Sotto sequestro il depuratore di San Saba: denunciati i responsabili - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sotto sequestro il depuratore di San Saba: denunciati i responsabili

Veronica Crocitti

Sotto sequestro il depuratore di San Saba: denunciati i responsabili

sabato 08 Agosto 2015 - 13:55
Sotto sequestro il depuratore di San Saba: denunciati i responsabili

L’ordine di sequestro, firmato dal Gip Maria Militello, è scattato sia per il depuratore comunale che per le aree circostanti dove sono stati ritrovati i rifiuti prodotti.

I disagi, gli odori esasperanti, i liquami che fuoriuscivano deturpando il litorale e le acque tirreniche di San Saba andavano ormai avanti da mesi, così come le incessanti richieste di intervento da parte dei residenti esasperati. Una situazione, quella del depuratore comunale gestito dall’Amam, che più e più volte era rimbalzata agli onori della cronaca, con insistenza, anche per il continuo interessamento del consigliere della VI Circoscrizione Mario Biancuzzo.

La storia dell’impianto di San Saba è così finita in Procura, nelle mani del Pm Alessia Giorgianni che ne ha richiesto il sequestro. A far scattare materialmente i sigilli sono stati gli uomini della Capitaneria di Porto dello Stretto di Messina. Dopo esser intervenuto, il personale ha subito riscontrato che il malfunzionamento del depuratore era dovuto alla parziale rottura di uno dei sedimentatori. Inoltre, erano numerose le carenze nella gestione dei rifiuti e nello smaltimento dei fanghi di depurazione, che rendevano impossibile in alcuni periodi attuare sia la produzione che lo smaltimento degli stessi. L’ordine di sequestro, firmato dal Gip Maria Militello, è scattato sia per il depuratore comunale che per le aree circostanti dove sono stati ritrovati i rifiuti prodotti. Tutti i responsabili sono stati denunciati. (Veronica Crocitti)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

8 commenti

  1. Come si dice 1 a 0 e palla al centro. Signor Sindaco e ora ??????

    0
    0
  2. Come si dice 1 a 0 e palla al centro. Signor Sindaco e ora ??????

    0
    0
  3. Vorrei ricordare a chi di dovere che nel “villaggio dimenticato” di Acqualadroni” esiste un altrettanto dimenticato depuratore, se possibile in condizioni peggiori rispetto a quello di Santo Saba. Da anni non si vede nessun addetto alla manutenzione, le cisterne sono sfondate e arrugginite.
    Ovviamente la fogna viene riversata direttamente in mare e la puzza che si sprigiona nelle vicinanze è insopportabile.

    0
    0
  4. Vorrei ricordare a chi di dovere che nel “villaggio dimenticato” di Acqualadroni” esiste un altrettanto dimenticato depuratore, se possibile in condizioni peggiori rispetto a quello di Santo Saba. Da anni non si vede nessun addetto alla manutenzione, le cisterne sono sfondate e arrugginite.
    Ovviamente la fogna viene riversata direttamente in mare e la puzza che si sprigiona nelle vicinanze è insopportabile.

    0
    0
  5. letterio.colloca 9 Agosto 2015 13:04

    Tutti i responsabili sono stati denunciati.
    Sai che paura!!!!!!!! Quanto prima,ne verrano a galla….nella loro melma! e continueranno a NON LAVORARE,NON PAGARE ALCUN RISARCIMENTO ed ad PERCEPIRE LO STIPENDIO a ..matola!!!

    0
    0
  6. letterio.colloca 9 Agosto 2015 13:04

    Tutti i responsabili sono stati denunciati.
    Sai che paura!!!!!!!! Quanto prima,ne verrano a galla….nella loro melma! e continueranno a NON LAVORARE,NON PAGARE ALCUN RISARCIMENTO ed ad PERCEPIRE LO STIPENDIO a ..matola!!!

    0
    0
  7. E i residenti nei villaggi collinari e rivieraschi della zona Nord continuano a pagare la depurazione,nella bolletta dell’acqua,alla spett.le Amam. Propongo al consigliere Biancuzzo di farsi promotore per una raccolta firme e richiedere all’Amam la restituzione delle somme pagate e non dovute a fronte della mancata depurazione.

    0
    0
  8. E i residenti nei villaggi collinari e rivieraschi della zona Nord continuano a pagare la depurazione,nella bolletta dell’acqua,alla spett.le Amam. Propongo al consigliere Biancuzzo di farsi promotore per una raccolta firme e richiedere all’Amam la restituzione delle somme pagate e non dovute a fronte della mancata depurazione.

    0
    0

Rispondi a pecerti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007