"U Tirrimuotu": poesia-testimonianza di Carella, che scampò alla tragedia 1908 - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“U Tirrimuotu”: poesia-testimonianza di Carella, che scampò alla tragedia 1908

“U Tirrimuotu”: poesia-testimonianza di Carella, che scampò alla tragedia 1908

domenica 07 Ottobre 2018 - 05:58
“U Tirrimuotu”: poesia-testimonianza di Carella, che scampò alla tragedia 1908

Il poeta dialettale Salvatore Carella, di Leonforte, era militare a Messina e si salvò per miracolo. Scrisse questi versi per non dimenticare il terremoto e i lutti.

Il 28 dicembre del 1908 Salvatore Carella era militare di stanza a Messina. Si salvò per miracolo e scrisse questa poesia come testimonianza dell’immane tragedia. La poesia, così come il successivo acrostico, è scritta in dialetto leontese ed i familiari di Carella (morto nel 1980) hanno cortesemente acconsentito a pubblicarla affinchè non si perda il ricordo di quanto accaduto a Messina.

U TIRRIMUOTU DI MESSINA

Viniti tutti a sentiri stu fattu

ca fu a lu millinovicientuottu

successi stu terribili misfattu

duoppu Natali lu iuornu vintuottu

lu tirrimuotu quantu dannu ha fattu

Missina nun esisti mancu puortu

pinzannu ssa matina niesciu mattu

di lu spavientu sugnu mienzu muortu.

Vi pregu d'ascutari ogni pirsuna

vi cuntu lu disastru di Missina

io preu a Cristu darimi furtuna

fari sta puisia cu menti fina

quannu ci pienzu la testa mi fuma

quannu arristaiu vivu ssa matina

Cristu di cielu scinniu impirsuna

distrussi Reggiu Calabria e Missina.

Ora vi cuntu di lu tirrimuotu

di lu mumentu ca principiatu

iu a ddu puntu era addurmisciutu

ntisi la scossa e maiu arrivigghiatu

di di la branta nterra aiu cadutu

scappu dda sutta tuttu spavintatu

e prestamenti minnaiu scappatu.

Cuomu arrivaiu vicinu la scala

vitti la scala ca nun 'esistia

vitti dda nterra lu tiettu e li trava

la cammarata chi nun si vidia

lu tirrimuotu già continuava

cadia massi vicinu di mia

li massi a scatta cori li passava

pregannu sempri a la Matri Maria.

Fu na matina veru sdisaggiusa

Cristu ni pustiau all'impruvisa

iuornu vintuottu fu veru visitusa

a li cincu e vinti fu l’ura precisa

chamammu a Cristu cu vuci piatusa

tutti scappammu scauzi e ncammisa

si vitti ca fu cosa priculusa

e stamu tutti cu l'arma suspisa.

ACROSTICO

Cantu in poesia tutta a memoria

A tanti ascultaturi di l'Italia

Raccuntari vorrebbi qualchi storia

E la rima mi veni contraria

La musa mi rinforza la memoria

L'aiuta nel momento ca mi svaria

Armenu spera purtari vittoria.

Si mi leva d'intesta sta malaria

Ascutati sta rima fatta acrustica

Leggi lu nomu miu cu avi pratica

Viditi la me lingua quantu è rustica

A tutti pari rispunni fantastica

Tutta la lingua li denti mi muzzica

Ora sintiti ch'è bella sta tattica

Raccunta mangia e bivi nti la mustica

E fa tri cosi mangia, bivi e mastica.

SALVATORE CARELLA POETA DIALETTALE

Leonforte, 1886-1980. Esperto di "coltura e innesto delle viti americane" come risulta da attestato della R. Scuola di Viticoltura e di Enologia di Catania del 31 gennaio 1907. Prese parte alla prima guerra mondiale.

Trovandosi a Messina come militare il giorno del terremoto, rimasto vivo per miracolo, scrisse la poe­sia "'U tirrimuotu di Missina". Molte sue composizioni sono andate perdute.

* * *

Poeta dialettale assai versatile e prolifico del quale ancora circolano alcuni componimenti stampati in grandi fogli ingialliti dal tempo. I temi trattati sono di interesse generale come quelli de ' "La cadu­ta del vecchio regime" o quelli che rievocano "Il terremoto di Messina". Le strofe argute rivelano un accentuato spirito di osservazione e una naturale padronanza della metrica. La poesia sul terremoto è stata pubblicata, insieme alla foto, in un calendario.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007