Troppo Bari per il CdM. La capolista passa facile a Bisconte - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Troppo Bari per il CdM. La capolista passa facile a Bisconte

Francesco Certo

Troppo Bari per il CdM. La capolista passa facile a Bisconte

domenica 03 Marzo 2019 - 17:54
Troppo Bari per il CdM. La capolista passa facile a Bisconte

Galesio fissa su rigore l'1-3 finale

Tutto come previsto. L’esordio sulla panchina del Città di Messina di Francesco Viola, subentrato all’esonerato Furnari, non è stato dei migliori. D’altronde era difficile immaginarsi qualcosa di diverso quando il tuo avversario si chiama Bari, adesso a ben +12 sulla seconda (che ha, però, una partita in meno). La compagine siciliana, schierata nel 4-3-3 del nuovo mister, si mostra convincente solamente nei primi minuti mentre per il resto della gara si fa pressoché del tutto dominare dagli ospiti, il cui bottino di reti complessivo sarebbe stato quasi sicuramente più ricco senza Landi in porta. Il neo allenatore giallorosso potrà approfittare del turno di riposo previsto per la prossima settimana per far meglio conoscere alla squadra la propria filosofia di gioco, consapevole del fatto che dopo la sosta, ad attenderlo, ci sarà un’altra sfida molto sentita, ossia il derby con il Messina.

La cronaca del match: Il Città di Messina parte forte ma è solo un fuoco di paglia. Dopo i primi dieci minuti circa giocati con intraprendenza dai padroni di casa, nei quali si registra anche un clamoroso palo colto da Berra (5’), il Bari viene fuori e comincia via via a macinare gioco, costruendo numerose azioni di pericolo. Al 18’ Landi (che alla fine del match risulterà essere uno dei migliori dei suoi) si fa trovare pronto sulla conclusione centrale di Piovanello, la sfera termina poi sui piedi di Hamlili che calcia colpendo l’incrocio. Centoventi secondi più tardi altra grande occasione per i galletti con lo stacco di testa, impreciso, di Cacioli, sull’angolo battuto da Floriano. Al 23’ c’è il tentativo da fuori di Simeri, il pallone sorvola la traversa. Circa alla mezz’ora il gol, ampiamente meritato, che sblocca la gara. Lo mette a segno Floriano con un gran destro all’angolino, nulla può Landi. Al 34’ secondo legno per i biancorossi, il terzo dell’incontro: con un intervento prodigioso Landi si oppone al colpo di testa di Simeri, la difesa giallorossa rinvia ma la palla finisce a Neglia che si coordina in una mezza acrobazia, venendo però fermato, appunto, dal palo. Al 44’ Landi è di nuovo gigante sulla sassata di Simeri, subito dopo tenta Floriano, forse in offside, ma spedisce fuori. I siciliani si rivedono solo allo scadere della frazione con una ripartenza interessante di Berra, fermato alla fine dal tocco di un avversario, probabilmente irregolare, non fischiato dall’arbitro. Si va all’intervallo, dunque, sullo 0-1.

Nella prima metà del secondo tempo, il Città di Messina sembra essere rimasto negli spogliatoi. In meno di un quarto d’ora infatti, la capolista del campionato, prima si porta sullo 0-2 grazie all’autogol di Fragapane, che appoggia maldestramente nella propria rete il pallone messo al centro da Simeri, precedentemente servito da Floriano che era andato via indisturbato tra le linee; poi fa anche tris, con Neglia, bravo a muoversi sul filo del fuorigioco e ad insaccare, con ancora Simeri ad effettuare l’ultimo passaggio. Al 62′ Floriano cerca nuovamente la rete con un tiro dal limite forte e centrale ma trova la respinta del solito Landi. I peloritani si risvegliano soltanto al 70′, quando vedono assegnato in loro favore un calcio di rigore per una trattenuta in area pugliese. Galesio dal dischetto non sbaglia e regala così una piccola speranza alla sua squadra e ai tanti tifosi presenti al Despar Stadium. Il Bari però, già da un pezzo in pieno controllo della partita, non concede possibilità di rimonta, se si eccettua una punizione da ottima posizione calciata di poco largo da Calcagno, all’84’. L’ultima occasione da segnalare è una botta da lontano di Lorefice all’89’, su cui si distende il portiere, mettendo in corner. Finisce 1-3 e ora il Città di Messina è in piena zona play out.

IL TABELLINO

Città Di Messina-Bari 1-3 (primo tempo 0-1)

Marcatori: 29’ pt Floriano (B), 4’ st aut. Fragapane (CDM), 12’ st Neglia (B), 25’ st Galesio (rig.) (CDM).

Città Di Messina (4-3-3): Landi; Fragapane (dal 45’ st Quintoni), Berra, Bombara, Silvestri; Nicosia (dal 27’ st Santoro), Calcagno, Ferraù (dal 9’ st Lorefice); Fofana, Galesio, Bonamonte (dal 9’ st Codagnone). All. Francesco Viola.

Bari (4-3-3): Marfella; Cacioli, Di Cesare, Floriano (dal 30’ st Iadaresta), Hamlili, Simeri (dal 45’ st Pozzebon), Neglia, Bianchi, Piovanello (dal 41’ st Nannini), Quagliata, Bolzoni. All. Giovanni Cornacchini.

Arbitro: Marco Emmanuele di Pisa (assistenti Nicolò Moroni di Treviglio e Cristofer Meloni di Olbia).

Note —– Ammoniti: Calcagno al 15’ pt (CDM), Galesio al 31’ pt (CDM), Simeri al 42’ pt (B), Fofana al 27’ st (CDM), Codagnone al 34’ st (CDM), Di Cesare al 38’ st (B). Recuperi 2’ pt; 3’ st.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x