Messina, nuova esondazione del San Michele: le foto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Messina, nuova esondazione del San Michele: le foto

Messina, nuova esondazione del San Michele: le foto

martedì 19 Settembre 2017 - 23:58
Messina, nuova esondazione del San Michele: le foto

Poco dopo una settimana nuovo acquazzone e puntuali allagamenti in zona nord. Tante famiglie isolate per qualche ora, furgone trascinato dalle acque.

Sono bastate poche ore di pioggia perché gli abitanti di San Michele si trovassero nuovamente a rischio. Nel popoloso quartiere dormitorio della zona nord le forti piogge di ieri sera hanno fatto esondare il terreno. Un furgone è stato trascinato a valle dalla violenza dell'acqua e soltanto il tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco ha eviatp il peggio.

Allagati i piano terra di molte abitazioni e abitanti isolati per qualche ora, quando i pompieri hanno chiuso le strade per sicurezza.

Soltanto qualche giorno fa, lo scorso 11 settembre, le prime piogge hanno trasformato il torrente coperto in un fiume in piena.

Subito dopo sono stati eseguiti alcuni interventi di bonifica, a cominciare dallo svuotamento e pulitura del letto del torrente.

Adesso tornano rabbia e paura per gli abitanti del quartiere che sorge sulla collina già duramente colpita dagli incendi estivi – altro fattore di rischio. Collina al centro di una cementificazione selvaggia, nei decenni scorsi.

tanti i complessi residenziali che hanno presentato cedimento strutturali, stretti tra frane dei costoni delle colline sovrastanti e i danni provocati dall'imbrigliamento costante del torrente, sul cui greto si è continuato a realizzare opere.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. Ma che articolo é? Tutti che posteggiano nel mezzo a torrente e ci lamentiamo che scende l’acqua? Voglio i vigili in zona a riempire di multe questi signori e poi successivamente le ruspe che demoliscano tutte le abitazioni abusive che sono state fatte a ridosso del torrente

    0
    0
  2. se sei cosi intelligente da parcheggiare nel greto di un torrente cosi ti aspetti se quest’ultimo si trasforma in un fiume in piena?

    0
    0
  3. Concordo pienamente con te, anzi farei pagare loro le spese per l’eventuale rimozione delle carcasse.

    0
    0
  4. Vorrei dire ai signori, che giustamente, criticano chi parcheggia nel torrente di San michele, che concorso con il loro pensiero, ma allo stesso tempo anche tutte le macchine che parcheggiano nella strada la quale ha il divieto di sosta in entrambi i lati.
    Ma il problema è che il comune e la Regione si mangia i soldi delle nostre tasse che paghiamo come tutti e nn effettua l’urbanizzazuone l’urbanizzazuone’urbanizzazuonedella zona, le case che voi dite che sono abusive sono state condonate e oggi sono in regola pagano tasse e hanno il numero civico è il comune che nn ha fatto il suo dovere come sempre e le conseguenze di questa Polito le paghiamo noi cittadini e grazie alla protezione civile che permette tutto questo. Vergogna vergogna..

    0
    0
  5. Cittadini di San Michele svegliamoci e facciamo sentire la nostra voce non aspettiamo più in vano che qualche politico faccia qualcosa xké per loro il nostro silenzio significa che accettiamo quello che abbiamo, dobbiamo creare scalpore e problemi per essere sentito e mettere in primo piano la nostra situazione è sopratutto che la nostra zona è una bomba ad orologeria e prima o poi ci scappa il morto.
    Come si fa a dare lautoruzzazione ad un ingrosso di carni e far passare autoarticolati da quella misera strada e per di più nn agibile sopra le 3 tonnellate. Non avere marciapiedi dove passare e nn avere parcheggi dove lasciare le nostre auto. Ora basta siamo stanchi di pagare e non avere vogliamo una strada sicura e a norma di legge.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007