Liceo Seguenza sprovvisto di aule. Genitori ed alunni in protesta - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Liceo Seguenza sprovvisto di aule. Genitori ed alunni in protesta

Claudio Panebianco

Liceo Seguenza sprovvisto di aule. Genitori ed alunni in protesta

domenica 20 Settembre 2015 - 17:09
Liceo Seguenza sprovvisto di aule. Genitori ed alunni in protesta

Si svolgerà lunedì, a partire dalle 9.30 negli ex parcheggi del Duomo, il sit - in di genitori e studenti del Liceo Seguenza per rispondere all'assenza di notizie da parte della Provincia. Da mesi infatti l'istituto attende nuove indicazioni, da parte dall'organo, riguardanti la disposizione di aule dove far studiare i ragazzi, visto il taglio della succursale di Cristo Re, dato che ormai il numero di iscritti è troppo grande per la sede centrale

Ricomincia, insieme al ciclo di lezioni, anche il corso di proteste portato avanti dagli studenti. Con l'arrivo del nuovo anno scolastico, oltre al riavvicinamento a compagni e docenti, gli alunni, insieme ai genitori, sono costretti a contrastare le pecche, burocratiche o fisiche, che gli istituti possono presentare. Il Liceo Seguenza è uno degli ambienti didattici con più ragazzi al suo interno.

1500 giovani, infatti, animano l'istituto e negli ultimi periodi, purtroppo, sono stati costretti a giri di valzer tra una sede e l'altra per riuscire a trovare aule disponibili. Il nucleo centrale di Via Sant'Agostino non basta per dare a tutti un banco dove studiare, di conseguenza gli studenti, a turno, cambiano stazione scolastica. Il numero di iscritti è però aumentato e adesso, vista anche l'interruzione del contratto di affitto della locazione di Cristo Re, si presenta realmente un problema per il polo didattico.

La Provincia ha infatti tagliato il servizio, creando un argomento di discussione, già da mesi, all'interno del Consiglio d'Istituto. Il Commissario Straordinario Filippo Romano aveva garantito la disponibilità di spazi del Liceo Maurolico (nell'area ex Antonello). I docenti e la dirigenza avevano trovato la soluzione sconveniente, attendendo comunque nuove notizie dall'organo. Era anche intervenuto il comitato genitori che, nel giugno scorso, aveva scritto una lettera alla Provincia volendo porre come alternativa l'utilizzo di alcune aule del plesso Maurolico, senza però incidere nè sui lavori dell'istituto classico nè sui lavori della scuola media Mazzini ed agendo in base alla disponibilità. Nessuna risposta è stata però recapitata ai mittenti e lunedì mattina, vista l'assenza di soluzioni, i genitori e gli alunni manifesteranno per esprimere il proprio dissenso.

Un vero e proprio sit – in informativo e di lotta che coinvolgerà l'ex parcheggio del Duomo a partire dalle 9.30, dove studenti e membri del comitato alzeranno la voce per ottenere risposte dal Commissario Romano. Elisabetta Costa, rappresentante degli studenti del liceo Seguenza, ha dichiarato "La manifestazione che andremo a condurre lunedì è molto diversa dalle precedenti proteste che agli occhi altrui sono viste come mattinate per perdere un giorno di scuola. La mobilitazione organizzata di quattro rappresentanti, consiglio dei genitori e anche con la collaborazione del collegio docenti, mira a dar voce al liceo di cui noi tutti facciamo parte ( adulti e non) e riscattare il nome della scuola più numerosa di Messina ; 1500 studenti allo sbaraglio, costretti ad adottare alternative che equivalgono alle "ultime spiagge " dove poter sbattere la testa ,ovvero dividere le turnazioni tra mattina e pomeriggio (quindi frequentare lezioni pomeridiane) oppure continuare con la divisione dell'orario scolastico tra biennio e trienno (come siamo stati costretti a fare per la prima settimana di scuola) di due ore a lezione, e perche? Perché non abbiamo un altro plesso in cui svolgere il regolare funzionamento delle lezioni. Parlano tanto dei giovani ,ma quando c'è da dargli ciò che gli spetta di diritto, ovvero il diritto allo studio, non lo si presenta mai in condizioni doverose. Un segnale per sottolineare che i ragazzi del seguenza sono abbastanza maturi da capire la gravità della cosa e soprattutto da lottare per questa situazione improponibile. Siamo il presente ed il futuro di questa Messina e di questa Italia sempre più allo sbaraglio ed è arrivato il momento di dimostrarlo". L'istituto ha stabilito un orario provvisorio (e ovviamente scomodo) che costringe i ragazzi a svolgere dei turni pur di potersi recare nelle aule; il mancato dialogo tra il Liceo e l'organo istituzionale ha quindi fatto la nascere la volontà di sviluppare una forma di protesta con la speranza che si possa finalmente trovare una soluzione accettabile.

Claudio Panebianco

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. PASSANO GLI STUDENTI PASSANO I PROFESSORI PASSANO GLI ANNI, MA MESSINA E’ SEMPRE LA STESSA. PRIMA FACEVO SCIOPERO, O DETTO ALLA MESSINESE QUANDO ANADAVO A SCUOLA “SPARAVO”, POI MI SONO RESO CONTO CHE ERA CRETINATA E INUTILE, HO PREFERITO FISCHI INSULTI, MA ENTRAVO IN CLASSE. ANNO 2015 NON CAMBIA NIENTE.

    0
    0
  2. PASSANO GLI STUDENTI PASSANO I PROFESSORI PASSANO GLI ANNI, MA MESSINA E’ SEMPRE LA STESSA. PRIMA FACEVO SCIOPERO, O DETTO ALLA MESSINESE QUANDO ANADAVO A SCUOLA “SPARAVO”, POI MI SONO RESO CONTO CHE ERA CRETINATA E INUTILE, HO PREFERITO FISCHI INSULTI, MA ENTRAVO IN CLASSE. ANNO 2015 NON CAMBIA NIENTE.

    0
    0
  3. CONSIDEANDO CHE LA PROVINCIA SCOMPARIRA’ GLI IMPIEGATI E OPERAI SARANNO MANDATI IN ALTRE SEDI A CASA O IN AGRICOLTURA, POSSONO OCCUPARE SPAZI DELL’EX PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA.

    0
    0
  4. CONSIDEANDO CHE LA PROVINCIA SCOMPARIRA’ GLI IMPIEGATI E OPERAI SARANNO MANDATI IN ALTRE SEDI A CASA O IN AGRICOLTURA, POSSONO OCCUPARE SPAZI DELL’EX PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x