CMdB contesta il responso della Corte dei Conti: no alla privatizzazione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

CMdB contesta il responso della Corte dei Conti: no alla privatizzazione

CMdB contesta il responso della Corte dei Conti: no alla privatizzazione

sabato 29 Dicembre 2018 - 09:31
rifiuti messinese
CMdB contesta il responso della Corte dei Conti: no alla privatizzazione

"Ci lascia perplessi e preoccupati la notizia che una delibera della Corte dei Conti dichiari che il fallimento di messinambiente farebbe scattare il meccanismo della Madia e quindi la messa sul mercato del servizio di gestione rifiuti. Ricordiamo che la Corte dei Conti è responsabile soltanto di valutazioni economiche e finanziarie, mentre le valutazioni politiche spettano sempre ai comuni". A dirlo è Cambiamo Messina dal Basso che interviene dopo il pronunciamento della Corte dei Conti sul futuro di MessinaServizi e dei rifiuti in città.

"Non sappiamo quale sia il quesito che è stato sottoposto, ma abbiamo il sospetto, visto che é da tempo palese l'intenzione del comune di privatizzare MessinaServizi bene comune, che non siano stati forniti alla corte tutti gli elementi utili per esprimere un parere compiuto sulla questione" dice il movimento, ricordando per esempio che iMessinambiente nasceva come società mista con soggetto privato scelto con gara ad evidenza pubblica e quindi fuori dal perimetro dell'applicabilità del meccanismo della Madia. "Messinambiente, che non è una società in house, non ha inoltre avuto dal comune un affidamento diretto del servizio ma tramite ordinanza sindacale in attesa di affidare il servizio in maniera diretta a società in house, secondo quanto previsto dal piano Aro antecedente alla legge Madia, cosi come appunto è avvenuto con la firma del contratto di servizio il 31 luglio 2017 a MessinaServizi bene comune".

"Rimaniamo dunque in attesa di leggere l'intero dispositivo della Corte dei Conti prima di assumere le opportune iniziative per contrastare ad ogni livello (politico, legale e legislativo) la privatizzazione forzata di un servizio così importante per una comunità ed esposto soprattutto in regioni come la Sicilia, ad interessi opachi e/o mafiosi. È infine del tutto evidente l'assurdo teorema della legge Madia che penalizza le gestioni pubbliche a vantaggio del privato, prevedendo un meccanismo sanzionatorio in caso di fallimento della gestione pubblica, meccanismo non previsto in caso di fallimento del privato. Ci riserviamo pertanto anche una iniziativa a livello regionale e nazionale per sollecitare modifiche legislative che garantiscano agli enti locali il potere di decidere la forma di gestione dei servizi pubblici essenziali, in sintonia con la normativa europea e secondo quanto deciso da 27 milioni di cittadini con i referendum del 2011".

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

  1. Molti “quesiti” vengono posti in modo che le risposte siano quelle volute da chi pone il quesito ( e ci sono tanti maestri della manipolazione )

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007