Il II quartiere dice basta alla “giungla” dello svincolo di San Filippo. Incolumità a rischio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il II quartiere dice basta alla “giungla” dello svincolo di San Filippo. Incolumità a rischio

Il II quartiere dice basta alla “giungla” dello svincolo di San Filippo. Incolumità a rischio

martedì 12 Giugno 2012 - 15:33
Il II quartiere dice basta alla “giungla” dello svincolo di San Filippo. Incolumità a rischio

Questa mattina consiglio straordinario in loco per discutere di un problema che si trascina da mesi. Di Blasi: «Se non ci saranno interventi pronti a chiedere le dimissioni dell’assessore Amata»

Se è vero, come è vero, che carta canta, le “note” che il consiglio della II circoscrizione ha inoltrato al sindaco Buzzanca, all’assessore all’arredo urbano, Elvira Amata, al dirigente del dipartimento Antonio Amato, e ai commissari liquidatori di Ato3 e Messinambiente, rispettivamente, Antonio Ruggeri e Armando Di Maria, suonano una melodia decisamente stonata. Non cambia l’oggetto “Bonifica e pulizia dello svincolo San Filippo”, ma cambiano le date in cui i solleciti sono stati inviati: gennaio 2012, febbraio 2012, aprile 2012, fino alla richiesta di convocazione di una nuova conferenza di servizi lo scorso mese di maggio. Ed arriviamo ad oggi, anzi a questa mattina. Il II quartiere ha infatti indetto un consiglio straordinario, a cui erano stati invitati a prendere parte anche il sindaco e la rappresentante di giunta, entrambi assenti per altri impegni istituzionali. All’ordine del giorno, neanche a dirlo, i necessari interventi nelle aree verdi che circondano lo svincolo autostradale e i dintorni, dove la visibilità per le auto che transitano a velocità spesso sostenuta è praticamente inesistente. Ciò a causa delle piante cresciute a dismisura per la mancata scerbatura, a discapito dei malcapitati pedoni.

«Ogni giorno – ha affermato il presidente della circoscrizione Giovanni Di Blasi – arrivano cittadini che segnalano il pericolo nell’attraversare la strada. Fino ad oggi però, nonostante i nostri ripetuti solleciti all’amministrazione non è stato raggiunto alcun risultato». Un appello che questa mattina ha raccolto l’ing. Riparante, del dipartimento Arredo Urbano, presente per conto dell’ing. Amato. Il tecnico, che ha preso visione della situazione, si è impegnato a rappresentare al dirigente quanto rilevato. Proprio questa mattina, intanto, sulla scrivania di Amato è stata recapitata una lettera a firma dell’assessore Amata in cui si chiede di accelerare i tempi di intervento alla luce dei pericoli evidenziati dalla circoscrizione.

Il quartiere, che non intende attendere oltre, evidenzia poi l’assoluto fallimento della conferenza dei servizi tenutasi lo scorso 7 marzo alla presenza di coloro che, a vario titolo, sono responsabili degli interventi di arredo urbano. Ciò anche a causa della solita querelle fra Ato3 e Messinambiente che continua a sacrificare i reali interessi e diritti della cittadinanza, in questo caso la pubblica incolumità. «Se la situazione non verrà risolta in tempi brevi – ha concluso il presidente Di Blasi – saremo pronti a chiedere le dimissioni dell’assessore Amata». (ELENA DE PASQUALE)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. i nostri amministratori conoscono e..male solo il centro , mortificano il resto!! AMATA se aveva dignità si era già dimessa da tempo ma la poltrona..lucra e fa male separarsene se hai un mutuo da pagare .

    0
    0
  2. “Se la situazione non verrà risolta in tempi brevi – ha concluso il presidente Di Blasi – saremo pronti a chiedere le dimissioni dell’assessore Amata”.
    Se non fosse una cosa seria ci sarebbe solo da ridere!!!
    Dopo l’ennesima mancanza di efficienza e di capacità gestionali nel delicato ruolo che occupa l’assessore Amata si sarebbe dovuto dimettere già anni orsono…Ma questi ammnistratori hanno la faccia come il bronzo e il c***o attaccato alla poltrona, ricordatelo cari messinesi, ricordatelo!!!

    0
    0
  3. liliana parisi 12 Giugno 2012 17:07

    L’arredo urbano è una cosa,la pulizia un’altra,più importante per la salute pubblica. E’ bello che si mettano piante nelle strade e piazze principali,ma sarebbero da eliminare anche le erbacce delle vie secondarie del IV quartiere, che purtroppo non ha consiglieri “combattivi”come il II e altri.Invito a venire a vedere il viale Italia e le vie adiacenti alla Tommaso Cannizzaro.

    0
    0
  4. Piccolo contributo video realizzato qualche settimana fa. Le riprese si riferiscono all’uscita autostradale di S. Filippo. Consigliamo di posizionare la qualità dell’immagine a 480. Per raggiungere il video cliccare sul link di seguito: http://www.youtube.com/watch?v=_V7Y_ndmei0

    0
    0
  5. bastòno tutti 13 Giugno 2012 11:29

    Quest’amministrazione è brava a fare favoritismi a questo e quel consigliere (soprattutto ex trombati alle scorse amministrative) senza guardare alle reali necessità del territorio.
    Assieme alla Amata vedo bene Isgrò… dimissioni congiunte….

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007