Il “caso” delle famiglie di Scala Ritiro: il presidente del V quartiere Russo chiede un confronto a Buzzanca - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il “caso” delle famiglie di Scala Ritiro: il presidente del V quartiere Russo chiede un confronto a Buzzanca

E.DP

Il “caso” delle famiglie di Scala Ritiro: il presidente del V quartiere Russo chiede un confronto a Buzzanca

E.DP |
lunedì 12 Settembre 2011 - 22:32

Il rappresentante del V quartiere condanna l’immobilismo di Palazzo Zanca e invita tutti i soggetti, amministratori e non, a prendere parte ad un tavolo tecnico da convocare con la massima urgenza: «Basta attese»

Una lettera spedita al piano più alto di Palazzo Zanca. Ad inviarla il presidente della V circoscrizione Alessandro Russo, che trascorso il periodo delle ferie estive “torna alla carica” con l’annosa problematica delle famiglie di Scala Ritiro. Quelle, per intenderci, che della costruzione dello svincolo di Giostra, o almeno di una parte di esso, conoscono vita, morte e miracoli, perché gli operai dei cantieri “viaggiano” ad altezze vertiginose proprio sopra le loro teste. Il rappresentante della circoscrizione ha ben annotate le affermazioni rilasciate dal primo cittadino in occasione dell’inaugurazione dei nuovi locali del quartiere: «Il sindaco aveva promesso ai nuclei familiari che vivono a ridosso dei pilastri in cemento, un incontro dopo ferragosto, ma di questo appuntamento non si nulla»

Per il V quartiere la vicenda assume un’assoluta priorità perché attiene alla mancanza di sicurezza degli stessi cittadini e alla ripercussioni che la costruzione dell’infrastrutture potrebbe avere sulla loro vita. A ciò spiega Russo si aggiunge «l’annosissima problematica degli espropri e degli indennizzi, poiché la cittadinanza della zona è esasperata da anni di attesa e di silenzi della Pubblica Amministrazione, e giustamente ritiene che debbano esservi certezze su ciò che accadrà loro ed alle loro case, frutto di decenni di sacrifici e di fatica». Ecco perché il presidente chiede la convocazione di un tavolo tecnico che metta effettivamente a confronto tutti gli “attori” interessati alla vicenda e non solo coloro destinati a “subire “ il danno. In particolare Russo chiede la presenza dei dirigenti del dipartimento sicurezza e protezione civile, patrimonio, espropriazioni, Polizia municipale, i tecnici della Ditta esecutrice dei lavori dello svincolo, una delegazione di cittadini residenti a Scala Ritiro. (E. DE PASQUALE)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. «l’annosissima problematica degli espropri e degli indennizzi, poiché la cittadinanza della zona è esasperata da anni di attesa e di silenzi della Pubblica Amministrazione, e giustamente ritiene che debbano esservi certezze su ciò che accadrà loro ed alle loro case, frutto di decenni di sacrifici e di fatica».
    Scusate, ma tutto ciò significa che non sono stati pagati gli espropri per la costruzione dell’autostrada?
    E vogliono fare il ponte?

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007