100 milioni di euro da spalmare in trent’anni: il via libera del Consiglio comunale arriva dopo la mezzanotte - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

100 milioni di euro da spalmare in trent’anni: il via libera del Consiglio comunale arriva dopo la mezzanotte

Rosaria Brancato -DLT

100 milioni di euro da spalmare in trent’anni: il via libera del Consiglio comunale arriva dopo la mezzanotte

mercoledì 11 Maggio 2016 - 22:30
100 milioni di euro da spalmare in trent’anni: il via libera del Consiglio comunale arriva dopo la mezzanotte

Alle 22.30 , al momento di votare l’emendamento proposto dal consigliere Santalco mancava il numero legale, la seduta è stata quindi rinviata di un’ora e alla ripresa c'erano 21 consiglieri comunali. L’intervento della consigliera Lo Presti ha infiammato da subito il dibattito

La seduta straordinaria del Consiglio comunale si è conclusa poco dopo la mezzanotte con l'approvazione delladelibera che prevede la copertura in 30 anni del disavanzo emerso dal riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi. Intorno alle 22.30, al momento di votare l’emendamento proposto dal consigliere Santalco il numero legale era venuto a mancare e la seduta era stata rinviata un’ora. Alla ripresa dei lavori i consiglieri in aula erano 21, cioè la maggiornza più uno, e si è proceduto prima alla dichiarazione di voto e poi alla votazione finale.

Hanno detto sì alla delibera n.317 proposta dalla giunta Accorinti i consiglieri Abbate, Amata, Cantali, Consolo, Crisafi, Cucinotta, Fenech, Parisi, Perrone, Risitano, Rizzo, Santalco Sindoni, Trischitta. Si sono astenuti i consiglieri Barrile, Cardile, Faranda, Interdonato, Russo e Zuccarello. Unico voto contrario quello della consigliera Lo Presti.

IL DIBATTITO

Il dibattito in aula, è iniziato con l’intervento dell’assessore Luca Eller, che ha dovuto fronteggiare le consuete lamentele dei consiglieri, ancora una volta alle prese con l’ennesima delibera arrivata in Aula in corner, e ha provato a giustificarsi così: «Voi mi potreste dire, perché arrivate sempre all’ultimo? Sì, succederà ancora fino all’estate e questo spiace. La spalmatura trentennale avevamo pensato d’inserirla nel previsionale 2015 ma il dilatarsi dei tempi del previsione 2015-2017 rischiava di fare scattare troppo ritardi. Il riaccertamento straordinario è stato lungo e farraginoso, ma alla fine quello ordinario nel consuntivo 2014 è stato fatto, quello straordinario è stato fatto ed è stato esitato dalla giunta con il parere dei revisori dei conti. Stiamo lavorando al riaccertamento ordinario sul consuntivo 2015. Ho cercato di calcolare quanto pagherà ogni cittadino l’anno per questa storia ed ho calcolato 13 euro l’anno. A Roma sono 11 euro, in altri comuni si va dagli 8 ai 10».

La temperatura in aula consiliare si è fatta rovente in seguito alle dichiarazioni della consigliera Nina Lo Presti, che già nel pomeriggio aveva anticipato a Tempostretto le sue perplessità (vedi qui). L’ex accorintiana ha ribadito davanti ai colleghi tutti i suoi dubbi : «Oggi è stata convocata la seduta straordinaria del consiglio, e poco prima la commissione, quando i 45 giorni previsti per votare la delibera scadono il 15 quindi qualche giorno in più l’avremmo avuto per discutere di un ripiano di 96 milioni di euro in 30 anni, che graveranno sui nostri figli. Perché questa fretta? Oggi dovremmo votare un ripiano per i prossimi 30 anni senza aver valutato la delibera “madre” cioè quella di riaccertamento dei residui attivi e passivi. Come facciamo a votare la delibera figlia senza aver preso atto di quella dalla quale deriva? Il presidente della commissione bilancio Abbate peraltro ha deciso di chiedere alla giunta il ritiro della delibera di presa d’atto facendolo a nome di noi consiglieri senza consultarci”.

La Lo Presti ha raccontato anche in Aula di aver richiesto le determine dirigenziali in riferimento all’accertamento dei residui spiegando che dagli Uffici le è stato confermato che non sono state pubblicate all’Albo pretorio, come prevede la legge. «Io – ha aggiunto – oggi dovrei votare una delibera figlia la cui delibera madre mi è sconosciuta poiché non ho potuto vedere gli atti di riferimento e cioè quelli sui residui attivi e passivi. Sono documenti fondamentali. Per i nemici la legge si applica e si fa rispettare, per gli amici si interpreta».

A replicare alla Lo Presti è stato il presidente della commissione Carlo Abbate: “ A noi è pervenuta una delibera di presa d’atto del riaccertamento dei residui, esitata dalla giunta. Ho quindi fatto notare che la legge 118 all’art.3 rubrica questo provvedimento, individuandolo come atto unico della giunta, previo parere dei revisori dei conti. Quindi si tratta di una mera comunicazione ed il direttore generale ha condiviso questa interpretazione. Il consigliere comunale ex Dr oggi Gruppo Misto non ha fatto mancare la solita citazione: «Schopenauer diceva che la politica è la ricerca della felicità, se c’è animosità non la raggiungeremo mai….».

