Vertenza Papino, Filcams Cgil chiede il pagamento immediato degli stipendi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Vertenza Papino, Filcams Cgil chiede il pagamento immediato degli stipendi

Redazione

Vertenza Papino, Filcams Cgil chiede il pagamento immediato degli stipendi

mercoledì 31 Luglio 2019 - 13:13
Vertenza Papino, Filcams Cgil chiede il pagamento immediato  degli stipendi

Il 6 agosto nuova protesta se non saranno saldati gli arretrati, proclamato lo sciopero regionale unitario di tutti i lavoratori del Gruppo Papino

MESSINA – “Chiediamo l’immediato pagamento degli stipendi, chiediamo l’intervento alla cassintegrazione, chiediamo il rispetto delle tutele previste dalla legge per evitare questa macelleria sociale. Esigiamo chiarezza sul destino dell’azienda”, dichiara Giselda Campolo della Filcams-Cgil di Messina sulla vertenza regionale della Papino elettrodomestici che coinvolge anche i lavoratori dei punti vendita messinesi di Tremestieri e Milazzo dopo l’incontro che si è tenuto ieri a Catania per la procedura di licenziamento collettivo aperta dal Gruppo Papino che ha registrato la distanza con le organizzazioni sindacali.

“La richiesta aziendale di chiudere la procedura con il nostro avallo è inaccettabile”, puntualizza l’esponente della categoria della Cgil del settore commercio. I sindacati contestando i licenziamenti e la posizione dell’azienda che non intende ricorrere agli ammortizzatori sociali hanno chiesto di conoscere i bilanci e di produrre la documentazione sullo stato aziendale oltre che l’esistenza di accordi in corso per l’acquisizione da parte di altre realtà imprenditoriali.

“Tanti i passaggi poco chiari dell’agire del Gruppo – prosegue Campolo – che ancora oggi nasconde quale sia il progetto complessivo di riorganizzazione o liquidazione aziendale. Temiamo che dietro la volontà di non scoprire le carte sulle trattative in corso con ipotetici compratori nazionali e territoriali ci sia l’intenzione di “snellire” i punti vendita prima della eventuale cessione in modo da aggirare le tutele previste per legge sui livelli occupazionali ma anche sui parametri salariali. Non sarebbe la prima volta che per abbassare il costo del lavoro si procede a dei licenziamenti/dimissioni per poi riassumere gli stessi lavoratori o altri a condizioni contrattuali nettamente inferiori, e per farli assumere magari da società satellite o cessionarie”.

La Filcams Messina inoltre denuncia il blocco degli stipendi che sta aggravando una situazione di incertezza occupazionale per i 23 lavoratori dei punti vendita messinesi ed evidenzia “come il mancato pagamento dei legittimi salari suscita il timore che non pagare gli stipendi diventi arma di ricatto sui lavoratori”.

Il 6 agosto nuova protesta se non saranno saldati gli arretrati, proclamato lo sciopero regionale unitario di tutti i lavoratori del Gruppo Papino.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007