I 5 dipendenti Innovabic: "Abbiamo portato fondi europei. Non servono più?" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

I 5 dipendenti Innovabic: “Abbiamo portato fondi europei. Non servono più?”

I 5 dipendenti Innovabic: “Abbiamo portato fondi europei. Non servono più?”

venerdì 10 Agosto 2018 - 11:38
I 5 dipendenti Innovabic: “Abbiamo portato fondi europei. Non servono più?”

Aspettano 18 mesi di stipendio, ora il sindaco De Luca vuole chiudere la società

Una società fallimentare, un carrozzone, una zavorra. Così è stata definita Innova Bic, che ora il sindaco Cateno De Luca vorrebbe chiudere. Ma i cinque dipendenti non ci stanno: "La società si è sostenuta da sé – scrivono – fin quando la legge Bersani del 2010 ha voluto che diventasse interamente pubblica e lavorasse in house per gli enti soci (Comune, ex Provincia e Università), quindi soltanto i contratti di servizio avrebbero potuto garantire la copertura dei costi correnti. I contratti di servizio non sono stati mai stipulati, con la conseguenza che i costi maturati per stipendi e attività non sono mai stati coperti e, dopo circa dieci anni, si sono tramutati in debiti e perdite".

Negli anni, invece, solo promesse. "Abbiamo vinto 16 progetti europei, portato soldi agli enti soci e sostenuto lo sviluppo di centinaia di imprese e start up; abbiamo costruito la nostra carriera e impegnato economicamente le nostre famiglie, perché tanto (un giorno) i contratti sarebbero arrivati. Non abbiamo mai chiesto una stabilizzazione, né ci siamo mai incatenati ai cancelli di alcun palazzo pubblico; perché noi non avevamo e non abbiamo bisogno di un posto fisso. Oggi, aspettiamo 18 mensilità stipendiali e, invece, andiamo scoprendo che le promesse fatte sono svanite".

Solo alla fine dell’anno 2017 è stato deliberato il contratto di servizio del Comune di Messina. "E’ stato fatto soprattutto perché il Pon Metro porterà molti soldi alla città, ma le risorse tecniche e manageriali necessarie per la progettazione e la gestione dello strumento non sono sufficientemente presenti tra i dipendenti comunali. Stessa cosa doveva accadere per la Città Metropolitana, che dovrà gestire il Master Plan, ma non ha neanch’essa tutte le risorse tecniche e manageriali all’interno. Come al solito, il rischio è che centinaia di milioni di euro verranno persi nell’apatia generale. Dobbiamo ora spiegare alle nostre famiglie che non serviamo più, sebbene tutti ci considerino i migliori nel settore; e che la città non ha bisogno di finanziamenti, sebbene ogni giorno ci si lamenti della mancanza di fondi; e che i giovani allora fanno bene ad andare via, perché ogni possibilità di svolgere una professione moderna e di respiro internazionale non ha senso a Messina. Dovremo spiegare tutto questo, ma lo faremo con la solita dignità, affinché l’Università, il Comune e la Città Metropolitana si assumano ogni responsabilità giuridica, politica e morale".

Tag:

Un commento

  1. filippo lo conti 10 Agosto 2018 13:50

    CASO MESSINA (copiaincolla S.Teresa RRiva): il concetto di democrazia è arrivato all’apoteosi dell’assurdo rimettendo le decisioni sulle cose più grandi ai più ignoranti e incapaci! Sarà sicuramente la giusta punizione per aver declinato un concetto di uguglianza astratta che dispensa l’ignorante di istruirsi, l’imbecille di giudicarsi, e il delinquente di corregersi. Il diritto all’uguaglianza è stato fatto a pezzi dalle sue stesse conseguenze, infatti non riconoscere la disuguaglianza di valore, di merito, di esperienza, è culminato nel trionfo della feccia, nell’appiattimento più assurdo. Cari messinesi e santateresoti, il trionfo delle apparenze , sublimato eccellentemente da feisbuk, SI PAGA DURAMENTE!!!!Buona Notte BIANCA!!!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x