Il ruolo del pompiere è toccato al capogruppo di Felice per Messina Giuseppe Santalco, che da una parte ha voluto sottolineare i benefici offerti agli enti locali dalla normativa vigente in tema di rateizzazione delle passività dall’altra anche affidare un compito all’amministrazione : “Ho fatto una ricerca ed ho notato che negli altri Comuni la presa d’atto è un provvedimento unico che viene solo comunicata ai capigruppo. La possibilità di spalmare in 30 anni è una ciambella di salvataggio che il governo uol dare ai Comuni. : Quel che però l’amministrazione deve fare adesso è attivare tutte quelle azioni volte a recuperare i crediti ed è in questa direzione che ho presentato un emendamento”.

La capogruppo Ncd Daniela Faranda si è invece soffermata sui crediti non più esigibili, chiedendo maggiore chiarezza sulla quantificazione ed individuazione di questi.

Non sono mancate le scintille con gli interventi successivi e che hanno visto battibeccarsi il capogruppo di Forza Italia Giuseppe Trischitta che ha punzecchiato il Pd "siete al governo con Renzi eppure andate contro quei provvedimenti che Renzi vuole per salvare i comuni dal dissesto. Qui o votiamo questa delibera oppure dal 15 il consiglio non esiste più, ce ne possiamo andare a casa tutti" e la capogruppo Pd Antonella Russo: "Noi parliamo di fatti ed in ogni caso quest'Aula sta diventando un consiglio di balilla e di omofobi". Puntuale la replica dell'assessore che ha spiegato alcuni dettagli tecnici relativi ai crediti da recuperare ed alle somme da spalmare.

Nel frattempo però Trischitta e gran parte di quanti erano a favore della delibera, nonchè gli stessi firmatari dell'emendamento Santalco se ne erano già andati via, così al momento del voto è venuto a mancare il numero legale.

Rinviata di un'ora, la seduta – come detto – è ripresa regolarmente con 21 consiglieri presenti.

L’Aula è così riuscita a chiudere il capitolo della rateizzazione del disavanzo da quasi 100 milioni di euro prima della scadenza del 15 maggio.

Rosaria Brancato – Danila La Torre

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

16 commenti

  1. Ma come si fa a dare fiducia a questi consiglieri che sono stati votati per la loro fede politica ad un partito e quando cambia il vento cambiano anche loro partito? Alle prossime elezioni si accorgeranno come le cose sono cambiate e non saranno più votati.Intanto non avrebbero diritto di voto in quanto non rappresentanti la volontà popolare.

    0
    0
  2. Ma come si fa a dare fiducia a questi consiglieri che sono stati votati per la loro fede politica ad un partito e quando cambia il vento cambiano anche loro partito? Alle prossime elezioni si accorgeranno come le cose sono cambiate e non saranno più votati.Intanto non avrebbero diritto di voto in quanto non rappresentanti la volontà popolare.

    0
    0
  3. 100 ml. di euro che ricadranno sulla testa dei nostri figli e nipoti. Facile votare a favore quando si sa già che loro non pagheranno nulla mai.Buffoni buffoni buffoni e come dice Sgarbi CAPRE CAPRE CAPRE

    0
    0
  4. 100 ml. di euro che ricadranno sulla testa dei nostri figli e nipoti. Facile votare a favore quando si sa già che loro non pagheranno nulla mai.Buffoni buffoni buffoni e come dice Sgarbi CAPRE CAPRE CAPRE

    0
    0
  5. Come al solito c’era metà del Consiglio Comunale seduto comodamente a casa, sarebbe doveroso che la presidentessa BARRILE ci informasse sul conseguente calo della spesa destinata al gettone di presenza, oppure non è cambiato nulla a dispetto delle indagini? Caro ELLER chi può credere a un disavanzo annuale di soli €28.438.347 del Comune di Roma, a quei €13 a testa dei romani, quando il Fondo Crediti di dubbia e difficile riscossione è di 2 miliardi e 757 milioni, e guarda caso il disavanzo da ripianare in 30 anni è soltanto di 805 milioni. Ma chi ci crede, finiamola con questa buffonata dei bilanci di previsione farsa di Comuni, di fatto falliti da tempo, Roma e Catania hanno la fortuna di Revisori dei Conti buoni di cuore.

    0
    0
  6. Come al solito c’era metà del Consiglio Comunale seduto comodamente a casa, sarebbe doveroso che la presidentessa BARRILE ci informasse sul conseguente calo della spesa destinata al gettone di presenza, oppure non è cambiato nulla a dispetto delle indagini? Caro ELLER chi può credere a un disavanzo annuale di soli €28.438.347 del Comune di Roma, a quei €13 a testa dei romani, quando il Fondo Crediti di dubbia e difficile riscossione è di 2 miliardi e 757 milioni, e guarda caso il disavanzo da ripianare in 30 anni è soltanto di 805 milioni. Ma chi ci crede, finiamola con questa buffonata dei bilanci di previsione farsa di Comuni, di fatto falliti da tempo, Roma e Catania hanno la fortuna di Revisori dei Conti buoni di cuore.

