Al via a Torre Faro i lavori per abbellire e rendere più funzionale l’area demaniale marittima - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Al via a Torre Faro i lavori per abbellire e rendere più funzionale l’area demaniale marittima

Al via a Torre Faro i lavori per abbellire e rendere più funzionale l’area demaniale marittima

lunedì 14 Maggio 2012 - 10:46
Al via a Torre Faro i lavori per abbellire e rendere più funzionale l’area demaniale marittima

I lavori saranno realizzati dall' impresa Nova Cean Edil srl ed eseguiti sotto il controllo della Guardia Costiera e dell'assessorato regionale territorio ed ambiente

Torre Faro si rifà il look. Hanno preso il via stamani in via Fortino gli interventi per la chiusura dei varchi finalizzati ad eliminare il parcheggio delle auto sull’area demaniale marittima adiacente. L’impresa Nova Cean Edil srl di Angela Marino che effettuerà i lavori, per un importo di undicimila euro secondo la progettazione disposta dall’assessore alle politiche del mare, Pippo Isgrò, provvederà alla realizzazione dei dissuasori di sosta nell’area sottostante il “Pilone”, e definirà anche le opere di arredo urbano.
In particolare verrà installato un gazebo in legno e sistemato il contesto limitrofo al cosiddetto “lanternino”, ove sarà sistemato uno dei tre cannoni, comunemente conosciuti come i “cannoni di Garibaldi”, liberati dalla sabbia nei mesi scorsi, recuperando l’antica postazione ormai quasi del tutto scomparsa, che fu operativa quale segnalamento marittimo nello Stretto prima del 1935, anno in cui fu riattivata la lanterna di Capo Peloro, in disuso dopo il sisma del 1908. I lavori saranno eseguiti sotto il controllo della Guardia Costiera e dell’assessorato regionale territorio ed ambiente, con l’ing. Francesco Bonasera della sezione di Messina.
L’intendimento dell’assessore, Isgrò, è di ricostruire un momento espositivo per ricordare le vicende del particolare sito sullo Stretto di Messina. Il segnalamento marittimo infatti doveva costituire, per i naviganti dello Stretto di Messina, un punto di riferimento per condurre in sicurezza la navigazione, in vista di una zona particolarmente insidiosa della costa per le forti correnti marine presenti. La torre del faro di Capo Peloro è sempre stata infatti, anche per tali motivi, una dei più importanti del Mediterraneo ed è fatta risalire al XII secolo, anche se l’estrema punta della Sicilia potrebbe essere stata sede di segnalamento marittimo in epoche più remote.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

11 commenti

  1. Commovente vedere quanto sta a cuore l’area del pilone a questa amministrazione

    0
    0
  2. Claudia De Domenico 14 Maggio 2012 12:48

    Buon giorno a tutti. Ma le macchine dove potranno parcheggiare? Chi paga questi soldi? Non é che per caso servivano a fare qualcosa per il turista in questa stessa zona? Quando e in quanto tempo saranno fatti questi lavori? Vorrei ricordare a tutti, soprattutto al sig. Sgrò e al sig.Bonasera, che LA NOSTRA TORRE FARO “vive” solo d’estate. Claudia

    0
    0
  3. Ok, togliamo l’area di sosta sotto il pilone…ma nel contempo l’amministrazione comunale DEVE attuare un servizio di trasporto pubblico – degno di questo nome – da un qualsiasi parcheggio nelle vicinanze alla spiaggia.
    E’ così che si fa in TUTTE LE LOCALITA’ TURISTICHE DEL MONDO.

    0
    0
  4. Benissimo, un’ottima notizia per tutte le persone che lavoravano ai lidi di quella zona (e anche, in secondo luogo, per chi andava a fare il bagno …). Quest’estate tutti a casa!! Senza lavoro!!! Evviva!!!! … mi sembra evidente che i costi di gestione non saranno più sostenibili se il numero di avventori diminuirà drasticamente …. complimentoni davvero … Ma non si poteva fare una elegante sistemazione del parcheggio, con aiuole, gazebi, vialetti e tutto quello che volete, anche a scapito di qualche decina di parcheggi, mantenendo la possibilità di accesso? Stabilire magari un quota per il parcheggio che sarebbe servita a mantenerlo pulito e custodito? … ah, dimenticavo, siamo a Messina …

    0
    0
  5. … e quindi più funzionale per chi? per i quattro gatti che avranno la possibilità di andarci … E gli interventi per ripristinare il litorale? sono già iniziati? che ne sarà dei gazebi e del verde che “abbelliranno” la zona? chi li curerà? forse le stesse persone che curano le aiuole in città? o l’appalto prevede anche i lavori di manutenzione ordinaria? … TempoStretto, voi lo sapete fare, se volete … perchè non andate più a fondo e cercate di scoprire i dettagli della notizia?

