Un intervento antizecche a Bisconte si trasforma in una commedia dell'assurdo - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Un intervento antizecche a Bisconte si trasforma in una commedia dell’assurdo

Francesca Stornante

Un intervento antizecche a Bisconte si trasforma in una commedia dell’assurdo

mercoledì 07 Agosto 2019 - 18:51
Un intervento antizecche a Bisconte si trasforma in una commedia dell’assurdo

A raccontare l'episodio che scatenato panico e disagi tra i residenti è il consigliere della III circoscrizione Alessandro Geraci

Un normale intervento di bonifica anti-zecche a Bisconte si è trasformato in una commedia dell’assurdo. E’ quanto accaduto ieri nel villaggio, dove quasi nessuno era stato avvisato in tempo utile e dove gli abitanti hanno rischiato di doversi segregare in casa o abbandonare le abitazioni per 12 ore. Senza preavviso e senza potersi organizzare.

A raccontare l’episodio è il consigliere della III circoscrizione Alessandro Geraci che parte dal principio di quella che si è rivelata una vera e propria epopea.

Tutto è iniziato con la segnalazione di un cittadino che evidenziava la presenza di zecche in una via del villaggio Bisconte. Poi il Sindaco De Luca, a seguito di presunti accertamenti da parte del dipartimento, ha predisposto un’ordinanza contingibile ed urgente per debellare il grave problema sanitario. Ordinanza che doveva eseguirsi ieri 6 agosto dalle 8.00 alle 20.00.

«Ebbene – prosegue l’esponente M5S – l’ordinanza non riguardava solo la zona circoscritta ma si allargava a tutto il villaggio, interessando almeno 500 abitanti. Da qui sono sorti i problemi. Perché? Innanzitutto il provvedimento emesso in data 2 agosto è stato notificato ai residenti soltanto il giorno precedente, attraverso l’affissione di fogli poco leggibili attaccati nei pali della luce. Poi l’ordinanza prevedeva alcune misure di sicurezza, come sigillare totalmente le abitazioni mettendo in sicurezza animali, alimenti e biancheria ma soprattutto prevedeva l’interdizione all’area dalle 8 alle 20. Allarmati con così poco preavviso, i residenti si sono chiesti quindi se avessero dovuto chiudersi in casa per 12 ore».
«La risposta ha spiazzato ulteriormente gli abitanti della zona. Come riferito da Comune e ditta, avrebbero dovuto lasciare le abitazioni per tutta la durata degli interventi, scatenando panico e disagio tra i residenti, che con così poco preavviso non sono riusciti ovviamente a organizzarsi per tempo. Per di più, chi ha in famiglia un disabile, si è trovato totalmente abbandonato dal dipartimento politiche sociali, che li avrebbe dovuti assistere. In aggiunta, l’ordinanza era stata notificata anche alla MessinaServizi Bene Comune, che avrebbe dovuto provvedere alla pulizia della zona, ma anche loro non avevano provveduto alla pulizia per tempo. A fronte di un tale caos, i due vigili urbani presenti si sono visti costretti ad annullare l’intervento».

Dopo questa disavventura, il consigliere Geraci chiede al Sindaco e agli assessori competenti che vengano immediatamente presi tutti i provvedimenti del caso e per tempo utile, a partire dalla pulizia delle zone interessate, all’assistenza da parte dei servizi sociali alle famiglie con disabili.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. A questo ti porta avere collaboratori (dai sedicenti Dirigenti in giù) incapaci di intendere e (soprattutto) di volere… De Luca, svegliati e non pensare solo a Facebook ed al tornaconto … elettorale: inizia a cercare gente semplicemente capace di fare il lavoro per cui viene profumatamente pagata…

    2
    0
  2. Stefano Macri 8 Agosto 2019 09:24

    Stessa identica situazione è successa a Gesso, senza che però siano stati messi avvisi in paese. I residenti sono venuti a conoscenza della disinfestazione dai giornali online…. non appare una cosa abbastanza corretta.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007