FS chiude Servirail: solo a Messina ottantadue i dipendenti con avviso di licenziamento - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

FS chiude Servirail: solo a Messina ottantadue i dipendenti con avviso di licenziamento

FS chiude Servirail: solo a Messina ottantadue i dipendenti con avviso di licenziamento

lunedì 03 Ottobre 2011 - 10:26
FS chiude Servirail: solo a Messina ottantadue i dipendenti con avviso di licenziamento

La Fit Cisl: «Era inevitabile che il percorso già scritto dal Gruppo FS avrebbe portato al collasso delle attività in appalto, anello più debole della catena». Il segretario della Cgil Oceano: «Ancora una dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, di come Matteoli e il Governo nazionale continuino a prendere in giro Messina e i messinesi»

Un nuovo durissimo colpo viene inferto alla città di Messina sotto il profilo occupazionale . La società Servirail, che si occupa del servizio di accompagnamento notte di Trenitalia, ha chiuso negativamente le procedure di mobilità presso il Ministero dei Trasporti, mettendo a rischio 463 lavoratori in tutta Italia e poco meno di cento nella nostra città.
«A Messina – spiegano in una nota il segretario provinciale della Fit Cisl Enzo Testa e il responsabile mobilità Michele Barresi – sono già arrivate le lettere di licenziamento per tutti gli 82 dipendenti per quella che è l’unica realtà del settore in Sicilia. Tanto tuonò, insomma, che piovve. Non c’è nemmeno tanto da stupirsi, era inevitabile – continuano i due rappresentanti sindacali – che il percorso già scritto dal Gruppo FS, denunciato da anni dalla Cisl, avrebbe portato al collasso delle attività in appalto, anello più debole della catena».
La Fit Cisl da tempo chiede un’ inversione di tendenza «che non c’è stata per la latitanza della classe politica e per il mancato rispetto degli impegni presi verso i lavoratori e la città. Il continuo taglio di vetture e la progressiva scomparsa del servizio notte passeggeri – concludono Testa e Barresi – se non opportunamente arrestata con provvedimenti strutturali e risorse vere, finirà per produrre a cascata una vera emergenza occupazionale con risvolti sociali incontrollabili nell’area dello stretto».

Anche la Cgil intereviene, con un comunicato, sulla vicenda Servirail. “Ancora una dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, di come Matteoli e il Governo nazionale continuino a prendere in giro Messina e i messinesi”. Così il segretario generale della Cgil di Messina Lillo Oceano “Cosa ne è stato degli impegni assunti contro i tagli e il ripristino delle condizioni ex ante? Chi si occupa di difendere e far valere i diritti dei nostri lavoratori e dei nostri cittadini?”. Prosegue il sindacalista che torna ad attaccare, oltre al Governo nazionale, azionista unico di FS, i due principali rappresentanti istituzionali del territorio, il presidente della provincia, Ricevuto e il sindaco del comune capoluogo, Buzzanca. Oltre alle lettere di licenziamento già fatte pervenire da Servirail ai propri dipendenti, la Cgil denuncia un ulteriore elemento che sottolinea la volontà di FS di proseguire nella strategia dei tagli. Servirail infatti ha già annunciato che non intende partecipare alla gara indetta da FS per la gestione del servizio cuccette e vagoni letto perché a condizioni non remunerative. E tranne 2 vagoni sul treno per Roma della sera, da mercoledì prossimo non ci saranno più vetture letto a collegare la Sicilia con il continente. “Una situazione inaccettabile per le gravi conseguenze su utenza e lavoro. Non la pensano evidentemente i nostri amministratori così che continuano a confidare nel governbo amico e nei ministri amici.Se si continuano a tagliare servizi e collegamenti come potremo sperare di rimettere in piedi la nostra economia, le aziende e uscire dalla crisi?”, conclude Oceano.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Messina muore ogni giorno di piu’ dal lato lavoro purtroppo….

    0
    0
  2. Chi vuole intendere intenda: Le FFSS non hanno più intenzione di collegare l’Italia con la Sicilia via ferrovia, perchè non è remunerativo.PUNTO!
    Tutto il resto è fumo negli occhi di chi ci vuol crede e demagogia, con buona pace dei nostri amministratori(?) e di chi li ha votati.

    0
    0
  3. questo è il risultato dell’ignoranza dei messinesi riguardo a politica e scelte elettorali e non per ultimo, amore per la propria città, ontinuate a votare sempre gli stessi inetti!!
    tanto prima o poi anche voi sarete inutili.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007