Senza alcun rispetto per i pedoni. Reportage fotografico sull'inciviltà di auto e moto - Tempostretto

Senza alcun rispetto per i pedoni. Reportage fotografico sull’inciviltà di auto e moto

Segnalazione WhatsApp

Senza alcun rispetto per i pedoni. Reportage fotografico sull’inciviltà di auto e moto

domenica 20 Novembre 2022 - 13:11

I parcheggi incivili agli angoli e sopra i marciapiedi a Messina proseguono indisturbati. Reportage fotografico con le segnalazioni del lettori

Le immagini di questo articolo sono state inviate in varie fasi al nostro numero di segnalazioni WhatsApp 366.8726275 da punti diversi della città. Abbiamo deciso di raccoglierle in un unico reportage per denunciare la portata di un fenomeno per nulla edificante che prosegue indisturbato. Ci riferiamo all’abitudine di lasciare le macchine e le moto agli angoli dei marciapiedi e sopra di essi. La Polizia municipale qualche giorno fa aveva annunciato tolleranza zero verso questo incivile comportamento. I fatti, purtroppo, non depongono a favore di questa proclamata intenzione, anche se il Corpo di polizia avrebbe di certo bisogno di un organico maggiore. E va anche evidenziato che, negli ultimi sei mesi, sotto la guida del comandante Stefano Blasco, si sono registrati miglioramenti nella lotta ai comportamenti incivili. Ma il problema è culturale e richiede un’azione in sinergia fra amministrazione comunale, Polizia municipale e cittadinanza.

Serve un salto culturale per una migliore qualità della vita

Tempostretto non si stancherà mai di denunciare tale forma di inciviltà dando spazio alle numerose segnalazioni che provengono dai cittadini. Soprattutto perchè il principale interesse che viene leso in questa vicenda è quello delle persone più deboli, bambini e diversamente abili, che non possono muoversi liberamente. Il fastidio, però, si estende anche a tutti gli altri pedoni. Passeggiare tranquillamente è diventato un lusso. È arrivato il momento che Messina faccia un salto culturale deciso verso una migliore qualità della vita. Gli spazi urbani vanno liberati dall’uso improprio e ossessivo di automobilisti e motociclisti. Al centro di tutto deve esserci finalmente una mobilità dolce, sostenibile, educata. Altrove ci riescono. Perché da noi deve essere un miraggio?

Per determinare il cambiamento servono anche le azioni simboliche, utili a cercare di indurre un cambio di mentalità. Perciò è senz’altro da apprezzare l’iniziativa di cui si è resa protagonista sabato 19 novembre una giovane artista di strada che ha lasciato sulle strade limitrofe a Piazza Cairoli scritte che incitano i messinesi indisciplinati a un atteggiamento più rispettoso della città e dei suoi abitanti.

Suv all’angolo del marciapiede
Un disabile come può passare?

Suv sul marciapiede in via Lenzi
Macchina opstruisce passaggio occupando il già piccolo marciapiede
Via Emilia… Il marciapiede un optional.
Suv ostruisce passaggio pedonale
Dulcis in fundo…macchine parcheggiate nella rotatoria di Viale Europa

Tag:

10 commenti

  1. Sono stati tolti migliaia di posteggi: Duomo, palazzo di giustizia, piazza del Popolo, Porto, piazzette tematiche, Piazza Cairoli ed ancora se ne tolgono scaraventando le auto in tutti gli altri spazi disponibili.Togliete le transenne, create posteggi e poi giustamente sanzionate chi poteva ma non ha usato i regolari posteggi.

    10
    0
    1. Ecco appunto devono passare paro paro i vigili con le persone come te…. il marciapiede non é un parcheggio! Punto

      0
      0
  2. Giorgio Belletti 20 Novembre 2022 17:36

    …ma guarda un po’ che incivili i Meesinesi..ci siamo svegliati stamani con questo problema….mi sorge un dubbio..ma non è che dovrebbe pensarci qualcuno pagato per questo?…ehh già..sssshh loro dormono ..come sempre…
    Complimenti comandante BLASCO il tuo nome mi ricorda soltanto un motivo musicale “La combriccola del blasco” di VASCO…e sinceramente siete una bella combriccola di…. INEFFICENTI

    0
    0
  3. Nell’ attesa che avvenga “il salto culturale” tanto auspicato nell’ articolo, si pregano i signori poliziotti municipali di passare paru sopra tutti questi comportamenti incivili al limite dell’ offesa personale, che una minoranza di incivili messinesi mette in atto per rendere difficile la vita a una civile maggioranza di cittadini messinesi.

    15
    0
  4. Il vero problema è sempre la maleducazione intaccabile e parte del DNA del messinese tipo…leggo che la colpa è sempre altrui(mancanza parcheggi, polizia municipale,…ecc)
    Hai voglia a fare isole pedonali…come farà adesso il bravo cittadino messinese che non potrà entrare dentro il negozio del viale S.Martino con l’auto per fare acquisti o prendere il caffè in uno dei tanti bar? queste si che sono tragedie!

    8
    0
  5. servono i vigili.punto.

    4
    0
  6. La riduzione dei parcheggi o la loro eliminazione non giustifica il parcheggio selvaggio. Chi vuole parcheggiare riesce a farlo. Parimenti è un falso problema che si trascina da anni quello della consistenza del corpo della municipale. Ammesso che il numero di unità sia inferiore ciò non toglie che il servizio offerto non sia degno di tal nome. Basta guardare la quotidianità che caratterizza il viale s. Martino, provinciale, via Catania, via C. battisti solo per fare alcuni esempi per fare capire al caro Eric che non è un problema di parcheggi. Perché il messinese parcheggia in doppia fila anche quando non si paga.

    6
    0
  7. Ma questi Vigili Urbani ci sono o si tratta solo di mitologia? Ma soprattutto, quando e se si dovessero materializzare tra noi, potrebbero fare il loro dovere, sanzionando senza se e senza ma, chi lo merita? Questo serve, questo è necessario, niente altro per il momento. È solo tempo di far comprendere il senso della civiltà. E per farlo bisogna essere decisi e perseveranti. Ma senza volontà non si va da nessuna parte.

    1
    0
  8. Il parcheggio dentro la rotatoria andrebbe registrato come prodotto DOP, prima che altre zone geografiche ce lo copino!
    Vita dura per i grandi camminatori, come me. Ci sono anche troppi locali e commercianti che si son espansi sul marciapiede senza alcun riguardo per i pedoni. Il covid è per sempre?

    2
    0
  9. Non giustifico i posteggi alla messinese ma insisto nel pensare che piu’ strade si chiudono per l’assurda moda che chiudere strade e’ atto di civilta’, piu’ posteggi assurdi acrobatici ci saranno e questo lo vedremo tra poco quando chiuderanno per Natale il viale ed alcune traverse. Sulle traverse libere ci sara’ l’inferno con ulteriore disagio per i pedoni che saranno strangolati dalle auto.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007