Tragedia sfiorata a Villaggio Aldisio, crolla un pezzo di balcone: un ferito - Tempostretto

Tragedia sfiorata a Villaggio Aldisio, crolla un pezzo di balcone: un ferito

Veronica Crocitti

Tragedia sfiorata a Villaggio Aldisio, crolla un pezzo di balcone: un ferito

domenica 03 Aprile 2016 - 12:11

Ad avere la peggio è stato un uomo di 48 anni, rimasto colpito, ma solo di striscio, dalla caduta del cemento.

Avrebbe potuto avere conseguenze drammatiche il crollo della soletta di un balcone da una palazzina di via Giovanni di Giovanni, a Villaggio Aldisio. Soprattutto considerando che, nello stesso istante in cui il cemento veniva giù, esattamente sotto si trovava un uomo di quarantotto anni insieme alla figlia. Ad avere la peggio è stato proprio l’uomo, rimasto colpito, ma solo di striscio, dalla caduta del cemento. Trasportato al Pronto Soccorso dell’ospedale Policlinico, se la caverà con due punti di sutura e qualche escoriazione.

Tanta paura anche per la moglie dell’uomo che, al momento del crollo, si trovava proprio sopra il balcone. Stava parlando col marito quando si è letteralmente sentita mancare la terra sotto i piedi. Sono stati soltanto i suoi riflessi prontissimi a salvarla. Il tutto è avvenuto questa mattina, poco dopo le 11. Sul posto si sono immediatamente fiondate sia le squadre dei Vigili del Fuoco di Messina sia le pattuglie degli agenti delle Volanti. La zona è stata transennata e messa in sicurezza, mentre i pompieri hanno provveduto a verificare la pericolosità delle strutture e delle palazzine vicine. (Veronica Crocitti)

Tag:

12 commenti

  1. Ma come si è potuta aggrappare alla ringhiera, se lei stava sul balcone, la ringhiera era esterna rispetto alla chiusura metallica, quindi non poteva aggrapparsi, visto che tra lei e la ringhiera vi erano i pannelli metallici!!!
    Qualcosa non torna!!!

    0
    0
  2. Ma come si è potuta aggrappare alla ringhiera, se lei stava sul balcone, la ringhiera era esterna rispetto alla chiusura metallica, quindi non poteva aggrapparsi, visto che tra lei e la ringhiera vi erano i pannelli metallici!!!
    Qualcosa non torna!!!

    0
    0
  3. QUESTO AVVIENE QUANDO IL PROPRIETARIO, IN QUESTO CASO BISOGNA VEDERE SE LA SIGNORA E’ CONDUTTRICE O PROPRIETARIA, IGNORA IL COMPITO DI CONTROLLARE LO STATO DEL PROPRIO IMMOBILE. LA CADUTA DI CALCINACCI E’ COMPETENZA DEL CODICE PENALE. SI SONO VERIFICATI GRAVISSIMI FATTI, ANCHE MORTALI VEDASI LA MORTE DI UN RAGAZZO A NAPOLI, LA MANUTENZIONE E’ IGNORATA. BISOGNA VIGILARE ANCHE CON L’AIUTO DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DAI PROPRIETARI NOMINA UN TECNICO ABILITATO PER LA VERIFICA DELLE PARTI DELL’ISOLATO, SIA COMUNI CHE PRIVATE. LA VERIFICA E’ OPPORTUNA ANCHE PER GLI ALTRI BALCONI, CONSIDERATO CHE FANNO PARTE DELLO STESSO ISOLATO. COSTITUIRE UN FONDO CASSO PER QUESTI CASI E’ UTILE. PREVENIRE E’ OPPORTUNO SI EVITA RISARCIMENTI CIVILI INEVITABILI

