Roccalumera. "Situazione finanziaria non florida, nel Consuntivo troppe criticità" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Roccalumera. “Situazione finanziaria non florida, nel Consuntivo troppe criticità”

Gianluca Santisi

Roccalumera. “Situazione finanziaria non florida, nel Consuntivo troppe criticità”

martedì 07 Dicembre 2021 - 08:58

Voto contrario della minoranza al Rendiconto 2020. Evidenziate le difficoltà economiche del Comune

ROCCALUMERA – Il Consiglio Comunale ha approvato con il solo voto favorevole della maggioranza il Rendiconto 2020. La minoranza ha invece espresso voto contrario in quanto  – hanno spiegato i consiglieri di opposizione – “dal documento contabile emerge chiaramente che le finanze dell’ente non sono floride, si rilevano molteplici criticità e difficoltà, alcune legate alla contingente situazione economica, ma altre vanno ricercate nelle scelte di politica tributaria e di spesa dell’attuale amministrazione”. 

Nei giorni precedenti l’approvazione il gruppo consiliare di minoranza aveva richiesto al sindaco, al responsabile servizi finanziari e al revisore delucidazioni su quanto rilevato. “Nessun destinatario delle richieste – ha evidenziato la capogruppo Rita Corrini – ha ritenuto necessario dare riscontro, tranne una nota del Responsabile finanziario e Revisore che ammettono l’esistenza di incongruenze, della necessità di rielaborare il prospetto degli equilibri, come di fatto si esegue, ma non entrando a fondo su tutti i problemi da noi sollevati.

Queste le criticità sottolineate dal gruppo di minoranza:

  • Somme da riscuotere (residui attivi) in bilancio relativi all’Imu 2020 versamenti spontanei per € 207.533,72 che non rispettano il dettato dei  nuovi principi contabili, in quanto  tale tipologia di entrata non consente il mantenimento di somme da incassare;
  • Mancata previsione di spesa per la restituzione di somme alla Regione per € 214.038,72;
  • Una non corretta gestione dei vincoli di bilancio determinanti nel definire il risultato di amministrazione, che altro non sono che necessità di spesa che trovano riduzioni improprie per più di  €700.000,00 nel 2019 e per circa € 170.000,00 nel 2020.
  • Applicazione di avanzi per € 214.038,72 che non rispondono alla voce avanzo.

“O le nostre rilevazioni non meritano nemmeno risposta in quanto non pertinenti nel contesto di una corretta contabilità – dichiarano i consiglieri Rita Corrini, Ivan Crementi, Tiziana Maggio, Antonino Scarci – oppure, e noi siamo sicuri di questa seconda ipotesi, le nostre segnalazioni sono talmente puntuali da renderne difficile il riscontro. Il tempo ci darà risposte, nel momento degli ordinari controlli successivi da parte della Corte dei Conti sui rendiconti 2019 e 2020, purtroppo e sicuramente in modo peggiorativo per le finanze  dell’Ente, ma il dato che se ne trae nell’immediato, è che l’Amministrazione, trincerandosi  sui pareri espressi, non si sia soffermata sulle problematiche fatte rilevare ma va avanti accentuando maggiormente le criticità, dato che simile impostazione persiste anche nel bilancio 2021”.  

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007