Botti di fine anno. I Grilli dello Stretto presentano ordinanza permanente - Tempostretto

Botti di fine anno. I Grilli dello Stretto presentano ordinanza permanente

Botti di fine anno. I Grilli dello Stretto presentano ordinanza permanente

venerdì 02 Dicembre 2016 - 11:04

Si tratta di un divieto più ampio ed esteso che introduce, per la prima volta, un'importante novità: la tutela delle specie che popolano o transitano nella Zona a Protezione Speciale (Zps)

Anziani, bambini, animali e persone cardiopatiche; sono queste le categorie più esposte agli effetti invalidanti, spesso mortali, prodotti dalla detonazione di botti, razzi petardi, fuochi e artifici pirotecnici.

Ferimenti, traumi, mutilazioni e stress psicofisico che, come mostrano le statistiche nazionali, vedono anche cani, gatti, animali domestici e uccelli tra le vittime inconsapevoli di una tradizione che rappresenta un grave pericolo per la pubblica incolumità, perché legata all'esistenza di un mercato non autorizzato che favorisce la circolazione di prodotti illegali.

Sensibilità che, già lo scorso anno, aveva spinto gli attivisti del meetup Grilli dello Stretto a presentare all'amministrazione comunale il testo di un'ordinanza sindacale, attraverso la quale si vietava su tutto il territorio cittadino l'utilizzo di razzi, petardi e materiale esplosivo in genere, poi adottata dal sindaco Accorinti solo per le festività 2015/2016.

Una limitazione temporale inutile che, in ragione dell'approssimarsi delle festività natalizie e di fine anno, ha spinto gli attivisti pentastellati protocollare, lo scorso 25 novembre, negli uffici di palazzo Zanca, il testo di una seconda ordinanza dal valore permanente; valida cioè ogni anno.

Si tratta di un divieto più ampio ed esteso che introduce, per la prima volta, un'importante novità: la tutela delle specie che popolano o transitano nella Zona a Protezione Speciale (Zps).

Il testo del provvedimento sanziona l'utilizzo, all'interno dell'area, di materiale esplosivo dal 15 febbraio al 15 giugno e dal 15 luglio al 15 dicembre di ogni anno, allo scopo di tutelare le rotte migratorie dell’avifauna, quest'ultima protetta da precise norme comunitarie, nazionali e regionali, che attraversano l'area dello Stretto.

“Garantire il benessere delle fasce più esposte ai rischi provenienti dall'utilizzo indiscriminato di artifici pirotecnici deve essere una priorità – sottolineano i Grilli dello Stretto – per questa ragione, abbiamo scelto di proporre all'attuale amministrazione un'ordinanza permanente, che tuteli persone, animali e cose, affinché i contenuti di questa, reiterabili ogni anno senza procedere all'emanazione di nuovi provvedimenti sindacali, vengano condivisi e assimilati dalla cittadinanza come segno tangibile e continuativo di civiltà”.

Gli attivisti del meetup inoltre, invitano l'amministrazione, secondo quanto previsto da una nota Anci del 28 novembre 2014, a esercitare una vigilanza più stringente nei confronti quanti commerciano prodotti e materiali esplosivi illeciti e ad applicare, conseguentemente, le sanzioni amministrative previste dall'attuale normativa.

Tag:

2 commenti

  1. minchia bravi ….cercate di evitare anche il “martello” di Geppetto ahahahahahahahahah

    0
    0
  2. minchia bravi ….cercate di evitare anche il “martello” di Geppetto ahahahahahahahahah

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007