    0
    0
  4. QUESTO AVVIENE QUANDO IL PROPRIETARIO, IN QUESTO CASO BISOGNA VEDERE SE LA SIGNORA E’ CONDUTTRICE O PROPRIETARIA, IGNORA IL COMPITO DI CONTROLLARE LO STATO DEL PROPRIO IMMOBILE. LA CADUTA DI CALCINACCI E’ COMPETENZA DEL CODICE PENALE. SI SONO VERIFICATI GRAVISSIMI FATTI, ANCHE MORTALI VEDASI LA MORTE DI UN RAGAZZO A NAPOLI, LA MANUTENZIONE E’ IGNORATA. BISOGNA VIGILARE ANCHE CON L’AIUTO DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DAI PROPRIETARI NOMINA UN TECNICO ABILITATO PER LA VERIFICA DELLE PARTI DELL’ISOLATO, SIA COMUNI CHE PRIVATE. LA VERIFICA E’ OPPORTUNA ANCHE PER GLI ALTRI BALCONI, CONSIDERATO CHE FANNO PARTE DELLO STESSO ISOLATO. COSTITUIRE UN FONDO CASSO PER QUESTI CASI E’ UTILE. PREVENIRE E’ OPPORTUNO SI EVITA RISARCIMENTI CIVILI INEVITABILI

    0
    0
  5. BISOGNA ANCHE COMUNICARE SIA AI PROPRIEARI CHE AGLI INQUILINI, CHE LA SOLETTA DEL BALCONE OLTRE UN CERTO PESO NON PUO’ SOPPORTARE. SI SONO VERIFICATI CASI DI CEDIMENTO DEL PAVIMENTO DEL BALCONE, VI ERANO LA LAVATRICE E MOLTI MOBILI. OLTRE UN CERTO PESO IN MQ E’ VIETATO. IN QUESTO CASO ANCHE LA RESPONSABILITA’ DELL’AMMINISTRATORE ESISTE. POICHE’ DOVREBBE INVIARE UNA COMUNICAZIONE RIPORTANDO I PERICOLI IN CASI DI ABUSI. E’ CLASSICO IL COMPORTAMENTO “COMPLICE” DEGLI AMMINISTRATORI LA PAURA DI NON ESSERE VOTATI, DI AGGRESSIONI. MA, IN TALI CASI VERREBBE ANCH’EGLI COINVOLTO MANCATA SORVEGLIANZA. I PROPRIETARI DOVREBBERO AVERE UNA POLIZZA ASSICURATIVA E UN LIBRETTO DI COMPORTAMENTO NON ESISTE SOLO GAS E LUCE. LE LEGGI CI SONO MA NON APPLICATE

    0
    0
  6. BISOGNA ANCHE COMUNICARE SIA AI PROPRIEARI CHE AGLI INQUILINI, CHE LA SOLETTA DEL BALCONE OLTRE UN CERTO PESO NON PUO’ SOPPORTARE. SI SONO VERIFICATI CASI DI CEDIMENTO DEL PAVIMENTO DEL BALCONE, VI ERANO LA LAVATRICE E MOLTI MOBILI. OLTRE UN CERTO PESO IN MQ E’ VIETATO. IN QUESTO CASO ANCHE LA RESPONSABILITA’ DELL’AMMINISTRATORE ESISTE. POICHE’ DOVREBBE INVIARE UNA COMUNICAZIONE RIPORTANDO I PERICOLI IN CASI DI ABUSI. E’ CLASSICO IL COMPORTAMENTO “COMPLICE” DEGLI AMMINISTRATORI LA PAURA DI NON ESSERE VOTATI, DI AGGRESSIONI. MA, IN TALI CASI VERREBBE ANCH’EGLI COINVOLTO MANCATA SORVEGLIANZA. I PROPRIETARI DOVREBBERO AVERE UNA POLIZZA ASSICURATIVA E UN LIBRETTO DI COMPORTAMENTO NON ESISTE SOLO GAS E LUCE. LE LEGGI CI SONO MA NON APPLICATE

    0
    0
  7. Ma che dici Giovannino, da quelle parti vivete ben oltre il limite della legalità sotto tutti i punti di vista e ti permetti di invocare il rispetto delle Leggi??? Patetico! Patetici! vivere nel rispetto della Legge con la L maiuscola costa molto, sia in termini economici (scomparsa del “nero”) che della rinuncia dei comportamenti incivili, arroganti,presuntuosi ai quali siamo fin troppo abituati. Che esistano le leggi ce ne accorgiamo solo quando succedono i problemi. Tacete e pregate di non rimanere coinvolti, perché tanto non vi risarcirebbe nessuno. Ma avrete sempre il diritto a lamentarvi, in quello siamo maestri.

