Ecco perché sono stati tagliati i fondi per il restauro di Piazza Cairoli - Tempostretto

Ecco perché sono stati tagliati i fondi per il restauro di Piazza Cairoli

Eleonora Corace

Ecco perché sono stati tagliati i fondi per il restauro di Piazza Cairoli

Tag:

giovedì 12 Settembre 2013 - 15:20

I 400.000 euro per la riqualificazione di Piazza Cairoli, già inseriti nella programmazione della Regione, sono stati soppressi a causa di una rimodulazione della spesa concordata dal Cipe, dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione. Nessuna responsabilità è da attribuire, dunque, al Comune di Messina.

Andremo alla Regione per vedere cosa si può fare…”. Lo aveva annunciato l’assessore all’arredo Urbano, Daniele Ialacqua, alla notizia della soppressione dei 400.000 euro destinati al restauro di Piazza Cairoli (vedi correlato). Da Palermo, però, rispondono senza possibilità d’appello: “Qui non abbiamo occhi per piangere”. L’unica – magra – consolazione è che i fondi Fas già destinati al progetto, non sono stati persi a causa di inadempienze burocratiche da parte del Comune di Messina. Come racconta un funzionario del dipartimento progettazione regionale, i fondi sono stati tagliati direttamente da Roma.

Raggiunto telefonicamente il funzionario spiega, infatti, che il finanziamento rientrava nei fondi CIPE – Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica – compresi nel piano strategico nazionale 2007-2013, in cui rientravano i fondi Fas. Una successiva rimodulazione concordata tra Regione, Ministero dello Sviluppo Economico e Cipe, ha portato a diversi tagli. Una vittima dei quali è stato proprio il progetto di restauro di Piazza Cairoli. Il finanziamento è stato, dunque, soppresso “dall’alto” a causa di una più generale politica di risparmio e contenimento della spesa pubblica. Dura lex, sed lex. E la Regione annuncia: non finisce qui. In futuro sono previsti, infatti, ulteriori tagli. Si parla di una cifra pari a 600 milioni di euro. Un numero impressionante che fa affievolire le speranze di riottenere qualsiasi incentivo da parte della Regione o dello Stato.

Il problema è che i lavori a Piazza Cairoli servivano soprattutto per una questione di sicurezza pubblica. Al di là dell’estetica, il parquet in legno di Iroko è talmente danneggiato da rappresentare un pericolo per i cittadini che vi transitano. Il progetto redatto dall’Ufficio Tecnico del Comune di Messina, dagli architetti Nino Principato e Salvatore Corace e dal Rup Giancarlo Berenato – interveniva proprio sul problema della sicurezza. “Oggi -si legge nel Verbale del progetto esecutivo – tutta la piazza ha bisogno di un intervento di sistemazione e valorizzazione, per il degrado causato dalla sconnessione del parquet in legno di Iroko; dall’insufficiente e mancato funzionamento delle griglie di raccolta acqua piovana; dalla poco funzionale posizione della segnalazione semaforica di via Dogali; dall’esigenza delle forze dell’ordine e di soccorso di potere transitare con i loro mezzi nella corsia tranviaria, al momento inadatta a tale scopo; dal degrado causato dalla ruggine negli anelli metallici di base delle quattro colonne a sostegno del grande portale e nei pilastri di sostegno alla pensilina”.

L’unico suggerimento che viene dagli uffici del dipartimento programmazione di Palermo è provare ad inserire il progetto nella programmazione che verrà pianificata per gli anni 2014-2020. Il progetto potrebbe essere inserito negli interventi compresi nella categoria Asse 6, con fondi comunitari che saranno ceduti tramite dei bandi di concorso. L’Asse 6 è ancora, però, in via di costituzione, nel frattempo la lista degli interventi da inserire è già incredibilmente lunga. (Eleonora Corace)

5 commenti

  1. paolo saglimbeni 12 Settembre 2013 15:44

    Già, Roma taglia e ….. chissà perchè Messina c’è sempre in mezzo e sempre in misura minore di Catania, Palermo, ecc…, tutte città nelle quali non ci sono le divisioni e l’apatia che ci caratterizzano

    0
    0
  2. Ardizzone, chiama a D’alia, chiama a tutti chiddi che vuoi e digli di parlare con il ministro di riferimento, 400.000 € persi, lavori che non si faranno, la piazza piu’ rappresentativa di Messina ridotta ad un colabrodo. Non mi interessa di chi e’ la colpa, non mi interessa che l’attuale amministrazione non ha torti o omissioni, la mia citta’e’ ridotta con le pezze al … parquet, i bambini non possono scorazzare, gli anziani per camminare hanno bisogno del ” puttusu detector ” ASSESSORE, incateniamoci al palazzo del CIPE e ci facemu nesciri 400.000 pezzi di un euro…..

    0
    0
  3. mitico….

    0
    0
  4. …una città miope e folle che a cuor leggero e senza un vero dibattito ha “congiurato” , favorito ed esultato per la” rinuncia” ai 300 milioni di opere connesse al Ponte….che speranze ha di “elemosinare ” 400 mila euro per Piazza Cairoli..che sappiamo non arriveranno mai da Roma ? . Ci dovremo tenere i buchi e la Piazza in condizioni di degrado chissà per quanto tempo ancora….

    0
    0
  5. I tagli sono stati accordati con la regione….e quando si taglia per la regione Messina è la città da tagliare sempre e comunque……

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007