli inquirenti…… due sono le cose…. o chi ha indagato non sa fare il proprio lavoro e non sa accoltare bene le intercettazioni oppure la giustizia fa ridere i polli….vergogna

    0
    0
  7. a sto punto le cose sono due: o hanno sbagliato quelli di prima? ed allora devono essere licenziati perchè è inamissibile arrestare una persona per la quale non esistono le condizioni oppure sbagliano quelli di ora.Resta il fatto che qualcuno deve essere licenziato perchè non sa fare il proprio lavoro.

    0
    0
  8. a sto punto le cose sono due: o hanno sbagliato quelli di prima? ed allora devono essere licenziati perchè è inamissibile arrestare una persona per la quale non esistono le condizioni oppure sbagliano quelli di ora.Resta il fatto che qualcuno deve essere licenziato perchè non sa fare il proprio lavoro.

    0
    0
  9. Caro peppinappa, se fosse come, giustamente, pensi tu, sai quanti licenziati avremmo? Tanti, ma davvero tanti. Purtroppo, però, se sbaglia un comune mortale, deve pagare, se sbagliano questi personaggi, non pagano. Enzo Tortora docet!

    0
    0
  10. Caro peppinappa, se fosse come, giustamente, pensi tu, sai quanti licenziati avremmo? Tanti, ma davvero tanti. Purtroppo, però, se sbaglia un comune mortale, deve pagare, se sbagliano questi personaggi, non pagano. Enzo Tortora docet!

    0
    0
  11. In effetti è onesto, è la prima cosa che si pensa guardandolo, poi i contatti che aveva erano con persone distinte e di cultura e i conti in effetti tornano… Ma fatemi il piacere, poi ci lamentiamo se Messina (e l’Italia intera) è ridotta male.

    0
    0
  12. In effetti è onesto, è la prima cosa che si pensa guardandolo, poi i contatti che aveva erano con persone distinte e di cultura e i conti in effetti tornano… Ma fatemi il piacere, poi ci lamentiamo se Messina (e l’Italia intera) è ridotta male.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007