L’assessore Amata replica alle “accuse” lanciate dal Pd durante la conferenza sull’arredo urbano - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

L’assessore Amata replica alle “accuse” lanciate dal Pd durante la conferenza sull’arredo urbano

L’assessore Amata replica alle “accuse” lanciate dal Pd durante la conferenza sull’arredo urbano

mercoledì 21 Marzo 2012 - 15:26

La rappresentante di giunta definisce quelle dell’agronomo Tignino «affermazioni infondate e motivare da mere finalità politiche»

La conferenza sul punteruolo Rosso indetta ieri dal Partito Democratico (vedi correlato) e le affermazioni dell’esperto agronomo Saverio Tignino rispetto all’operato dell’amministrazione sia riguardo gli interventi di potatura che sulla lotta al punteruolo rosso, “scatenano” le reazioni dell’assessore al ramo Elvira Amata, più volte chiamata in causa durante l’incontro. Di seguito riportiamo la replica della rappresentante di giunta.

«Pur comprendendo che le contestazioni diffuse da esponenti del PD sono motivate da mere finalità politiche con il solo scopo di volere denigrare l’operato dell’amministrazione della quale mi onoro di far parte, sento comunque il dovere di smentire nel dettaglio le accuse avanzate, ciò per rendere ai cittadini messinesi una corretta esposizione dei fatti, scevra da qualunque strumentalizzazione, e anche per tutelare il lavoro di questo assessorato svolto sempre, in tutte le sue componenti, con serietà e spirito di dedizione civica.
Pur mantenendo nella rispettosa considerazione il parere del dott. Tignino, non posso non far notare che lo stesso non sia l’unico esperto agronomo della città e che, pertanto, le sue tesi non possono assurgere a valore assoluto. Ecco perché, per la stesura del programma di interventi di cura e manutenzione del verde cittadino, mi sono avvalsa dei risultati di un tavolo tecnico, da me preventivamente convocato, del quale facevano parte professionisti di riconosciuta competenza e professionalità .
E’ sulla scorta degli approfondimenti e delle considerazioni di questo tavolo tecnico che è stato messo a punto il piano di interventi di potatura del verde cittadino, seguendo quindi un criterio scientifico ed esclusivamente mirato alla salvaguardia delle piante che ornano la nostra città.
Una scelta votata alla concretezza e all’interesse collettivo, caratteristica di tutta l’amministrazione del sindaco Buzzanca, piuttosto che alla facile propaganda di facciata com’è uso dei facili detrattori.
A causa delle ormai note ristrettezze finanziarie delle casse comunali si è potuto dare il via agli interventi di potatura soltanto a stagione inoltrata, alla fine dello scorso marzo: pertanto si è voluto sfruttare al massimo il tempo a disposizione prima della già preventivata interruzione, stabilita sulla scorta di una costruttiva collaborazione con l’esperta animalista Anna Giordano, per rispettare il delicato periodo della nidificazione. Gratuite, infondate e false, pertanto, le accuse di scarsa programmazione.
Per quanto attiene, poi, alle modalità degli interventi si è dovuto procedere con il primario obbiettivo di riparare ai danni procurati da interventi di potatura maldestri, e tanti addirittura inopportuni, che sono stati effettuati negli anni precedenti. In tal senso, mi sorprende che un esperto del calibro del dott. Tignino non si sia accorto dei danni procurati in passato e non si sia reso conto della necessità di intervenire radicalmente sulla pianta e non, come suggerirebbe, con la semplice sagomatura. Cosa, quest’ultima, che proprio lui, quando nel recente passato è stato consulente retribuito dell’Ato3, non ha previsto e che oggi comporta, appunto, l’intervento radicale.
Stesse considerazioni vanno doverosamente fatte per quanto riguarda la lotta al punteruolo rosso. Per la stesura di un piano di contenimento, come previsto da decreto regionale, puntando essenzialmente sulle esperienze e professionalità acquisite sul campo specifico del punteruolo rosso, ho chiamato ad assistermi l’ordine degli agronomi della provincia di Messina, il Servizio 5 Fitosanitario Regionale U.O. 118 di Milazzo. Da quest’ulteriore e qualificato tavolo tecnico è scaturito un documento unitario che ha tracciato le linee guida del piano d’azione per il contenimento del punteruolo rosso ”Rhynchophorus ferrugineus (Olivier)” delle palme della città di Messina che ha previsto due fasi ben distinte: una prima fase di monitoraggio delle P. Canariensis presenti nel territorio comunale ed una seconda di intervento con tutti i mezzi disponibili e, principalmente, a basso impatto ambientale».

Tag:

6 commenti

  1. L’assessorA Elvira Amata,bambina prodigio della politica nostrana ai tempi di Forza Italia, oggi invecchiata politicamente,sotto il peso del fallimento del suo idolo,Silvio Berlusconi,con l’aggravante di essere biologa,quindi,teoricamente in possesso della cultura appropriata,per la delega all’AMBIENTE,ARREDO URBANO e PROGETTI SPECIALI PER LE PERIFERIE,è fra i componenti della giunta Buzzanca,che non lascieranno traccia,del loro passaggio,al governo della città.

    0
    0
  2. precario affamato 21 Marzo 2012 18:02

    MA CHE REPLICA AD OGNUNO IL SUO MESTIERE FATTI LA BIOLAGA O ANALISTA SEMPRE SE LO SA FARE NON E COSA SUA FARE ASSESORE SI DIMETTA VADA VIA CHE MESSINA E STUFA VADA VIA FINCHE E IN TEMPO LA PENTOLA BOLLE E LA COLPA E DEI CONSIGLIERI CHE LAVORANO PER LE COOP.DEL CONSORZIO SI CONZORZIO IO LO CHIAMEREI ASSO….. A……… MINCHIA POVERA MIA MESSINA IN CHE MANI SEI ALLORA VIA VIA ASSESORE ARREDO URBANO

    0
    0
  3. sig.ra Amata,dimentica che il silenzio è d’oro? STIA ZITTA E CONTINUI A BECCARSI I 4000 EURI DI INDENNITA’ DI ASSESSORE ,IN SILENZIO PER FAVORE

    0
    0
  4. Ma la sinistra non perde tempo a sparare ++++++ perché non pensano che proprio loro sono gli artefici della distruzione di questa città!Quando c’erano loro quante potature di alberi sono state fatte e in che tempi? quante persone hanno reclamato per i giardini con alberi che si trovano in casa all’ultimo piano?
    Vogliamo andare avanti con ATM e Messina Ambiente………allora abbiate il pudore di stare zitti e cercate insieme di fare Uscire questa bella città, che in gioventù non ho voluto abbandonare,ai fasti che gli competono:meditate……………

    0
    0
  5. X libero,MI DICE QUANDO CE’ MAI STATA LA SINISTRA A MESSINA? TRANNE QUALCHE SPARUTO MOMENTO HA SEMPRE GOVERNATO IL CNETRO DESTRA .EGR.SIGNORINO….

    0
    0
  6. “la mia esperta Anna Giordano ….” e poi non è vero !!!
    4000 euro al mese per prendere in giro i suoi elettori …
    Ma vergognati …

    0
    0

Rispondi a mariedit Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x