Debiti e bilanci, CapitaleMessina chiede alla Corte dei Conti di intervenire - Tempostretto

Debiti e bilanci, CapitaleMessina chiede alla Corte dei Conti di intervenire

Debiti e bilanci, CapitaleMessina chiede alla Corte dei Conti di intervenire

sabato 20 Ottobre 2018 - 05:43
Debiti e bilanci, CapitaleMessina chiede alla Corte dei Conti di intervenire

CapitaleMessina ha scritto alla Corte dei Conti per chiedere di fare chiarezza sulla reale condizione economico-finanziaria di Palazzo Zanca alla luce delle continue notizie che arrivano su conti, bilanci, debiti e partecipate. "Insopportabile balletto di cifre"

«Crediamo che sia arrivato il momento di fare chiarezza. Non è più sopportabile il balletto delle cifre riguardo i bilanci, l’incertezza sull’entità dei debiti, che gravano sulla Finanza pubblica messinese».

A dirlo è CapitaleMessina che chiede un intervento della Corte dei Conti per mettere un punto sulla situazione economico-finanziaria di Palazzo Zanca e ricominciare a discutere su dati certi. 

«La confusione regna sovrana, non da ora evidentemente, perché stiamo continuando a pagare gli errori del passato, ma ora bisogna capire dove andiamo, perché come sembra dalla lettura degli atti, primo tra tutti la relazione del Sindaco De Luca, ed ancor più dalle notizie di questi giorni, il timore è che la strada obbligata sarà quella del dissesto. Dissesto che non piace a nessuno, è vero, ma è altrettanto sbagliato continuare a seguire strade che non portano a nulla, e che lasciano la situazione nel limbo dell’incertezza. Oltretutto c’è la spada di Damocle dei milioni di euro di crediti non riscuotibili AMAM e la prevedibile bocciatura del concordato Messinambiente» scrivono Paolo Bitto e Gianfranco Salmeri. 

Ed è per questo che il 15 ottobre l’esperto di Finanza pubblica di CapitaleMessina ha inviato una lettera alla Corte dei Conti, perché si faccia finalmente chiarezza su quella che appare come un groviglio finanziario inestricabile.

Tag:

COMMENTA

2 commenti a “Debiti e bilanci, CapitaleMessina chiede alla Corte dei Conti di intervenire”

  1. rtt.alex ha detto:

    La soluzione c’è, basterebbe una procedura d’urgenza nazionale, da decreto, per recuperare tutto il mal tolto da quelli che in questi anni si sono arricchiti sulle nostre spalle. Ci sono tante ville da sequestrare e fare cassa. Che scattino veramente le denunce, chi non ha nulla da nascondere scagli la prima pietra… o forse hanno tutti le mani in pasta?

  2. saggio cinese dile ha detto:

    Le cose dette in modo semplice sembrano non pensate, ma dette in modo preciso è chiaro che si sono pensate. Chiarezza e semplicità insieme sono ammirevoli e fanno onore a chi le esprime e li mette in pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007