La scuola. Contro la meritocrazia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

La scuola. Contro la meritocrazia

Domenico Colosi

La scuola. Contro la meritocrazia

lunedì 16 Aprile 2018 - 10:39
La scuola. Contro la meritocrazia

Una perfetta macchina di intrattenimento nell’ultimo appuntamento della stagione di prosa

Le mille inezie della vita quotidiana invadono la palestra di un istituto superiore della periferia romana: arriva il momento degli scrutini, giudizio universale che diviene lentamente trattativa da suk mediterraneo, commedia, farsa. In campo i rapporti di forza tra i professori, i pettegolezzi che li riguardano e i grotteschi equivoci di un sistema scolastico disincagliato dalla realtà, burocratizzato negli ideali, reazionario negli istinti. Guidati da un preside insipiente, tra docenti dopolavoristi, preti maligni e isterismi vari, l’unico obiettivo da non fallire resta la scelta di un capro espiatorio: leggero come una mosca è il peso delle responsabilità.

Da due testi dello scrittore Premio Strega Domenico Starnone (Ex Cattedra e Sottobanco), La scuola di Daniele Luchetti è una perfetta macchina di intrattenimento adattabile ad ogni format: tempi comici calibrati con estrema accortezza, dialoghi brillanti, plurilinguismo da commedia all’italiana e sufficienti margini per l’improvvisazione degli attori. Silvio Orlando e Vittoria Belvedere orchestrano la rivolta dei buoni sentimenti su sopraffazioni e malaffare, un’opposizione velata di malinconia per un vittimistico socialismo in pillole. In questa prospettiva, è impossibile replicare a chi, consapevole fautore del degrado che condanna, si rifiuta di insegnare Mallarmé ai “beduini”: l’irresistibile Roberto Nobile nei panni del professore di francese è il volto tragico dei vizi italiani, dell’eterno fascismo che regola la scuola gentiliana anche dopo le rivolte sessantottine. Degni comprimari i professori Vittorio Ciorcalo, Antonio Petrocelli e Maria Laura Rondanini, con il preside Roberto Citran a sintetizzare la deriva culturale di un’istituzione sacrificata a troppi poteri.

Sette maschere e altrettanti stereotipi nella palestra allestita da Giancarlo Basili, stanza dei bottoni che vede smozzicare voti e decisioni come le carte dei più sprovveduti giocatori di poker: volti conosciuti lungo lo Stivale ad ogni generazione di studenti, immarcescibili nella loro edulcorata ignavia.

Domenico Colosi

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007