"Valore Messina": Saitta punta al Museo archeologico e al Museo della memoria - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Valore Messina”: Saitta punta al Museo archeologico e al Museo della memoria

Pippo Trimarchi

“Valore Messina”: Saitta punta al Museo archeologico e al Museo della memoria

sabato 12 Maggio 2018 - 05:31
“Valore Messina”: Saitta punta al Museo archeologico e al Museo della memoria

Il candidato sindaco del centrosinistra Antonio Saitta riprende il progetto della Cittadella della Cultura dell'ex ospedale Margherita e punta a creare un polo unico con il Museo regionale per dare vita a due nuove idee.

“Il Museo regionale di Messina è una delle esposizioni d’arte più grandi del Sud Italia, una superficie vastissima con circa 750 opere esposte. Il Mume, insieme alla riqualificazione del complesso dell’ex Ospedale Margherita, può essere l’ombelico culturale di una struttura ancora più complessa, in grado di fare accrescere l’offerta formativa e turistica nella nostra città”. Lo afferma, Antonio Saitta, anticipando il progetto ‘Valore Messina’.

Nello specifico – spiega – “bisogna spostare gli uffici della Soprintendenza nella sede del vecchio nosocomio, come prevede il progetto della Cittadella della Cultura e poi dare vita a una grande struttura, che va complessivamente dall’ex Margherita al Mume, eliminando o, eventualmente, bypassando via Grosso Cacopardo, la strada che divide le due aree, così da ospitare all’interno due nuove realtà: Il Museo Archeologico e il Museo della Memoria ‘MessinaZero8’. Il primo – osserva – ospiterebbe il vastissimo materiale archeologico che la città possiede: attualmente, infatti, solo una piccola parte riesce ad essere esposta al Mume. Il secondo, invece, sarebbe dedicato al ricordo della tragedia del terremoto del 1908”.

“Il Museo della Memoria – prosegue il candidato sindaco – è concepito come un grande spazio anche didattico ed esperienziale. Consentirebbe di conoscere Messina prima del sisma, attraverso ricostruzioni; realtà virtuali e mantenere vivo il ricordo di quella tragedia che ha provocato quasi 100 mila morti e distrutto la città. Il visitatore, così, si ritroverebbe immerso in un vero e proprio ritorno al passato, prima di quel tragico giorno. La parte didattica, invece, prevede delle sezioni scientifiche dedicate allo studio dei terremoti, come si formano e altri approfondimenti collegati allo studio di questi fenomeni”.

Infine, all’interno, l’apertura di attività commerciali curate dagli operatori locali, legate al merchandising dei poli museali; bookshop; librerie da consultazione e altro”, conclude Saitta.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007