    0
    0
  8. Ma che dici Giovannino, da quelle parti vivete ben oltre il limite della legalità sotto tutti i punti di vista e ti permetti di invocare il rispetto delle Leggi??? Patetico! Patetici! vivere nel rispetto della Legge con la L maiuscola costa molto, sia in termini economici (scomparsa del “nero”) che della rinuncia dei comportamenti incivili, arroganti,presuntuosi ai quali siamo fin troppo abituati. Che esistano le leggi ce ne accorgiamo solo quando succedono i problemi. Tacete e pregate di non rimanere coinvolti, perché tanto non vi risarcirebbe nessuno. Ma avrete sempre il diritto a lamentarvi, in quello siamo maestri.

    0
    0
  9. AFFERMO CHE NON VOGLIO PARLARE MALE DEL PROPRIETARIO DEL BALCONE SONO CASI DI VITA NESSUNO PUO’ FARCI NIENTE. ANZI LA PAURA CHE HA AVUTO QUESTA SIGNORA E’ GRANDE DA COMPRENDERE. I MIEI INTERVENTI SONO SOLO PREVENZIONE NON DI INSEGNARE A NESSUNO CIO’ CHE DEVONO FARE. CONSIDERAZIONI PERSONALI. NESSUNO PUO’ ESSERE TRANQUILLO DOVE VIVE. I PERICOLI CI SONO ANCHE ACCENDENDO UN INTERRUTTORE PUO’ SCOPPIARE L’INFERNO. PENSO CHE LA SIGNORA ANCORA STAMATTINA SI SENTE COME SE GLI E’ ARRIVATA UN MATTONE IN TESTA. NELLA GALLERIA DI NAPOLI, PREGIO ARCHITETTONICO CITTADINO E NAZIONALE, SI E’ STACCATO UNA PIETRA ED E’ MORTO UN RAGAZZO E IL SINDACO DI NAPOLI? MALEDUCATO SONO TROPPO RIGIDO DI CARATTERE, PER QUESTO VADO OLTRE IL LIMITE. COLLABORAZIONE DI TUTTI

    0
    0
  10. AFFERMO CHE NON VOGLIO PARLARE MALE DEL PROPRIETARIO DEL BALCONE SONO CASI DI VITA NESSUNO PUO’ FARCI NIENTE. ANZI LA PAURA CHE HA AVUTO QUESTA SIGNORA E’ GRANDE DA COMPRENDERE. I MIEI INTERVENTI SONO SOLO PREVENZIONE NON DI INSEGNARE A NESSUNO CIO’ CHE DEVONO FARE. CONSIDERAZIONI PERSONALI. NESSUNO PUO’ ESSERE TRANQUILLO DOVE VIVE. I PERICOLI CI SONO ANCHE ACCENDENDO UN INTERRUTTORE PUO’ SCOPPIARE L’INFERNO. PENSO CHE LA SIGNORA ANCORA STAMATTINA SI SENTE COME SE GLI E’ ARRIVATA UN MATTONE IN TESTA. NELLA GALLERIA DI NAPOLI, PREGIO ARCHITETTONICO CITTADINO E NAZIONALE, SI E’ STACCATO UNA PIETRA ED E’ MORTO UN RAGAZZO E IL SINDACO DI NAPOLI? MALEDUCATO SONO TROPPO RIGIDO DI CARATTERE, PER QUESTO VADO OLTRE IL LIMITE. COLLABORAZIONE DI TUTTI

    0
    0
  11. Siamo nel 2016 … porca miseria basta che si possiede l’ultimo cellulare e poi le cose fondamentali non c sn!

    0
    0
  12. Siamo nel 2016 … porca miseria basta che si possiede l’ultimo cellulare e poi le cose fondamentali non c sn!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007