    0
    0
  7. Lo vogliamo capire, SI o NO, che chi ha amministrato i Comuni per conto di #QUELLIDISEMPRE# li ha portati alla bancarotta finanziaria e morale? Questa valanga di nuovi principi contabili sono un tentativo disperato di frenare questo allegro amministrare, uno di questi è stato battezzato in linguaggio astruso per i cittadini, COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA, avrebbero fatto meglio a chiamarlo in modo comprensibile a tutti, TANTI ACCHETI E TANTI BUTTUNA, così l’avremmo fatta finita con chi pensa di avere il posto sicuro a Palazzo Zanca, MessinaAmbiente, Atm , Amam, Servizi Sociali, Casa Serena, o il gettone di presenza certo, o con le migliaia di messinesi che con i loro avvocati aggrediscono legalmente la mucca da mungere U MUNICIPIU.

    0
    0
  8. Lo vogliamo capire, SI o NO, che chi ha amministrato i Comuni per conto di #QUELLIDISEMPRE# li ha portati alla bancarotta finanziaria e morale? Questa valanga di nuovi principi contabili sono un tentativo disperato di frenare questo allegro amministrare, uno di questi è stato battezzato in linguaggio astruso per i cittadini, COMPETENZA FINANZIARIA POTENZIATA, avrebbero fatto meglio a chiamarlo in modo comprensibile a tutti, TANTI ACCHETI E TANTI BUTTUNA, così l’avremmo fatta finita con chi pensa di avere il posto sicuro a Palazzo Zanca, MessinaAmbiente, Atm , Amam, Servizi Sociali, Casa Serena, o il gettone di presenza certo, o con le migliaia di messinesi che con i loro avvocati aggrediscono legalmente la mucca da mungere U MUNICIPIU.

    0
    0
  9. Caro ELLER pure lei crede nei documenti contabili dei Comuni, compresi quelli di Messina, da tempo faccio riferimento solo ai flussi di cassa SIOPE. A Roma hanno perso perfino le carte per quantificare correttamente il debito, non lo dice mariedit ma il commissario del Governo in una audizione al Parlamento. Le invio il link del risultato di amministrazione di Roma Capitale, meno male che lo chiamano presunto, perché solo uno sprovveduto può credere che Roma possa partire per calcolare il disavanzo da un risultato di 3 mld e 695 mln, conseguenza di un risultato positivo al 1 gennaio 2015 di 2 mld e 986 mln in piena bufera di mafia capitale, con un debito di oltre 12 mld e con residui attivi di parte corrente di 5 mld e 654 mln.

    0
    0
  10. Caro ELLER pure lei crede nei documenti contabili dei Comuni, compresi quelli di Messina, da tempo faccio riferimento solo ai flussi di cassa SIOPE. A Roma hanno perso perfino le carte per quantificare correttamente il debito, non lo dice mariedit ma il commissario del Governo in una audizione al Parlamento. Le invio il link del risultato di amministrazione di Roma Capitale, meno male che lo chiamano presunto, perché solo uno sprovveduto può credere che Roma possa partire per calcolare il disavanzo da un risultato di 3 mld e 695 mln, conseguenza di un risultato positivo al 1 gennaio 2015 di 2 mld e 986 mln in piena bufera di mafia capitale, con un debito di oltre 12 mld e con residui attivi di parte corrente di 5 mld e 654 mln.

    0
    0
  11. La lettura di questo documento di Roma Capitale è istruttiva non solo per ELLER. E’ il risultato di amministrazione, quello da cui si parte per calcolare, dopo aver definito il Fondo Credita di dubbia e difficile riscossione, il famoso disavanzo da ripianare in 30 anni senza interessi, ecco peché non si ricorre alle Banche come vorrebbero alcuni Consiglieri Comunali, sarebbe meno conveniente. http://www.comune.roma.it/resources/cms/documents/bilancio2016_03_Allegato_2_Nota_integrativa.pdf.

    0
    0
  12. La lettura di questo documento di Roma Capitale è istruttiva non solo per ELLER. E’ il risultato di amministrazione, quello da cui si parte per calcolare, dopo aver definito il Fondo Credita di dubbia e difficile riscossione, il famoso disavanzo da ripianare in 30 anni senza interessi, ecco peché non si ricorre alle Banche come vorrebbero alcuni Consiglieri Comunali, sarebbe meno conveniente. http://www.comune.roma.it/resources/cms/documents/bilancio2016_03_Allegato_2_Nota_integrativa.pdf.

    0
    0
  13. si parla dell’amministrazione comunale? Michele si scatena.Michele s sa tutto e Michele son sempre mi!

    0
    0
  14. si parla dell’amministrazione comunale? Michele si scatena.Michele s sa tutto e Michele son sempre mi!

    0
    0
  15. I have a dream! Messinesi liberi!

    0
    0
  16. I have a dream! Messinesi liberi!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007