    0
    0
  6. Lev Nikolaevich 14 Maggio 2012 22:05

    Bene, bella idea, il cannone attirerà turisti da tutto il mondo, mentre la gente andrà al mare in tram, bus, piedi o bicicletta, o simpatici ciclomotori silenziosi e poco inquinanti…intanto gli uccelli marini ripopoleranno la zona, e tra loro anche la rarissima acquila di mare farà la sua comparsa…..MA CUCCATIBI VA!!!

    0
    0
  7. Torre faro per farla “vivere” dovrebbero farla pedonale, interamente!

    0
    0
  8. Ma infatti tutti i gestori si sono fatti avanti per portare questo progetto all’attenzione dell’amministrazione. SI sono forse persi nelle stanze di palazzo zanca.

    Il faro dovrebbero farlo pedonale per intero!

    0
    0
  9. SIAMO ANCORA A “CARO AMICO…”
    TORRE FARO SARA’ INVASA DA BAGNANTI (PURTROPPO SPESSO INCIVILI) SENZA INFRASTRUTTURE ADEGUATE O, PEGGIO, SENZA SERVIZI.
    TOGLIAMO ANCHE I PARCHEGGI COSI’ L’OPERA E’ COMPLETA…!
    LA COLPA E’ ANCHE DI NOI CITTADINI CHE NON FACCIAMO NULLA PER MIGLIORARE ASPETTANDO SEMPRE CHE “ALTRI” SI MUOVANO.
    COSI’, PENSANDO DI AVERE DA FARE CON DEI TROGLODITI CON L’ANELLO AL NASO, I NOSTRI AMMINISTRATORI DA NOI VOTATI (ME COMPRESO, AHIME’…!) SI TRASTULLANO CON BAGGIANATE DELL’ULTIMA ORA. VABBE’ VALORIZZARE RECUPERANDOLO QUANTO DI STORICO ABBIAMO, MA, CONCRETAMENTE, IO CREDO CHE I PROBLEMI DI TORRE FARO SIANO PRINCIPALMENTE ALTRI: TRAFFICO SENZA CONTROLLO CON UNA VIABILITA’ MEDIEVALE, IMPERITURO ABUSIVISMO, ASSENZA DI SICUREZZA SULLE SPIAGGE, RIFIUTI, ECC.

    0
    0
  10. Un’altra bufala in arrivo :
    Ma e`mai credibile quello che vogliono
    fare?
    Con la somma di undicimila euro faranno
    un muro di non accesso alle auto sull’arenile
    di via Fortino,creeranno un prefabbricato per
    gli anziani,riposizioneranno i cannoni di Garibaldi,abbelliranno l’arenile con alberi,aiuole e panchine ecc ecc.Chi piu`ne
    ha piu`ne metta.Da quello che si e capito e
    gli unici che ci credono sono solo la capitaneria di porto…………………
    La quale si da tanto da fare.
    Si vede che ce aria d’elezioni ,noooo?
    Faroti ma quando vi svegliate?
    specie coloro che vivono il mare: Svegliatevi
    non vi accorgete che vi stanno cacciando via da
    quei luoghi in cui siete nati e cresciuti?
    Evviva la politica, per meglio dire questa politica.
    Ma il [proverbio dice che ogni popolo ha il politico che si merita!!!Ciao a tutti

    0
    0
  11. Ora abbiamo le aiuole ma nel frattenpo noi
    residenti restiamo pealizzati su tutto.
    nella spiaggia prima ci hanno fatto togliere
    le barche ora si stanno preoccupando come
    dare in concessione quel poco che e’rimasto.
    E vergognoso non sanno piu’ come far cassa.
    Abito a via Fortino da 40 anni e prima
    di me i miei parenti e in questi ultimi anni
    i politici hanno creato solo scempi.Speriamo
    almeno che questo sia l`ultimo.
    Signor sindaco,mi creda era meglio prima.
    Mi viene da ridere,riserva naturale con
    vincoli dell’unesco.Ma i vincoli sono solo
    per noi residenti? e non per concessioni a
    scopo di lucro? ma chi lo sa ! speriamo bene.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007