S. Teresa. L'ufficio postale resta chiuso, il sindaco non ci sta: "Situazione insostenibile" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

S. Teresa. L’ufficio postale resta chiuso, il sindaco non ci sta: “Situazione insostenibile”

Gianluca Santisi

S. Teresa. L’ufficio postale resta chiuso, il sindaco non ci sta: “Situazione insostenibile”

martedì 07 Luglio 2020 - 22:02
S. Teresa. L’ufficio postale resta chiuso, il sindaco non ci sta: “Situazione insostenibile”

Chiuso il 12 marzo per l'emergenza Covid, l'ufficio di Barracca non ha più riaperto. Rimane in funzione solo quello centrale nel quartiere Torrevarata

S. TERESA – “Una situazione insostenibile” l’ha definita il sindaco di S. Teresa, Danilo Giudice. La mancata riapertura dell’ufficio postale di Barracca, chiuso dal 12 marzo in seguito all’emergenza Covid, sta generando gravi disagi nel centro jonico. L’intera popolazione è infatti costretta ad utilizzare l’ufficio centrale, sito nel quartiere Torrevarata, e a pagarne le conseguenze sono soprattutto i più anziani. Il mese scorso il sindaco Lo Giudice aveva inviato una nota a Poste Italiane chiedendo la riapertura dell’ufficio di via Francesco Crispi.

“La posta centrale – aveva spiegato nell’occasione il primo cittadino – non è sufficiente a contenere la notevole utenza della nostra comunità e non solo”. Una situazione di disagio che si è accentuata con l’arrivo della bella stagione e dei vacanzieri che hanno scelto il centro jonico. Oggi è arrivata la risposta a firma del direttore di filiale Fabio Piazza. E il contenuto non ha soddisfatto il sindaco. “Da uomo delle istituzioni – ha replicato Lo Giudice – apprezzo che poste italiane abbia risposto ma allo stesso tempo non posso condividerne i contenuti. Dopo oltre 4 mesi di chiusura, mi sarei atteso una data di riapertura definitiva stante anche che nel periodo estivo la nostra comunità raddoppia le presenze in termini di presenze a causa di turisti e vacanzieri che scelgono la nostra comunità. Per cui i disagi che già viviamo sono tendenti ad un normale e fisiologico aumento. Ma ciò che più mi preme evidenziare – ha proseguito Lo Giudice – è il disagio che vivono i nostri anziani costretti a doversi spostare a piedi spesso con temperature proibitive e con attese estenuanti”.

Nella sua nota di risconto, Poste Italiane fa presente che dal monitoraggio effettuato sul bacino servito dall’Ufficio di Barracca non sono emerse criticità. “La soluzione adottata – sottolinea però il direttore di filiale – non riveste carattere definitivo” e l’azienda “proseguirà con un costante monitoraggio al fine di valutare la data definitiva di riapertura dell’ufficio postale”. Il sindaco Lo Giudice non ci sta.  “Scriverò nuovamente – anticipa – per far comprendere che ciò che viene fatto sulla carta basandosi su numeri spesso non corrisponde alla situazione reale. Questa situazione é insostenibile”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007