Differenziata oltre il 65%, incentivi regionali a 5 Comuni virtuosi messinesi - Tempostretto

Differenziata oltre il 65%, incentivi regionali a 5 Comuni virtuosi messinesi

Carmelo Caspanello

Differenziata oltre il 65%, incentivi regionali a 5 Comuni virtuosi messinesi

lunedì 31 Dicembre 2018 - 07:03
RIFIUTI
Differenziata oltre il 65%, incentivi regionali a 5 Comuni virtuosi messinesi

Ripartiti gli incentivi regionali tra i Comuni che, per quanto riguarda la raccolta differenziata, hanno raggiunto il 65% alla fine del 2017. L’importo complessivo ammonta a 5 milioni di euro. Due milioni e mezzo sono stati ripartiti in base alla popolazione (il riferimento è al censimento del 2011) e due milioni e mezzo in base al numero dei Comuni, 31 in tutta la Sicilia.

In provincia di Messina sono cinque i Comuni virtuosi che hanno beneficiato dell'incentivo: Castel di Lucio, Rodì Milici, Rometta, Santa Teresa di Riva e Torregrotta per un totale di 747mila 141 euro e 86 centesimi.

Castel di Lucio ha percepito quale quota fissa in base al numero dei Comuni 80 mila 645 euro e 17 centesimi e quale quota da attribuire in proporzione alla popolazione 17mila 593 euro e 3 centesimi per un totale di 98mila e 238 euro e 20 centesimi. Rometta, con i suoi 6mila 541 abitanti ha ottenuto 164mila 888 euro e 20 centesimi (80mila 645 e 15 centesimi quale quota fissa e 84mila 243 euro e 4 centesimi in proporzione ai residenti).

A S. Teresa di Riva va la quota maggiore della provincia di Messina: 199mila 649 euro e 23 centesimi (80mila 645 euro e 16 centesimi quota fissa e 119mila, 4 euro e 7 centesimi quale quota relativa al numero di abitanti).

A Rodì Milici (2130 abitanti) vanno 108mila 77 euro e 92 centesimi: 80mila 645 euro e 16 centesimi quale quota fissa e 27mila 432euro e 76 centesimi in virtù del numero di abitanti. Torregrotta ha ricevuto 176mila 286 euro e 31 centesimi: 80mila 645 euro e 16 centesimi quale quota fissa e 95mila 641 euro e 15 centesimi in virtù del numero di abitanti (7.426).

"Siamo soddisfatti – ha commentato il sindaco di S. Teresa e deputato regionale Danilo Lo Giudice – che finalmente giustizia sia stata fatta. Sia in commissione che in aula alla Regione, durante l’approvazione della variazione di bilancio, ho evidenziato come sarebbe stato assurdo ridurre da 5 milioni originari a 2 la dotazione finanziaria per questa riserva. In aula, a seguito del mio intervento e della sospensione per circa un’ora dei lavori – prosegue Lo Giudice – è stata ripristinata definitivamente la dotazione finanziaria ma soprattutto si è definito a seguito di un emendamento che ho presentato durante i lavori il criterio di riparto in base alla popolazione, rendendo così giustizia a tutti i comuni e soprattutto alle rispettive cittadinanze che nel 2017 sono stati virtuosi nel raggiungere risultati importanti in termini di raccolta differenziata e salvaguardia dell’ambiente. L’attenzione verso gli enti locali – cocnclude il deputato regionale esindaco di S. Teresa – deve essere sempre massima, e mi auguro che tale riserva rimanga anche nel 2018 al fine di incentivare ancora di più questo processo che già per quanto riguarda il 2018 coinvolgerà un numero decisamente maggiore di comuni che potranno essere beneficiari di tali risorse".

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007